Padova capitale degli scacchi dal 14 al 22 dicembre

Torna la festa delle scacchiere alla fornace Carotta. Un record di 150 iscritti, grandi campioni e una delle più forti scacchiste al mondo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Saranno 75 le scacchiere su cui si alterneranno, da sabato 14 a domenica 22 dicembre nelle sale della Fornace Carotta (via Siracusa 61 a Padova), oltre 150 giocatori di scacchi di una dozzina di paesi diversi. Il 16. Festival di scacchi "Città di Padova" - Trofeo Obiettivo Risarcimento si presenta ancora una volta con numeri da record e una partecipazione qualificata e variegata.

Il Festival degli scacchi infatti prevede un programma articolato e adatto ad ogni tipo di giocatore, ma soprattutto ai tantissimi appassionati, di qualsiasi livello, che potranno conoscere esperti di fama mondiale.

I tornei

Piatto forte della manifestazione il Torneo Internazionale articolato su nove turni, che si aprirà domenica 15 per chiudersi nel pomeriggio di domenica 22 con partite tutti i giorni. Questo torneo è riservato a giocatori di alto livello (con punteggio Elo superiore a 1800) e vedrà la partecipazione di dodici Grandi Maestri Internazionali (Gm, il titolo più importante riconosciuto dalla Fide, la federazione scacchistica internazionale) e di dieci Maestri Internazionali.

Nei due fine settimana (da sabato 14 a domenica 22) invece si svolgerà l'Open Week End, torneo articolato in sei turni, aperto a tutti i giocatori. Per i meno abituati alle competizioni infine (Elo inferiore a 2000) c'è il Torneo Week End, rivolto anche ai principianti.

Campioni, grandi campioni e principianti

Il Festival di scacchi Città di Padova è dunque un'occasione per vedere all'opera maestri di fama internazionale, ma anche per provare a mettersi in gioco con un evento importante. Il numero uno del torneo è il bulgaro Georgiev Kiril, Gran Maestro Internazionale (Elo 2648), portacolori dell'Obiettivo Risarcimento Padova, squadra campione d'Italia in carica e sesta in Europa. Alla scacchiera anche Roberto Mogranzini, che proprio nel torneo padovano del 2012 ha ottenuto l'ambito titolo di Gran Maestro e che dalla prossima stagione sarà anche lui un elemento dell'Obiettivo Risarcimento. Mogranzini sarà al torneo insieme alla moglie, Martha Fierro, nata negli Stati Uniti ma di origine ecaudoregna, una delle donne più forti al mondo. Numero uno dei padovani sarà invece il Maestro Internazionale Federico Manca.

Anche in questa edizione della manifestazione le prime dodici scacchiere saranno collegate al sito scacchirandagi.com dove si potranno seguire on line in tempo reale le partite.

NB: sul sito vesus.org è possibile consultare l'elenco aggiornato degli iscritti a tutti i tornei e il relativo punteggio Elo.

Padovani alla scacchiera

Se il Festival trasforma Padova per una settimana nella Capitale degli Scacchi, con campioni di ogni parte del mondo, anche il movimento padovano sarà presente in maniera forte. Oltre a Federico Manca i campioni padovani già iscritti al torneo sono Mosè Battagin, Carlo Rossi, Stefano Viaggi e Cristiano Quaranta. Con loro anche la squadra dell'Obiettivo Risarcimento, composta oltre che da Kiril e Mogranzini anche da Michele Godena e dal trevigiano Danyyil Dvirnyy, che proprio una settimana fa si è laureato campione italiano.

Da Padova alle Olimpiadi degli scacchi

Gli scacchi a Padova sono una realtà sempre più forte, anche dal punto di vista agonistico. Gli sport della mente raccolgono sempre più seguito e interesse e tra questi gli scacchi rimangono in prima fila. Il mondo dello sport a tutti i livelli si accorge oggi del ruolo educativo, per i giovani e non solo, che gli scacchi ricoprono. Tanto che proprio qualche giorno fa il Coni di Padova ha voluto premiare in occasione dell'annuale Gran Galà il Club Italiano di Scacchi Guido Cortuso per i risultati conseguiti con la squadra Obiettivo Risarcimento.

Una crescita arrivata per merito di Paolo e Roberto Simioni, amministratore e presidente dell'Obiettivo Risarcimento, società specializzata nella consulenza e gestione danni da invalidità biologica. Desiderosi di legare il proprio nome al mondo dello sport, e in particolare allo sport pulito, hanno trovato nel volley femminile, nella vela e proprio negli scacchi una dimensione ideale. Come sempre questo impegno si trasforma in passione tanto che ora Padova e la nazionale italiana di scacchi saranno legate proprio dal nome Obiettivo Risarcimento. L'azienda sosterrà anche gli azzurri che dal primo al 14 agosto del 2014 saranno impegnati nella 41. Olimpiade degli scacchi a Tromso, in Norvegia.

Premio speciale, tra penna e scacchiera

Accanto ai tornei da quest'anno gli organizzatori hanno deciso di inserire un momento in cui riconoscere il giusto tributo a chi, grazie al proprio lavoro di scrittura sui giornali, sulle riviste, sui libri, contribuisce al diffondersi della cultura scacchistica nel mondo. Domenica 22 dicembre alla Fornace Carotta, nel corso delle premiazioni dei tornei alle 19, sarà infatti assegnato il premio Alvise Zichichi, intitolato al grande scacchista scomparso nel 2003.

[Quest'anno il premio sarà assegnato a Paolo Mauresing autore de "La variante Lunenburg", romanzo il cui filo rosso è rappresentato proprio dagli scacchi, e a Giovanni Pellecchia, giornalista padovano del Gazzettino, che da anni racconta sul suo giornale con passione e competenza il mondo degli scacchi]

Torna su
PadovaOggi è in caricamento