Nasce PadovAntiqua, la nuova rassegna di musica antica nel cuore della città

Nasce PadovAntiqua, la nuova rassegna di musica antica nel cuore di Padova: la prima edizione, intitolata Barocchismi, si articolerà in quattro concerti tra il 10 e il 31 maggio e vedrà la partecipazione di numerosi giovani artisti accanto a musicisti di fama internazionale. In programma musiche di D. Scarlatti, Telemann, Vivaldi e Monteverdi.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Ancora pochi giorni, e Padova risuonerà di grande musica. Dal 10 al 31 maggio si terrà infatti la prima edizione di PadovAntiqua, la nuova rassegna di musica antica che mira a diventare un appuntamento fisso - con cadenza annuale - nel panorama degli eventi che caratterizzano l'offerta artistico-culturale della città del Santo. La manifestazione nasce per iniziativa di alcuni studenti dell'Università degli Studi di Padova in collaborazione con il Coro da camera del Concentus Musicus Patavinus della stessa università (diretto dal M° Ignacio Vazzoler), l'Associazione Corale Sol La Re di Ponte San Nicolò, l'Ensemble strumentale El Melopeo e l'Associazione Coro di Voci Bianche "Cesare Pollini" (diretto dal M° Marina Malavasi).

La rassegna, che vede coinvolti molti giovani artisti accanto a interpreti di fama internazionale, ha l'obiettivo di proporre al grande pubblico un repertorio poco conosciuto ma non per questo meno ricco di suggestioni in grado di emozionare l'ascoltatore moderno. L'offerta musicale viene ulteriormente arricchita dalla scelta di tenere i concerti all'interno di contesti architettonici che valorizzino le peculiarità sonore dei brani eseguiti.

L'edizione 2015 di PadovAntiqua è dedicata alla riscoperta del Barocco; da qui il titolo della manifestazione: Barocchismi. Il calendario si articola in quattro appuntamenti, ciascuno dedicato a un singolo compositore e a uno specifico genere musicale. I concerti saranno tutti a ingresso responsabile.

Il concerto inaugurale, in programma domenica 10 maggio alle 20.30 presso la Chiesa di S. Caterina (via C. Battisti 245), vedrà il Coro da camera del Concentus Musicus Patavinus (diretto dal M° Ignacio Vazzoler) impegnato nell'esecuzione di brani sacri di Domenico Scarlatti: il Miserere in mi minore per coro a cappella e lo stupendo Stabat Mater a 10 voci e basso continuo.

Il secondo concerto, che si terrà domenica 17 maggio alle 20.30 presso la Chiesa di S. Gaetano (via Altinate 115), sarà invece dedicato alla musica da camera di Georg Philipp Telemann, con una selezione di alcuni tra i brani più rappresentativi interpretati dall'Ensemble strumentale El Melopeo, per l'occasione in formazione ridotta.

Domenica 24 maggio, sempre alle 20.30, sarà la volta di Antonio Vivaldi e il repertorio per voce sola: ad esibirsi nella splendida cornice della Sala dei Giganti di Palazzo Liviano (piazza Capitaniato 7) sarà la soprano Margriet Buchberger, accompagnata nuovamente dall'Ensemble El Melopeo.

Il quarto e ultimo concerto della rassegna - dedicato alla musica per grande organico strumentale e vocale - si terrà domenica 31 maggio alle 20.30 presso la Chiesa di S. Benedetto (Riviera S. Benedetto 36) e rappresenterà la degna chiusura di questa prima edizione: in programma infatti vi è l'esecuzione del grandioso Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi, tra i massimi capolavori musicali del periodo pre-bachiano. Sotto la direzione del M° Ignacio Vazzoler si esibiranno circa 80 artisti: il Coro da camera del Concentus Musicus Patavinus con 12 solisti aggiunti, il Coro di Voci Bianche "Cesare Pollini" e l'Ensemble strumentale El Melopeo.

Segnaliamo infine che Barocchismi è finanziata con il contributo dell'Università di Padova (sui fondi della lg. 3.8.1986) nonché tramite una campagna di crowdfunding indetta dagli organizzatori sulla piattaforma web Produzioni dal Basso.

Per ulteriori informazioni:

Tel. 349 5094106

E-mail: padovantiqua@gmail.com

Profili social: PadovAntiqua è su Facebook e Google+

Torna su
PadovaOggi è in caricamento