“Je t’aime” summer student festival 2015

Arrivato alla sua XIV edizione, il Summer Student Festival (Je t'aime), abbreviato SSF, è uno dei principali eventi di musica contemporanea e indipendente del Nordest, che si svolge a Padova ormai da 14 anni, tra la fine di maggio e l’inizio di giugno.

Negli anni il festival si è ampliato, anticipando l’apertura serale all’orario dell’aperitivo per ospitare incontri e dibattiti culturali di ogni genere con la rassegna Summer Sunset.

Lo splendido parco della Golena San Massimo (via San Massimo 137), uno tra i più suggestivi luoghi padovani e gioiello del patrimonio storico-artistico della città, sarà nuovamente teatro del festival, poco lontano dal centro storico di Padova e raggiungibile comodamente in bicicletta o a piedi.

La combinazione di una proposta musicale e culturale di alta qualità con la valorizzazione di uno spazio così prezioso e, purtroppo, ancora poco conosciuto, non è che un valore aggiunto al nostro Festival.

Il Festival punta a crescere ed arricchirsi di anno in anno, nella volontà di confermarsi come appuntamento di riferimento non solo per gli studenti che animano la città, ma anche per il territorio e la cittadinanza tutta, contribuendo sempre più a fare di Padova un nodo nevralgico e d’eccellenza a livello di proposte culturali.

Quest’anno infatti il SSF durerà ben nove giorni, dal 29 maggio al 6 giugno 2015, con il costante obiettivo di offrire concerti selezionati accuratamente e meticolosamente.

Inoltre, come sempre il Festival rimane ad ingresso completamente gratuito e ogni sera sarà possibile cenare presso la Golena grazie al menù ricco di cibi locali selezionati, birre artigianali e bevande a prezzi più che onesti.

Confermata anche quest’anno la fruttuosa e florida collaborazione con lo studio grafico Tankboys di Venezia, che ha coordinato la veste grafica del progetto rinnovandone logo ed immagine coordinata, incarnando perfettamente il concept trainante del progetto e conferendo al festival un’impronta riconoscibile e familiare, eppure mai scontata.

Il Mondayscreen, in versione Summerscreen, presenta come di consueto una ricca e assolutamente non banale programmazione di film, da proiettare ogni sera.

Il Summer Sunset, nella fascia oraria tra aperitivo e cena, ospiterà un vasto programma di appuntamenti culturali di alto profilo, con la presenza di ospiti di riguardo come Wolf Bukowski, Lea Melandri e Alisa Del Re, due protagoniste indiscusse della storia del movimento femminista italiano, Spinoza e Lercio, i pesi massimi delle news satiriche, e molti altri ancora.

Riproponiamo inoltre, per il secondo anno di fila, il JE T’AIME ENCORE, RÉPUBLIQUE, la giornata interamente dedicata alla festa della Repubblica, la Repubblica di tutti, caratterizzata dal tema della multiculturalità e da una svariata serie di attività e proposte a partire dalle 12:00.

Il nostro Festival dunque, forte delle proprie scelte organizzative ed artistiche, mira ancora una volta a divenire un appuntamento di fondamentale importanza per un territorio che mai quanto ora necessita di nuovi luoghi di aggregazione, di stimoli di qualità, oltre che di validi punti di riferimento culturali.

IL PROGRAMMA DI OGNI SERA:

18.30 SUMMER SUNSET

aperitivi e cene con dibattiti, presentazioni di libri, danze e teatro

21:00 SUMMERSCREEN

rassegna di cinema all’aperto, in contemporanea ai live, organizzata da Mondayscreen

21:30 LIVE CONCERTS

inizio delle esibizioni sul palco principale

Organizzato da Asu Padova (Associazione Studenti Universitari) e Il Sindacato Degli Studenti.

Con il contributo di Università degli Studi di Padova, ESU di Padova, Comune di Padova assessorato alla Cultura, Coop Adriatica e Arci Padova.

VENERDÌ 29 MAGGIO

18:30

LE PASSIONI DURATURE DEL FEMMINISMO

Ospiti: Lea Melandri, Alisa Del Re

In collaborazione con il corso di formazione sulla violenza di genere e le associazioni Lìbrati. La Libreria delle donne di Padova, Frida, Associazione Differenza Donna.

Liberazione e differenza sono due dei concetti chiave alla base delle elaborazioni e delle pratiche del femminismo italiano. Insieme a Lea Melandri e Alisa Del Re, due protagoniste indiscusse della storia del movimento femminista italiano, rifletteremo sulla nascita del movimento, su come esso si sia evoluto, sull'attualità delle sue originarie istanze alla luce di un mondo di società e culture che forse solo apparentemente stanno cambiando.

21:30

OBN III's (punk / garage rock - Tic Tac Totally, US)

"Questi qua sono degli animali, punto." Così John Dwyer (leader dei Thee Oh Sees e fondatore della Castle Face) descrive gli OBN III's, la band guidata da Orville Bateman Neeley III, frontman dotato di un tale carisma che sembra venire fuori da un gruppo rock di tre o quattro decenni fa.

La musica di questi sei texani è potente e genuina, non si piega a compromessi, e i loro live show sono un'esperienza che oscilla tra l'epico e l'epilettico. Alla fine del concerto lasceranno sul palco birra, sangue e i loro cuori.

CAPRA (garage / rock - To Lose La Track, IT)

Dopo le 130 date del tour di Raudo dei Gazebo Penguins (che erano passati da noi lo scorso anno, ma gli aveva impedito di esibirsi) e le altre 40 assieme a Johnny Mox, Gabriele Malavasi a.k.a. Capra decide di intraprendere questa avventura solista.

Il risultato è l'album "Sopra La Panca", in cui convivono serenamente lo spirito infiammabile del punk rock e le riflessioni sulla vita adulta da musicista. Sul palco è accompagnato dalla batteria di Mattia Bardin (Il Buio) e dalle tastiere di Andrea Suriani (I Cani).

DOUG TUTTLE (psychedelic rock / folk rock - Trouble In Mind, US)

Primissimo artista a suonare al Summer Student Festival di quest'anno sarà Doug Tuttle, ex chitarrista dei MMOSS al primo disco solista: psichedelia West Coast condita da un attitudine pop che rimanda a Beach Boys e Byrds. Il cantautore dello New Hapshire immergerà la Golena in un'adorabile nostalgia sonora, tra avvolgenti paesaggi sixties e svasi lisergici. On stage con lui ci saranno Noah Bond e Jesse Gallagher.

SABATO 30 MAGGIO

18:30

UNIVERSITÀ, STUDENTI E MONDI LONTANI: UN PONTE DA GARISSA A PADOVA

Ospiti: James Ombongi e Kelvin Njihia, attivisti keniani di cui ascolteremo l’intervista; Serena Fioravanti, membro di Karibu Afrika Onlus, intervistatrice dei ragazzi keniani.

Modera l’incontro: Chiara Stenghel, dottoranda in Filosofia dell’Università di Padova e membro di Karibu Afrika Onlus.

In collaborazione con: URBAN SEEDS - idee per Padova, Karibu Afrika Onlus, Valide Alternative per l'integrazione, Giovani PSM

Cos’è successo a Garissa? La risposta non è così immediata, se si pensa che prima dei fatti del 2 aprile in pochi sapevano dell’esistenza di questo luogo. Questo incontro vuole proporsi come un momento di conoscenza e di riflessione nei confronti di studenti come noi che vivono in un mondo apparentemente lontanissimo. Un ponte da Garissa a Padova, dunque, per scoprire, nell'incontro con l’altro, qualcosa di più di noi.

21:30

POPULOUS (glitch hop / world music - Bad Panda, IT)

Populous è l'alias di Andrea Mangia, musicista e produttore di Lecce, affiliato per buona parte dello scorso decennio alla label berlinese Morr Music, per la quale fa uscire tre album dal 2002 al 2008, attraversando un percorso artistico che lo porterà a incrociare collaboratori occasionali come DoseOne dei Clouddead o Jukka Reverberi dei Giardni di Mirò a remixer dl calibro di Martyn e Teebs.

Il 2014 è l'anno del suo ritorno e rinascita: l'hip hop che da sempre ha caratterizzato le sue produzioni, da astratto si è ingrossato di bassi e 808, i synth dalle spazialità affini a casa Warp passano alla psichedelia di James Holden e Caribou, l'elettronica dreamy trova nuovi abiti pop. Il suo ultimo lavoro "Night Safari" punta a una personale visione world che lo fa diventare in breve uno degli artisti più chiacchierati e ammirati della vigorosa scena elettronica italiana degli anni Dieci.

DOMENICA 31 MAGGIO

18:30

Ospiti: Elio Franzin, presidente onorario degli Amissi del Piovego

In collaborazione con: Amissi del Piovego.

La storia del parco contornato dalle antiche mura del Cinquecento che ci ospita ogni anno, spiegata da chi l'ha vissuta.

21:30

MORGAN DELT (neo psychedelia / psychedelic rock - Sub Pop, US)

New entry nella scuderia della storica etichetta Sub Pop, che prossimamente pubblicherà il suo secondo disco, con l'omonimo album d'esordio Morgan Delt si è valso dell'acclamazione di alcune delle più importanti testate musicali del mondo, nonché la simpatia dei Flaming Lips che l'hanno invitato in tour e a registrare con loro.

Nella sua musica quarant'anni di psych pop esplodono in mille pezzi che Morgan rimette insieme a suo modo, in un puzzle che appare sì familiare ma che risulta comunque nuovo e rinfrescante come non mai. La sua unica data italiana trasformerà il Summer Student Festival nella Summer of Love.

+ more TBA

LUNEDÌ 1 GIUGNO

18:30

LA DANZA DELLE MOZZARELLE: SLOW FOOD, COOP, EATALY E LA LORO NARRAZIONE

Ospiti: Wolf Bukowski

In collaborazione con: L'Ombra di Galileo

“Wolf Bukowski spiega come il «sogno» di Gambero Rosso e Slow Food si sia tramutato in un incubo turbocapitalista mentre il modello neoliberista di Eataly si allarga nelle città e cancella diritti. Si tenta di far passare per «buoni» i nuovi padroni, che inneggiano alla «resistenza contadina» e fanno affari con un neolatifondista che occupa 900.000 ettari di terra Mapuche in Patagonia; parlano di «autenticità» e propongono per l'Italia futuri preconfezionati da «Disneyland del cibo» e «Grande Sharm el-Sheikh». Questa è la storia di come ce l'hanno data a bere parlando di mangiare.”

L’introduzione del libro "La danza delle mozzarelle: Slow Food, Coop, Eataly e la loro narrazione" lancia un messaggio forte e chiaro. Ne parleremo con l’autore.

21:30

NATHAN FAKE (idm / techno - Border Community, UK)

Esordito a soli 19 anni sulla Border Community di James Holden con l'instant classic techno "Outhouse" (2003), Nathan Fake sin dalle primissime produzioni ha giocato un ruolo di spicco nel panorama internazionale della musica elettronica e oltre, grazie a una serie di release che culminano con quel capolavoro di debut che è "Drowning In A Sea Of Love" (2006).

La sua decennale carriera, che conta tre LP, svariati singoli ed EP, remix da parte di artisti come il già citato Holden e Four Tet e remix fatti per altri artisti come Radiohead e Clark, è una costante prova della genialità di Nathan, capace di unire diversi universi sonori come pop, electro, ambient e psichedelia in un unica e distintiva cifra stilistica. Lo scorso anno ha fondato la sua personale label insieme a Wesley Matsell, la Cambria Instruments, su cui a gennaio è uscito il lungo EP "Glaive", che ha le dimensioni di un album e il suono di una promessa che ricalibra ancora il sound di Fake verso nuovi orizzonti.

+ more TBA

MARTEDÌ 2 GIUGNO

dalle 12:00

JE T’AIME ENCORE, RÉPUBLIQUE

Per il secondo anno la Golena sarà aperta già da mezzogiorno, per festeggiare la festa della Repubblica di tutti in un tripudio di multiculturalità.

Come da tradizione gli Amissi del Piovego daranno la possibilità di conoscere la Golena direttamente dal Piovego... voga alla veneta sia!

tutta la giornata

Esposizione delle foto vincitrici del CONCORSO FOTOGRAFICO “Migrazione: storie di viaggi, di arrivi e partenze”. ore 12:00

ECO-PIC NIC!

Griglie accese e piatti speciali da gustare seduti sul prato della Golena in stile pic-nic.

Quale altro modo per passare il due giugno se non tutti insieme rilassati su un prato? ore 15:00

DIY Lab

Do it yourself! Tre laboratori diversi per imparare a cucire, riciclare materiale e aggiustare la bici! ore 15:00 e 18.00

JUGGLING ENGINEERING!

Laboratorio di giocoleria con I CircoScritti e special guestss...

Ali Akbar Rahati Nover in arte GHOST!

e Alessandro Budroni!

ore 17.00

UNO SPETTACOLO "A TU PER TU" di Daniel Romila,Associazione Parada

L’efficacia della semplicità del circo viene proposta attraverso una coinvolgente dimostrazione di giocoleria: tramite l’interazione dove il personaggio nasce di fronte al pubblico ma che alla fine dà il suo posto a qualcuno del pubblico.

...Alla fine tutti abbiamo bisogno di ridere.

ore 18:30

L'IMMIGRAZIONE AFRICANA TRA DINAMICHE ENDOGENE ED ESOGENE

Ospiti: Folly G. Ekue

In collaborazione con: Cui Padova, FISAI - Back To Afrika

L'immigrazione africana tra dinamiche endogene e esogene. Che cosa succede in Africa? Come spiegare in effetti questo continuo flusso migratorio che sta prendendo d'assalto le frontiere meridionali dell'Europa rischiando di rimodellare gli equilibri sociali nei paesi interessati? Che cosa vengono a cercare gli Africani in Europa, in Italia? Come analizzare il fenomeno dell'esodo africano alla luce delle dinamiche internazionali, ovvero esogene, e dei loro impatti sulla mobilità delle persone?

ore 19:30

ASSAGGI MULTIETNICI

Quale migliore occasione della festa della Repubblica Italiana per ricordarci che l’Italia è di tutte le culture e i popoli che la vivono e la rendono unica?

E quale potrebbe essere il modo migliore per condividere momenti insieme se non con la passione per il cibo? Uno speciale aperi-cena in stile indiano sarà preparato in collaborazione con Valide Alternative per l’Integrazione.

21:30

I CAMILLAS (surreal pop / alt pop - Wallace, IT)

"I Camillas" nascono idealmente (dato che per 40 anni non producono niente) a Pordenone nel 1964 come duo formato da Ruben Camillas (chitarre, xilofono, voce) e Zagor Camillas (tastiere, cimbalo, voce), ma nel 2004 si ha la formazione ufficiale della band.

Pubblicano, dopo un paio di ep, gli album “Le politiche del prato” nel 2009 e “Costa Brava” nel 2012 e un live nel 2013.

In “Costa Brava” si alternano sfumature rock cantautorale, colpi synth, organi e chitarre distorte. I testi sono degni dei migliori Camillas e la particolarità di questo lp è che è stato coprodotto da ben sette etichette: I Dischi di Plastica, Le Arti Malandrine, Garrincha Dischi, DiNotte Records, Tafuzzy, Wallace, Mangiarebene Dischi.

MOPLEN (alt pop / indie rock - Alive, IT)

Testualmente Moplen "è un progetto musicale padovano che dal 2014 unisce mente e corpo dei cinque scapestrati Max, Ale, Novak, Jesse e Digi nell'obiettivo comune di presentare un repertorio che mescoli la tipica spensieratezza indie con gli elementi più caratteristici del pop, quali la progressione armonica II-V-I e testi atti a sottolineare il fatto che non sanno cosa combinare della loro futile esistenza."

I Moplen sono parte del collettivo Alive, nato con l'intento di far rinascere la scena musicale emergente padovana.

MERCOLEDÌ 3 GIUGNO

18:30

COME MINIMO UN REDDITO - Ripensare il welfare italiano

Ospiti: Federico Martelloni, docente del Dipartimento di Scienze Giuridiche Università di Bologna; Giacomo Gabbuti, attivista di ACT, si occupa di ricerca in storia economica

In collaborazione con: ACT agire, costruire, trasformare - Veneto

Dopo i diversi incontri organizzati nell'ultimo anno, in cui abbiamo analizzato il welfare italiano dal punto di vista studentesco, delle nuove famiglie e dei lavoratori precari, cercheremo di mettere insieme gli elementi emersi tentando di comprendere come rendere il welfare veramente universale. In particolare, affronteremo il tema del reddito minimo e di come questo possa assumere un ruolo emancipatorio nella vita della singola persona.

21:30

ICEAGE (post punk / garage rock - Matador, DK)

Ci sono poche band di cui poter essere certi che lasceranno un segno nel rock degli anni Dieci: una di queste sono gli Iceage. Emersi nel 2011 con quella bomba a orologeria a metà tra post punk e post hardcore che era "New Brigade", si sono subito fatti notare dalla Matador; il sophomore "You're Nothing" (2013) è una conferma del sound sporco e aggressivo degli esordi, che si fa più maturo ed espressivo, in cui trova spazio anche una malata cover della nostra Mina nazionale.

Ma è con il terzo album "Plowing Infto The Field Of Love" che il gruppo dimostra una volta per tutte il suo valore e il suo coraggio compositivo: il loro suono subisce una forte sterzata americana e garage, i Joy Division ci sono ancora ma questa volta c'è anche Nick Cave, ci sono i fiati, gli archi e il pianoforte, il carisma del cantante Elias Bender Rønnenfelt è travolgente come non mai e tutto è tanto contrastante quanto coerente con il percorso pregresso di questa band da cui non possiamo far altro che aspettarci solo altre grandi cose in futuro.

HAVAH (post punk / wave - To Lose La Track, IT)

Nato come progetto wave di Michele Camorani (batterista delle storiche formazioni hardcore La Quiete e Raein), Havah è tra i nomi più talentuosi ed emozionanti del panorama post punk italiano.

Attivo dal 2009, si è fatto conoscere nel 2012 con l'uscita di "Settimana", quando ha abbandonato le registrazioni casalinghe ed ha iniziato a cantare in italiano. "Durante Un Assedio" (2014) lo consacra come rivisitatore di una darkwave che non lascia speranze: ritmi ripetitivi, testi cupi, chitarre affilate che incidono in profondità.

GIOVEDÌ 4 GIUGNO

ore 18:00

Associazione Culturale Abracalam presenta:

QUESTO FANTASMA

azione scenica del laboratorio

TO BE IN THE SUN - Percorso teatrale sull'AMLETO

Un fantasma sembra aggirarsi sulle mura di Elsinore. La curiosità prevale sul timore e qualcuno è disposto ad attendere ore pur di essere presente al momento dell'apparizione. Ma più che il motivo dell'attesa, è l'attesa stessa a dar vita a idee, pensieri, canti, che trasportano le tematiche di Amleto oltre i confini dell'opera scespiriana.

In scena: Marco Capurso, Claudia Polato, Valentina Puato, Daniele Silvan, Francesca Tauro, Valentina Zilio.

ore 19:00

MASS MEDIA: SIAMO SICURI CHE CE LA RACCONTINO GIUSTA?

Ospiti: Patrizia Cecconi, attivista e giornalista, e Marco Scarcelli, assegnista di ricerca presso il dipartimento di Sociologia dell’Università degli Studi di Padova.

In collaborazione con: Costituiamoci!

Questo incontro racchiude l’anima del progetto Costituiamoci!. Insieme al Dott. Marco Scarcelli verrà innanzitutto spiegato in termini generali il rapporto tra informazione e diritti, con un breve excursus sui mass media italiani e le loro modalità di informazione. Esamineremo poi un caso di studio con Patrizia Cecconi, presidente della onlus "Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese": nello specifico l’argomento verterà sulle vicende Israele-Palestina, prendendo in considerazione il linguaggio mediatico delle notizie, cosa viene percepito dall’esterno e, naturalmente, una conclusione aperta alla discussione in stile Costituiamoci!.

21:30

K-X-P (krautrock / dark electro - Smalltown Supersound, FI).

I K-X-P sono tre o quattro finlandesi artefici di un'intensa combinazione di post kraut e acid house: danno così vita a un suono incredibilmente ritmico attorno a cui si sviluppano profondi groove dalle paranoiche sensazioni dark disco e motorik. Formatasi dalle ceneri di alcuni seminali gruppi finlandesi, la band è nata dal desiderio del frontman Timo Kaukolampi di smettere di suonare in una band: i K-X-P sono "l'antidoto alle normali band", dice, "sono l'anti-band".

Esorditi nel 2010 su Smalltown Supersound con il self-titled, hanno subito dimostrato la loro peculiare imprevedibilità tramite il seguito "II" (2012), dove sporcano la loro kraut-tronica di sciamanismo rock'n'roll e follia glam punk, e l'EP "The Hystory Of Techno" (2014), in cui approdano su terreni decisamente dancefloor-oriented. È ora in uscita la loro terza fatica sulla lunga distanza "III Part I", che incorporerà le ultime escursioni nella techno allo spirito glam cosmico e sciamanico del sophomore e sarà presentata in esclusiva italiana al Summer Student Festival.

THE LAY LLAMAS (space rock / krautrock, Rocket Recordings, IT)

I Lay Llamas sono un significativo tassello della nuova ondata psych italiana, sia per la qualità della musica in sé che per la visibilità ottenuta all'estero, grazie anche all'interessamento della Rocket Recordings.

Nicola Giunta e Gioele Valenti si fanno interpreti di una psichedelia ritmicamente spinta, con inserti etnici tribali, senza però risultare cupa, anzi diventando a volte quasi gioiosa, rievocando a tratti gli Animal Collective più pop e altrove il sole radioattivo di Sun Araw e Peaking Lights.

Venerdì 5 giugno

18:30

TTIP: TREAT OR TRICK?

Ospiti: Marco Bersani, coordinatore nazionale ATTAC Italia

In collaborazione con: L'Osteria Volante

Si chiama Transatlantic Trade and Investment Partnership (Ttip) e viene presentato come il più grande negoziato di liberalizzazione commerciale tra Stati Uniti e Unione Europea, che andrebbe così a costruire tra le due sponde dell’Atlantico il più vasto mercato interno mondiale, oltre il 40 % del PIL mondiale: accordo ancora poco chiaro ai più, nonostante la portata e l'importanza a livello globale.

Chi lo sostiene crede che sia un ulteriore passo verso quel libero mercato globale autoregolato ed efficiente alla Adam Smith, chi lo critica crede che sia uno strumento nelle mani delle grandi imprese per bypassare diritti costituzionali in tema di welfare, lavoro e diritti.

21:30

WARM SODA (power pop / garage rock, Castle Face, US)

Dopo un 7" e un EP usciti nel 2012, dal 2013 i Warm Soda sono una di quelle figate che solo la cara Castle Face poteva propinarci. Con un album all'anno i quattro texani hanno creato un power pop assassino, con elementi di glam e garage rock, energia punk, Big Babol e un pizzico di angoscia adolescenziale: il risultato è l'assoluta impossibilità del loro pubblico di trattenersi dal saltare.

I Warm Soda hanno creato la formula perfetta, un sound che ti fa stare semplicemente bene, pieno com'è di chitarre dai riff contagiosi e armonie super catchy cantate con estrema prodezza.

RED WORMS' FARM (garage rock / post hardcore, Fooltribe, IT)

I Red Worms' Farm vengono da Padova e sono un gruppo atipico, che sa bene cosa conta e cosa no: senza nessuna distribuzione o grossa agenzia alle spalle hanno suonato in tutta Italia e non solo, esaurendo ai concerti i cd che loro stessi si sono stampati.

Perché alla fine l'unica cosa che conta è suonare e se li avete già visti su un palco sapete che band come loro non se ne incontrano tutti i giorni. Il loro è un impatto che non concede respiro, tra ritmiche che obbligano a sollevare i piedi da terra e chitarre taglienti come coltelli.

SABATO 6 GIUGNO

18:30

SATIRA CHI?

Ospiti: Spinoza.it e Lercio!

In collaborazione con: Costituiamoci!, No al degrado

In un Articolo Scientifico elogiato dalla Stampa Internazionale si dice che questa serata sarà da piegarsi in due. Due, come Spinoza e Lercio, i pesi massimi delle news satiriche che si uniranno al nostro degrado padovano, ben esplicitato dalle zaffate di odori di gamberi provenienti dal canale che porta in Golena S. Massimo. Due, come i convenevoli che ci scambieremo su come la satira può fare informazione, bla bla burp. ALLE 20 STOP KEBAB, non somministrare fuori dall'internet, se il degrado persiste non consultare il medico.

21:30

BLANCK MASS (electronic / drone - Sacred Bones, UK)

Blanck Mass è il solo project di Benjamin John Power, uno dei due Fuck Buttons, ovvero una delle cose più fighe che siano mai capitate alla musica elettronica. Inizialmente "Blanck Mass" era destinato ad essere una semplice raccolta di brani ambient per la Rock Action dei Mogwai, ma l'interesse intorno al progetto è schizzato dopo l'utilizzo del singolo "Sundowner" per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra. All'omonimo disco del 2011 è quindi seguita da una release sulla Software di Oneothrix Point Never che esplorava territori sonori più complessi, portando Blanck Mass a prendere vita anche nella sfera live e a seguire in tour i Sigur Rós.

A maggio è uscito, sull'etichetta di culto Sacred Bones, "Dumb Flesh", un secondo album di una tale potenza da poter rivaleggiare con le creazioni dei Fuck Buttons: è presente la devastante e meravigliosa impronta drone/noise del progetto madre, ma nessuna produzione del duo è mai stata tanto accessibile quanto le melodie emozionanti e i momenti di occulta impetuosità delle nuove composizioni di Blanck Mass, che infiammeranno per la prima volta l'Italia proprio in occasione dell'ultima notte del Summer.

NIGHT MUSIK (electronic / synthwave - Mind, US)

Night Musik è l'ultimo progetto di Shub Roy (già membro dei veterani Sacred Bones The Pink Noise, della nostra vecchia conoscenza Yamantaka // Sonic Titan e dell'ultima incarnazione live di Dirty Beaches), da poco uscito sulla neonata label franco-giabbonese Mind Records.

Quella di Night Musik è una scintillante synthwave, colorata da ombre techno, industrial e ambient che ne esaltano l'ammiccante appeal dancefloor.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Massimo Ranieri "Sogno e son desto 500 volte", concerto al Geox

    • 30 maggio 2021
    • Gran Teatro Geox
  • "Rock opera" al Geox: i mostri sacri del rock in chiave sinfonica

    • 28 maggio 2021
    • Gran Teatro Geox
  • Orchestra di Padova e del Veneto al Geox: da Morricone a Beethoven

    • 27 maggio 2021
    • Gran Teatro Geox

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Massimo Ranieri "Sogno e son desto 500 volte", concerto al Geox

    • 30 maggio 2021
    • Gran Teatro Geox
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Padova

    • dal 6 al 5 maggio 2021
    • Padova
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento