"Lina Merlin, antifascista socialista senatrice della Repubblica" a Palazzo Bo

La salvatrice di quelle “povere disgraziate”? Non solo. Angelina “Lina” Merlin (1887-1979), la senatrice padovana nata a Pozzonovo e conosciuta da tutti per la legge del ‘58 che porta il suo nome, è stata anche tanto altro. Ha dedicato una vita intera alla sua fede socialista, sinonimo per lei di giustizia sociale. Rifiuta il giuramento al regime fascista, fa parte del Comitato di liberazione nazionale, fondatrice, insieme ad Ada Gobetti e Laura Conti, dell’organizzazione antifascista Gruppi di difesa della donna (Gdd): tutto questo era la “Signora”, come lei stessa amava definirsi.

La protagonista

Ha lottato per il riconoscimento dei nomen nescio, i figli di n.n., per il miglioramento della condizione dei braccianti del Polesine e per il riconoscimento della donna nella società italiana. Poi, dal ’46, entra, come unica donna veneta, nell’assemblea costituente, cui seguono una doppia nomina al Senato e alla Camera. Prima senatrice a prendere parola nell’aula di Palazzo Madama, è stata anche la promotrice nella “Commissione dei 75” della specificazione “senza distinzione di sesso” - che si aggiungeva a quelle di razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali - nell’articolo 3 della costituzione.

L'incontro

A Lina Merlin, il centro di storia dell’università di Padova con il contributo del dipartimento di scienze politiche, giuridiche e studi internazionali (Spgi), dedicherà l’intera giornata di mercoledì 24 ottobre, con il convegno a Palazzo Bo intitolato "Lina Merlin, antifascista socialista senatrice della Repubblica (1920-1960)". L’evento verrà articolato in due sessioni principali: la prima, dalle 9.30, si terrà nell’aula magna, mentre la seconda dalle 15 si svolgerà in archivio antico. 

Dopo il benvenuto del magnifico rettore Rosario Rizzuto, la mattinata, presieduta da Antonio Varsori del sipartimento Spgi, prevede la proiezione di alcuni estratti  del documentario diretto da Roberto Lippi "Lina Merlin, la senatrice. Una madre della Repubblica", commentati dalla portavoce del Comitato nazionale Lina Merlin, la senatrice e curatrice del film Anna Maria Zanetti.
Fra le diverse relazioni della sessione pomeridiana, presieduta dal Filiberto Agostini (dipartimento Spgi), anche la testimonianza di Vielmo Duò, sindaco di Badia Polesine dal 1957 al 1961, che parlerà della Merlin nel ruolo di consigliera comunale del paese in provincia di Rovigo.

Partecipazione

Ingresso gratuito previa registrazione obbligatoria online.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Incontro online “Menopausa e rischio cardiovascolare: ruolo dell’alimentazione in prevenzione primaria”

    • Gratis
    • 22 aprile 2021
    • Online
  • "Vendere on-line. Quando e come farlo": incontro e approfondimenti con il Dr. Francesco Triffiletti

    • 22 aprile 2021
    • Online
  • Convegno online: "Nuova valutazione nella scuola primaria: problemi e proposte"

    • 22 aprile 2021
    • Online

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Insolita Padova: tour guidato alla ricerca di dettagli e storie curiose

    • 24 aprile 2021
    • Statua del Gattamelata
  • Tutti gli eventi di aprile a Cittadella

    • dal 2 al 30 aprile 2021
    • Cittadella
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento