È ufficiale: il Padova Jazz Festival viene rinviato al 2021

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

A seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre, che prolunga la sospensione degli spettacoli aperti al pubblico sull’intero territorio nazionale sino al 3 dicembre, il Padova Jazz Festival è costretto ad annullare definitivamente i tre concerti al Teatro Verdi, che avrebbero dovuto essere recuperati il 25, 26 e 27 novembre (con David Murray, Gegè Telesforo e il trio Enrico Rava-Stefano Bollani-Gianluca Petrella). Il rimborso dei biglietti sarà gestito direttamente dal Teatro Verdi: quelli acquistati presso il botteghino saranno rimborsati dal 12 novembre al 2 dicembre presso la biglietteria del teatro (dal martedì al sabato, ore 10-14), presentando il titolo emesso; quelli acquistati online saranno gestiti direttamente dagli uffici del teatro.

Inoltre, sempre in ottemperanza del Dpcm del 3 novembre, viene interrotta la mostra fotografica di Carlo Verri allestita alle Scuderie di Palazzo Moroni.

Prevendite decollate 

«Abbiamo provato a salvare quello che doveva essere il momento culminante e più prestigioso del festival, ripianificando le date dei tre concerti del Teatro Verdi in seguito del Dpcm del 24 ottobre” dichiara Gabriella Piccolo, presidente dell’Associazione Miles e direttrice artistica del Padova Jazz Festival. “È stato un gesto sostenuto dalla speranza di un miglioramento della situazione sanitaria nazionale, confortato dalla fiducia e interesse che il nostro pubblico ci ha dimostrato. Le prevendite dei tre concerti erano infatti decollate in pochi giorni».

Impossibile svolgere i concerti ma sarà arduo anche progettarne il recupero

«Purtroppo nell’immediato futuro non solo sarà impossibile svolgere i concerti ma sarà arduo anche progettarne il recupero, non potendo assolutamente prevedere cosa accadrà alla scadenza dell’attuale Dpcm e quando si potrà tornare a fare spettacoli dal vivo” continua Gabriella Piccolo. «Per quanto possibile, è comunque nostra intenzione recuperare i concerti annullati, nel 2021».

Grazie

«Intanto grazie agli spettatori, che ci hanno rinnovato la loro fiducia anche in questo momento particolarmente complesso, così come alle istituzioni e gli sponsor privati. Grazie a chi ha lavorato per l’edizione 2020 e grazie ai musicisti che vedono rinviato l’impegno».


Attenzione: 

Padova Jazz Festival 2020 - sospensione concerti

In seguito al divieto di svolgimento per gli spettacoli dal vivo imposto su scala nazionale dal DPCM del 24 ottobre, il Padova Jazz Festival non potrà svolgersi nella forma e nelle date previste.

L’organizzazione del festival si sta impegnando per recuperare i concerti principali al Teatro Verdi (con David Murray, Gegè Telesforo e il trio Enrico Rava-Stefano Bollani-Gianluca Petrella) al più presto possibile, ipotizzando sin da subito le date del 25, 26 e 27 novembre, sempre che nel frattempo la situazione migliori e non vengano prorogate le disposizioni di divieto per gli spettacoli. I biglietti acquistati rimangono validi per le nuove date.

Tutti i concerti programmati alla Sala dei Giganti e al Caffè Pedrocchi sono invece rimandati a data da destinarsi, possibilmente per la primavera 2021.

Cosa fare se si sono già acquistati i biglietti

Chi ha già acquistato i biglietti in prevendita verrà contattato direttamente da Vivaticket per le procedure di rimborso.

I concerti di Jazz@Bar vengono rimandati alla primavera 2021.

Rimane invece confermata la mostra fotografica di Carlo Verri alle Scuderie di Palazzo Moroni, visitabile a partire dal 31 ottobre.

«Il Padova Jazz Festival 2020 era praticamente pronto sulla linea di partenza e per esso erano state predisposte tutte le misure e procedure necessarie per la tutela della salute» dichiara Gabriella Piccolo, presidente dell’Associazione Miles e direttrice artistica del Padova Jazz Festival. «Del resto, nei mesi trascorsi dalla ripartenza dei concerti, lo scorso giugno, tutto il settore della cultura e dello spettacolo dal vivo ha dimostrato di essere uno dei più sicuri in Italia, non registrando particolari problematiche o cluster infettivi. Tutto ciò grazie all’impegno degli organizzatori nel gestire le misure di protezione individuale e collettiva».

«Con l’inevitabile sospensione del festival, il mio pensiero va ai musicisti, che vedono ancora una volta svanire la possibilità di esibirsi, che, ricordiamolo, è per loro fonte di sostentamento. E a tutte le maestranze in esso coinvolte, che vedono vanificato il loro lavoro. E poi c’è l’elemento fondamentale per la riuscita della manifestazione, il pubblico, nei cui confronti abbiamo il massimo senso di responsabilità. Lo dimostreremo nel recuperare i concerti solo se ci saranno le condizioni per poterlo fare in piena legalità e sicurezza».

«Anche se il festival non potrà iniziare nell’immediato, e non sapendo con certezza se e come lo si potrà recuperare in futuro, possiamo comunque già fare dei ringraziamenti» continua Gabriella Piccolo. «La nostra gratitudine va agli spettatori, che ci hanno rinnovato la loro fiducia anche in questo momento particolarmente complesso. Tutti e i tre concerti al Verdi, dopo appena 5 giorni dall’apertura delle prevendite, hanno raggiunto notevoli traguardi, con la platea esaurita e già un buon riempimento dei palchi. Segno di fiducia nei nostri confronti, di interesse per gli artisti proposti e di un comprensibile desiderio di dedicarsi anche ad attività che sdrammatizzino la vita quotidiana. Un sincero ringraziamento anche al Comune di Padova, che ci sta affiancando nell’affrontare le problematiche che questa situazione crea sotto il profilo economico, e al Centro d’Arte degli Studenti dell’Università di Padova, la cui collaborazione è risultata fondamentale nell’ideazione del festival e continuerà a esserlo adesso che se ne deve gestire la riprogrammazione».

Ogni aggiornamento della programmazione sarà tempestivamente segnalato sul sito www.padovajazz.com e sulla pagina Facebook del festival.


La ventitreesima edizione della kermesse padovana, in scena dal 30 ottobre al 22 novembre, sarà un "inno all’Europa", con un cast artistico proveniente da Gran BretagnaBelgioSveziaGermania e Olanda, oltre a una notevole rappresentanza di musicisti statunitensi che dell’Europa hanno fatto la loro seconda casa, senza dimenticare le stelle del jazz italiano, il programma del Padova Jazz Festival lancia segnali di illuminismo artistico e, ci si augura, anche sociale.

Dettagli

Padova Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Culturale Miles presieduta da Gabriella Piccolo Casiraghi, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. I concerti alla Sala dei Giganti si realizzano in collaborazione con il Centro d’Arte degli Studenti dell’Università di Padova, storica associazione cittadina attiva sin dagli anni Quaranta. Direzione artistica: Gabriella Piccolo Casiraghi

Programma

Venerdì 30 ottobre – Caffè Pedrocchi
cena ore 20 - concerto ore 21.30

CARMELO TARTAMELLA TRIO guest DENIA RIDLEY
Denia Ridley (voce), Carmelo Tartamella (chitarra), Giampaolo Bertone (contrabbasso), Michele Carletti (batteria)

Ingresso gratuito

Prenotazioni: prenotazioni@caffepedrocchi.it - tel. 049 8781231
Possibilità di prenotazione tavolo anche solo per il concerto

Programma del festival

Martedì 3 novembre – Sala dei Giganti, ore 21

MONK'S CASINO
Alexander von Schlippenbach
 (pianoforte), Axel Dörner (tromba), Rudi Mahall (clarinetto basso), Jan Roder (contrabbasso), Michael Griener (batteria)

Biglietto unico euro 15
Prevendite: Online su www.vivaticket.it o la sera del concerto al Liviano
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Mercoledì 4 novembre – Caffè Pedrocchi

cena ore 20 - concerto ore 21.30
GREG BURK EXPANDING TRIO
“Message in the Clouds”
Greg Burk
 (pianoforte), Stefano Senni (contrabbasso), Enzo Carpentieri (batteria)

Ingresso gratuito
Prenotazioni: prenotazioni@caffepedrocchi.it - tel. 049 8781231
Possibilità di prenotazione tavolo anche solo per il concerto

Giovedì 5 novembre – Sala dei Giganti, ore 21

DADO MORONI & DANNY GRISSETT DUO
“Yardbird Suite for Pianos”
Dado Moroni
Danny Grissett (pianoforte)

Biglietto unico euro 25
Prevendite: Online su www.vivaticket.it o la sera del concerto al Liviano
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Lunedì 9 novembre – Sala dei Giganti, ore 21

FABRIZIO PUGLISI
“GUANTANAMO”
Fabrizio Puglisi
 (piano, Synth ARP), Pasquale Mirra (vibrafono), Luca Valenza (marimba, Tubular Bells ), Davide Lanzarini (contrabbasso), Danilo Mineo (percussioni), William Simone (Batà, percussioni, voce), Gaetano Alfonsi (batteria)

Biglietto unico euro 15
Prevendite: Online su www.vivaticket.it o la sera del concerto al Liviano
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Mercoledì 11 novembre – Caffè Pedrocchi

cena ore 20 - concerto ore 21.30
LUCY WOODWARD
Lucy Woodward
 (voce), Jelle Roozenburg (chitarra), Udo Pannekeet (basso elettrico), Niek de Bruijn (batteria)

Ingresso gratuito
Prenotazioni: prenotazioni@caffepedrocchi.it - tel. 049 8781231
Possibilità di prenotazione tavolo anche solo per il concerto

Venerdì 13 novembre – Sala dei Giganti, ore 21

BINKER GOLDING’S BAND
Binker Golding
 (sax tenore), Sarah Tandy (pianoforte), Daniel Casimir (contrabbasso), Sam Jones (batteria)

Biglietto unico euro 15
Prevendite: Online su www.vivaticket.it o la sera del concerto al Liviano
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Lunedì 16 novembre – Sala dei Giganti, ore 21

ANGLES 6
Goran Kajfes
Magnus Broo (tromba), Martin Küchen (sax alto), Alexander Zethson (pianoforte), Johan Berthling (contrabbasso), Konrad Agnas (batteria)

Biglietto unico euro 15
Prevendite: Online su www.vivaticket.it o la sera del concerto al Liviano
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Mercoledì 18 novembre – Caffè Pedrocchi

cena ore 20 - concerto ore 21.30
MAURIZIO GIAMMARCO
“HALFPLUGGED SYNCOTRIBE”
Maurizio Giammarco
 (sassofoni), Paolo Zou (chitarra elettrica), Luca Mannutza (pianoforte, piano elettrico), Matteo Bortone (basso), Enrico Morello (batteria)

Ingresso gratuito
Prenotazioni: prenotazioni@caffepedrocchi.it - tel. 049 8781231
Possibilità di prenotazione tavolo anche solo per il concerto

Giovedì 19 novembre – Teatro Verdi, ore 21

DAVID MURRAY TRIO
David Murray
 (sax), Brad Jones (contrabbasso), Hamid Drake (batteria)

Biglietto numerato euro 25
(Platea – Palco PPiano / balconata – Palco 1° ordine/ balconata – Palco 2° ordine / balconata)
Biglietto numerato euro 21
(Palco PPiano / no balconata – Palco 1° ordine / no balconata – Palco 2° ordine / no balconata)
Galleria euro 15
Ridotto (solo disabili) euro 10
Prevendite: Biglietteria del Teatro Verdi e online su www.teatrostabileveneto.it
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Venerdì 20 novembre – Teatro Verdi, ore 21

GEGÈ TELESFORO GROUP
Gegè Telesforo
 (voce, percussioni), Alfonso Deidda (sax, voce, tastiere), Domenico Sanna (pianoforte), Giuseppe Bassi (contrabbasso), Michele Santoleri (batteria)

Biglietto numerato euro 25
(Platea – Palco PPiano / balconata – Palco 1° ordine/ balconata – Palco 2° ordine / balconata)
Biglietto numerato euro 21
(Palco PPiano / no balconata – Palco 1° ordine / no balconata – Palco 2° ordine / no balconata)
Galleria euro 15
Ridotto (solo disabili) euro 10
Prevendite: Biglietteria del Teatro Verdi e online su www.teatrostabileveneto.it
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Sabato 21 novembre – Teatro Verdi, ore 21

RAVA-PETRELLA-BOLLANI
Enrico Rava
 (tromba, flicorno), Stefano Bollani (pianoforte), Gianluca Petrella (trombone)

Biglietto numerato euro 40
(Platea – Palco PPiano / balconata – Palco 1° ordine/ balconata – Palco 2° ordine / balconata)
Biglietto numerato euro 36
(Palco PPiano / no balconata – Palco 1° ordine / no balconata – Palco 2° ordine / no balconata)
Galleria euro 25
Ridotto (solo disabili) euro 10
Prevendite: Biglietteria del Teatro Verdi e online su www.teatrostabileveneto.it
Le prevendite saranno attive dopo il 12 ottobre

Domenica 22 novembre – Chiesa di San Gaetano, ore 11

ERWIN VANN DUO
“Compassion”
Erwin Vann
 (sax), Peter Hertmans (chitarra)

Ingresso libero

Per tutta la durata del festival

JAZZ@BAR
Concerti nei locali tra Padova e provincia

Da sabato 7 novembre a sabato 14 novembre – Museo della medicina MUSME
Installazione di Anna Piratti

Da mercoledì 28 ottobre a lunedì 30 novembre – Scuderie di Palazzo Moroni
Mostra fotografica di Carlo Verri

La sicurezza

L’attività concertistica si svolgerà nel più rigoroso rispetto delle normative e ordinanze per gli spettacoli dal vivo, in seguito alle quali i posti disponibili saranno limitati.

La produzione del festival si adeguerà prontamente a qualunque variazione normativa nell’interesse della sicurezza: pertanto si consiglia di verificare il sito internet www.padovajazz.com per essere aggiornati su eventuali cambiamenti di orario o di sede dei concerti.

Informazioni

Associazione Culturale Miles
Via Montecchia 22 A, 35030 Selvazzano (PD)
Tel.: 347 7580904 - info@padovajazz.com
www.padovajazz.com

Torna su
PadovaOggi è in caricamento