Bianca Lopez e la Jewelry Art and Design di Manhattan

Inaugurazione: 26 marzo 2015, ore 18.30

Un centinaio di gioielli, opere uniche realizzate da otto designer prevenienti dalla Scuola di Bianca Lopez a New York, sono al centro della mostra Bianca Lopez e la Jewelry Art and Design di Manhattan, organizzata dall'Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Padova nell'ambito degli eventi dedicati alla gioielleria contemporanea di ricerca. I gioielli esposti sono caratterizzati dalle forme organiche e dalle originali tecniche di fusione e lavorazione dei metalli.
Attraverso un’accurata selezione, viene narrata la produzione degli ultimi dieci anni di Bianca Lopez, una delle orafe più importanti nella scena artistica newyorkese, allieva della Parsons School of Design e del Fashion Institute of Technology (FIT), nonché fondatrice della Scuola di design da cui provengono gli altri artisti presenti in questa collettiva. Qui vengono infatti presentate anche le opere di PeppercottonManuela ArnalDiane HulseMary Zayman,Vivian SaadeElena Thiveou e Alberta Vita. Artisti e designers che, riappropriandosi di tecniche antiche, creano gioielli che dialogano non solo con il mondo dell’arte contemporanea ma anche con quello del fashion e della moda.
La Città di Padova e quella di New York vengono così idealmente unite da un ponte costituito dalla gioielleria contemporanea di ricerca, espressione di comunicazione artistica che può oltrepassare distanze geofisiche e di comprensione linguistica, accomunando concezioni, stili, interpretazioni.

ARTISTI
Bianca Lopez
, una delle orafe più importanti della scena artistica newyorkese, allieva della Parsons School of Design e del FIT della Grande Mela, presenta in questa mostra la sua produzione artistica degli ultimi dieci anni e quella dei designer più importanti della scuola da lei fondata, che si è imposta all’attenzione della critica per la perizia tecnica e la ricerca artistica. Lopez ha respirato l’arte del gioiello in famiglia, precisamente dal padre Pablo. I suoi gioielli sono forme organiche con inclusioni di pietre colorate, diamanti, perle, realizzati con tecniche che spaziano dalla fusione a cera persa allo sbalzo e al cesello.
Peppercotton è l’unione dei nomi di due designer, Patrick Culpepper Aurelia Cotton. Il loro lavoro si basa sul flusso casuale e innovativo dei cristalli Swarowsky e delle paillettes colorate che vengono lasciati sospesi all’interno di sottili tubi di nylon. Diventati celebri per questa loro caratteristica tecnica sono oggi prediletti dal mondo della moda, soprattutto da Vogue America, Giappone e Italia.
Manuela Arnal parte dal subconscio per creare i suoi gioielli. Utilizza la tecnica della cera persa che le permette, con le dita, di modellare forme in superficie, seguendo la casualità.
Diane Hulse lavora con argento, pigmenti e resine. Designer, pittrice e scultrice focalizza l’attenzione della sua produzione su texture e colori. Utilizza immagini organiche, è affascinata dai misteri della natura, fissa memorie e immagini che trasforma in gioielli inusuali. È influenzata dal design zen dei giardini, dalla pittura cinese e dal grande pittore inglese dell’800 J.M.W. Turner.
Nei gioielli di Vivian Saade sono presenti concetti ritmici dello yin e dello yang, simboli della dualità maschile e femminile, due entità opposte e complementari che rappresenta con linee curve; i suoi lavori spaziano dall’arte del Messico al design di New York.
Mary Zayman interpreta le scoperte di vari mondi, con forme presenti nella vita reale e nel subconscio. Lavora con il 3D e nell’ultima produzione utilizza resine translucide con giochi di luce.
Elena Thiveou è ispirata dalle forme dell’Antica Grecia; dalla scuola di Cecile Bauer e poi di Bianca Lopez ha imparato la tecnica della granulazione e un’interessante lavorazione dei metalli.
Alberta Vita è una designer della Scuola Orafa Padovana, da due anni insegna alla Scuola di Bianca Lopez, dove ha portato la ricerca delle forme geometriche e del minimalismo degli elementi che sono la cifra del suo percorso artistico. Ha creato in questi anni dei gioielli ispirati a New York e a Manhattan, osservando le piante aeree e le piante dei quartieri della città, non distaccandosi mai dalle sue forme primarie.
Ideazione e cura della mostra Alessandra Possamai Vita
Alla realizzazione della mostra hanno contribuito: Studioverde image consulting e Peruzzo Industrie Grafiche S.p.a.

Informazioni
Orario 9.30 – 12.30 / 15.30 – 19.00, chiuso i lunedì non festivi
Ingresso gratuito
Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche
Tel. 049 8204563
Oratorio di San Rocco Tel. 049/8753981
serviziomostre@comune.padova.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Mostra "Gino Santini. Fotografie 1937-1970" a Palazzo Zuckermann

    • dal 2 marzo al 16 maggio 2021
    • Palazzo Zuckermann

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Padova

    • dal 6 al 31 maggio 2021
    • Padova
  • Massimo Ranieri "Sogno e son desto 500 volte", concerto al Geox

    • 30 maggio 2021
    • Gran Teatro Geox
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento