Eventi

Premio Galileo 2015, vince Rovelli "La realtà non è come ci appare"

Venerdì, nel corso della cerimonia a palazzo della Ragione a Padova, è stato premiato il vincitore della nona edizione dell'evento dedicato alla divulgazione scientifica, scelto dalla giuria popolare tra i 5 finalisti

La premiazione di Carlo Rovelli, vincitore dell'edizione 2015 del Premio Galileo (fonte Twitter @ILBOMagazine)

È Carlo Rovelli, con "La realtà non è come ci appare. La struttura elementare delle cose" (Raffaello Cortina editore, 2014), il vincitore della nona edizione del premio per la divulgazione scientifica Galileo.

LA CINQUINA FINALISTA. Come da regolamento, in una prima fase della selezione, la giuria scientifica, composta da personalità di indiscusso valore in campo culturale e scientifico e presieduta dal professor Vittorino Andreoli - psichiatra e scrittore, già girettore del dipartimento di Psichiatria di Verona/Soave e membro della New York Academy Sciences - aveva individuato la cinquina di opere fra tutti i testi di divulgazione scientifica pubblicati in Italia negli ultimi due anni ammesse alla finale: Marco Massa-Romano Camassi con “I terremoti”, Claudio Bartocci con “Dimostrare l’impossibile. La scienza inventa il mondo”; Roberto Defez con “Il caso OGM. Il dibattito sugli organismi geneticamente modificati”, Vincenzo Schettino con “Scienza e arte” e, infine, Carlo Rovelli “La realtà non è come ci appare”, che si è aggiudicato il primo posto per l'edizione 2015 del concorso letterario.

LA GIURIA POPOLARE E IL VINCITORE. I cinque libri sono poi stati presentati, nei mesi scorsi a Padova, nel corso di alcuni incontri pubblici, ma soprattutto sono stati letti e discussi dalla giuria di studenti composta da una classe per ogni provincia italiana, individuata fra le quarte di scuole superiori di secondo grado. Sono stati proprio loro, nella seconda e decisiva fase del concorso, a decretare il testo che venerdì 8 maggio ha ricevuto il Premio Galileo 2015 nel corso della cerimonia a palazzo della Ragione.

"LA REALTÀ NON È COME CI APPARE". Il libro vincitore, "La realtà non è come ci appare" di Carlo Rovelli, racconta come sia cambiata la nostra immagine del mondo dall’Antichità alle scoperte più recenti: l’evaporazione dei buchi neri, l’Universo prima del big bang, la struttura granulare dello spazio, il ruolo dell’informazione e l’assenza del tempo in fisica fondamentale. L’autore disegna un vasto affresco della visione fisica del mondo, chiarisce il contenuto di teorie come la relatività generale e la meccanica quantistica, conduce al bordo del sapere attuale e offre una versione originale e articolata delle principali questioni oggi aperte. Ma soprattutto, comunica il fascino di questa ricerca, la passione che la anima e la bellezza della nuova prospettiva sul mondo che la scienza svela ai nostri occhi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Galileo 2015, vince Rovelli "La realtà non è come ci appare"

PadovaOggi è in caricamento