Angelo Muriotto “Scolpire leggerezza e luce”, mostra a Palazzo Moroni

Inaugurazione: venerdì 23 giugno 2017, ore 17.30

Angelo Muriotto, autodidatta, da sette anni si dedica soltanto all’arte, progettando diversi cicli artistici. Con l’esperienza maturata nelle vite precedenti come barcaiolo, progettista e altro, ha intrapreso un’appassionata indagine sulle potenzialità latenti dei materiali: ottone, rame, bronzo, piombo, acciaio inox e corten, cotisso, lamiere stirate e antisdrucciolo, trucioli di lavorazione al tornio, caratteri per stampare dismessi, cappelli per camino girevoli, cannette di vetro, plexiglas e altro per affrancare questi elementi (divenuti selezionati strumenti per la formazione del personale vocabolario artistico) dal vincolo della loro originaria funzione d’uso, per dotarli di nuova vita, per elevarli da una lettura estetica a un livello concettuale più profondo e analizzare così i principi, le modalità e le finalità del fare arte.

SCARICA IL DEPLIANT DELLA MOSTRA

La mostra personale, allestita dal 24 giugno al 27 agosto alle Scuderie di Palazzo Moroni, presenta opere facenti parte dei cicli realizzati nel tempo, l’ultimo dei quali ha dato il titolo alla mostra ed è il compendio di due precedenti esposizioni: Leggerezza (2015, Museo Villa Bassi-Abano Terme) e Sulla Luce (2016, Villa Guidini, Zerobranco). Le opere sono costituite da scatole in plexiglas, perforate con il laser sul davanti e con un fondo, distante circa 4 cm, di lamina specchiante realizzata in più colori, intercambiabile, manipolata con la tecnica del grattage. I tagli scolpiti rinfrangono la luce e proiettano la forma scolpita sulla lamiera retrostante.

La complessa personalità dell’artista è emersa, nel tempo, sotto forma di reiterate sperimentazioni di azzardati assemblaggi, empirici accostamenti, ininterrotti cicli produttivi; una febbrile attività che ha originato, in pochi anni, un’eterogenea produzione scandita da semplici concetti, da riflessioni sulla visione artistica e, in senso lato, sui valori dell’esistenza che gli ha dato la possibilità di pervenire, con l’ultimo, alla sintesi di Scolpire leggerezza e luce, conducendo la sua ricerca a un livello metafisico.
La ricerca della semplicità è divenuta così il paradigma per decostruire l’opera d’arte, romperne l’autoreferenzialità, riconsiderarne la funzione estetica e per spingerne la comprensione oltre la seduzione delle lucentezze e brillantezze riverberate dai vetri e dai metalli specchianti, oltre le iperboli cromatiche delle vernici traslucenti, oltre le piacevolezze tattili dei metalli ondulati e delle plastiche lavorate con precisione al laser, oltre le innumerevoli stratificazioni – strutturali e concettuali – di cui si compongono le sue scatole scultoree, fino all’ultima e più profonda superficie, dove l’artista ha dapprima catturato l’elemento luminoso per poi lasciarlo libero.

Informazioni

Ingresso libero
orario: 9.30-12.30 e 14-19, chiuso lunedì

Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
Tel. 049 8204526
paganinl@comune.padova.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Al Museo della Padova Ebraica la mostra "Una luce dirada l'oscurità"

    • dal 29 ottobre 2020 al 31 marzo 2021
    • Museo della Padova Ebraica

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • James Blunt in concerto alla Kioene arena

    • 24 marzo 2021
    • Kioene Arena
  • “FAI un giro in villa”, ecco come partecipare al festival per conoscere le ville venete

    • dal 20 al 28 febbraio 2021
    • Online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento