Power&fitness club festeggia i suoi 20 anni di attività con un’iniziativa di solidarietà

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Festeggia i suoi primi vent'anni con una cena e un'iniziativa benefica la palestra Power& Fitness di Mejaniga di Cadoneghe, una realtà che ha accolto nei suoi anni di attività, una media di 300 persone l'anno. Sei mila tra tessere e abbonamenti, una cifra che comprende una grande fetta della popolazione del paese.

I soci si troveranno per festeggiare nel ristorante pizzeria Marchiori di Vigonza il 25 settembre, data in cui la palestra, nel 1995, ha aperto i battenti. "Nell'occasione- spiega Marco Bechini, proprietario e direttore della struttura - faremo una lotteria di beneficenza, il cui incasso verrà devoluto interamente nel conto corrente dedicato per la popolazione dei Comuni della Riviera del Brenta colpiti dal tornado dell'8 luglio scorso".

La Power & Fitness Club nasce dalla passione per il fitness in generale e la cultura fisica in particolare nel 1995. Fondata e sempre diretta da Marco Bechini, nell'arco degli anni si è confermata una delle palestre più conosciute del settore a Padova e provincia. Lunghissima la lista dei suoi atleti agonisti che negli anni hanno portato a casa piazzamenti di valore in tutte le manifestazioni di Culturismo agonistico Natural a cui hanno partecipato, dai campionati italiani, più volte vinti, ai campionati europei e mondiali.

"Power & fitness è una realtà che appartiene ormai al paese - commenta Bechini - dove persone di tutte le età, dai 13 ai 80 anni, uomini e donne, vengono per mantenersi sani, forti e di conseguenza per migliorare la loro qualità di vita. Ad ognuno è riservato un programma personalizzato, mirato alle specifiche esigenze. Tutti vengono seguiti in maniera specifica in base a età, obiettivi, e problematiche". Una politica di attenzione che paga e che costruisce fiducia e attaccamento. "Qualche anno fa - conclude Bechini - la palestra e gli spogliatoi sono andati sotto acqua, insieme a tutta via Conche. Ho fatto un appello via internet e nel giro di poche ore sono stato in grado di riaprire: si sono presentate decine di persone, armate di secchi e scope. Non riuscivano a concepire l'idea che la palestra potesse restare chiusa!"

Torna su
PadovaOggi è in caricamento