Presentazione del libro “Mai più un bambino”

In difesa degli oltre 40mila minori allontanati dal loro nucleo familiare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Sensibilizzare gli adulti e gli addetti ai lavori sulle tematiche legate alla famiglia e soprattutto tutelare i bambini cercando, qualora ci siano situazioni di profondo disagio, di offrire loro un valido supporto psicopedagogico e optare affinché rimangano il più possibile vicini al loro nucleo familiare originario.

Sarà proprio questo uno dei principali argomenti della serata "Mai Più Un Bambino: indagine sociale sul fenomeno dei bambini abusati, sottratti alle famiglie, abbandonati, sottoposti ad abuso diagnostico e terapeutico", che si terrà il prossimo 29 aprile alle ore 20.45 presso la Sala teatro "Falcone-Borsellino", in via Roma n. 44 a Limena (Padova).

L'iniziativa, promossa dal Comune di Limena e dall'Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF) di Roma sarà moderata dalla dott.ssa Monia Gambarotto, conduttrice di Caffè TV 24 e vedrà la partecipazione del sindaco della cittadina Giuseppe Costa e dell'assessore ai Servizi sociali, Stefano Tonazzo. Tra gli ospiti l'avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, la prof.ssa Vincenza Palmieri dell'INPEF e l'onorevole Antonio Guidi, ex ministro per la Famiglia, autori del libro "Mai Più Un Bambino" (Armando Editore, 2013) oltre che il giudice del Tribunale per i Minorenni di Bologna, Francesco Morcavallo.

""Mai Più Un Bambino" - spiega l'avvocato Miraglia - non è soltanto il titolo del libro che presenteremo questa sera ma è una vera e propria petizione che stiamo portando e facendo conoscere in tutta Italia e che ci auguriamo venga sottoscritta da molti. Petizione, va ricordato, che si propone di realizzare una serie di azioni pratiche per aiutare i bambini che sono stati allontanati dalle loro famiglie e che nel 2010, in Italia, sono stati circa 40.000 (di età compresa tra 0 e 17 anni). Un dato decisamente allarmante. Diversi i motivi che hanno spinto gli Enti preposti a compiere questo atto. Per il 37% dei casi il motivo è stato l'inadeguatezza genitoriale, per il 9% la dipendenza dei genitori, per l'8% i problemi relazionali tra i genitori, per il 7% i maltrattamenti e l'incuria e infine il 6% è dipeso dai problemi sanitari dei genitori. Allontanamenti che hanno portato i bambini a vivere in case famiglie o altre strutture che spesso si sono rilevate incapaci di tutelarli e curarli. Proprio per evitare che questa situazione si riproponga, insieme agli altri autori della pubblicazione, stiamo proponendo nelle sedi opportune una serie di iniziative legislative per garantire loro una maggiore tutela e benessere sociale, oltre ad informare e sensibilizzare le famiglie e gli addetti ai lavori su questa problematica attraverso la partecipazione e organizzazione di convegni (in Senato, alla Camera, presso la Presidenza del Consiglio, in Campidoglio), seminari, serate, incontri in tutta Italia".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento