Stagione di prosa, “Morte di un commesso viaggiatore" al teatro Verdi

  • Dove
    Teatro Verdi
    Via dei Livello, 32
  • Quando
    Dal 05/02/2020 al 09/02/2020
    mercoledì 5 febbraio alle ore 20.45; giovedì 6 febbraio alle ore 16 e alle 20.45; venerdì 7 febbraio alle ore 20.45; sabato 8 febbraio alle ore 20.45; domenica 9 febbraio alle ore 16
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
    Sito web
    teatrostabileveneto.it

Torna la stagione di prosa al teatro Verdi con la “Morte di un commesso viaggiatore", dal 5 al 9 febbraio 2020

Incontri con gli artisti – Foyer del Teatro Verdi

Venerdì 7 febbraio alle 17
In collaborazione con il laboratorio Teatro per l’Università dell’Ateneo Patavino coordinato da Caterina Barone

Prima nazionale

Leo Muscato dirige uno straordinario cast capitanato da Alessandro Haber e Alvia Reale alle prese con l’opera teatrale più conosciuta e rappresentata di Arthur Miller. Un viaggio nel lato oscuro del sogno americano, incarnato appieno dal protagonista, un venditore di successo ormai sul viale del tramonto, non più produttivo, non più utile e quindi condannato all’oblio. Willy Loman è un piccolo uomo che sogna ad occhi aperti il successo facile e veloce. È nato in un paese troppo giovane e impaziente. Pur essendo senza radici vuole salire comunque nella scala sociale. Non si accorge di essere solo un commesso viaggiatore che si guadagna da vivere con la parlantina. Uno che ha allevato i figli al culto dell’apparenza finendo col farne dei falliti. Il testo mischia verità e allucinazione, si svolge contemporaneamente sulla scena, sotto gli occhi del pubblico, e nella testa del protagonista, dove gli spettatori, a differenza dagli altri personaggi, sono chiamati a entrare. Ne risulta una macchina teatrale che è rimasta appassionante e attuale, oggi come quando debuttò nell’America vittoriosa del secondo dopoguerra.

72238811_2685591141451013_7996636945125998592_n-2

Leo Muscato dirige Alessandro Haber e Alvia Reale nell’opera teatrale più conosciuta e rappresentata di Arthur Miller: un viaggio nel lato più oscuro del sogno americano

Goldenart production, Teatro stabile del Veneto, Teatro stabile di Bolzano

di: Arthur Miller
traduzione e adattamento: Masolino D’Amico
con: Alessandro Haber, Alvia Reale
e con: Alberto Onofrietti, Josafat Vagni, Carlo Ragone, Fabio Mascagni, Beniamino Zannoni, Paolo Gattini, Caterina Paolinelli, Margherita Mannino, Anna Gargano
con la partecipazione di Duccio Camerini

regia: Leo Muscato
scene: Andrea Belli
costumi: Silvia Aymonino
disegno luci: Alessandro Verazzi
musiche: Daniele D’Angelo

durata: da definire

Quando

  • mercoledì 5 febbraio 2020 - 20.45 - Turno B
  • giovedì 6 febbraio 2020 - 16 - Turno M, e alle 20.45 - Turno C
  • venerdì 7 febbraio 2020 - 20.45 - Turno D
  • sabato 8 febbraio 2020 - 20.45 - Turno E
  • domenica 9 febbraio 2020 - 16 - Turno F

Biglietti 

Intero Ridotto Abbonati Giovani
Platea, palco pepiano balconata, 1º ordine balconata 32,00 29,00 25,00 15,00
Palco pepiano no balconata, 1º ordine no balconata, 2º ordine balconata 28,00 25,00 21,00 12,00
2º ordine no balconata, galleria 14,00 12,00 10,00 8,00
Posti a visibilità ridotta* platea 20,00 - 15,00 8,00
Posti a visibilità ridotta* galleria 8,00 - 5,00 5,00

Info web

https://www.teatrostabileveneto.it/events/event/morte-di-un-commesso-viaggiatore-3/

https://www.facebook.com/events/2333575873624269/

Note di Masolino D’Amico

Tracciando bilanci del secolo che si concludeva, agli inizi dell’anno 2000 la rivista Time elencò i dieci lavori teatrali più significativi del Novecento. Il primo posto assoluto toccò a I sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Il secondo andò a Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller: senza alcun dubbio la Grande Commedia Americana, quella che gli americani sentono come più autenticamente “loro”. Viene ripresa in continuazione in tutto il mondo, ma con Broadway ha un rapporto particolare. In una occasione particolarmente solenne, cinque o sei anni fa, il grande Mike Nichols la mise in scena riproducendo meticolosamente scene, costumi, musica e regia dell’edizione originale del 1948, con un interprete di eccezione come Philip Seymour Hoffman. Alla fine dell’ultima replica di questa produzione il pubblico come se si fosse dato un segnale non applaudì ma si alzò in piedi compatto, come davanti a un rito. Perché il Commesso colpisce così profondamente? E perché è così americano (ma allo stesso tempo, così internazionale: se ne registrano persino versioni russe e cinesi in chiave anticapitalista e anticonsumista)?

Perché è la storia di un sogno; la storia di un piccolo uomo e del suo sogno più grande di lui. Nella fiaba della farfalla e della formica, le simpatie vanno alla farfalla, benché questa venga sconfitta. E Willy Loman, sconfitto alla fine come la farfalla, non ha pazienza. E’nato in un paese giovane e impaziente, forse figlio di immigrati; non ha radici, vuole salire nella scala sociale. Sogna a occhi aperti il successo facile, veloce.

E’un commesso viaggiatore che si guadagna da vivere con la parlantina, e ha allevato i figli al culto dell’apparenza e della superficialità; a disprezzare il cugino secchione e a puntare tutto sull’ effimero; a essere attraenti, popolari, campioni sportivi. Ma ha finito per farne dei falliti, vedi soprattutto il maggiore, Biff, la luce dei suoi occhi, che però una volta questo padre deluse, distruggendo la propria immagine. Da allora il ragazzo ha perso ogni spinta e coltiva le proprie frustrazioni (è caratteristicamente americano anche questo incolpare i difetti dei genitori per giustificare le proprie sconfitte).

Sostanza a parte, è anche nella forma che il lavoro colpì ai suoi tempi per la novità, stimolando i registi (Elia Kazan, Luchino Visconti furono i primi) a trovare soluzioni per una narrazione di tipo cinematografico, con brevi scene in più luoghi e con un continuo altalenare tra presente e passato. Per dimostrare che sapeva quello che faceva, prima di comporre questo mosaico Miller scrisse un dramma dalla struttura rigorosamente classica, Erano tutti miei figli, tre atti con unità di tempo, luogo e azione. Il Commesso mischia invece verità e allucinazione, si svolge contemporaneamente sulla scena, sotto gli occhi del pubblico, e nella testa del protagonista, nella quale noi spettatori, a differenza dagli altri personaggi, siamo chiamati a entrare. Ne risulta una macchina di teatro che è rimasta appassionante e attuale oggi come ai giorni del suo debutto.

Masolino D’Amico

Alvia Reale

Alvia Reale è nata a Roma, dove ha compiuto i suoi studi diplomandosi all' Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico. Entra nel 1989 nella compagnia diretta da Luca Ronconi al Teatro Stabile di Torino iniziando un sodalizio che, nel corso degli anni le farà prendere parte a molti suoi spettacoli, fino a Il Panico di Rafael Spregelburd nel 2013 al Piccolo Teatro di Milano.

Per la sua interpretazione in Quer pasticciaccio brutto di via Merulana di Carlo Emilio Gadda regia di Luca Ronconi, vince il Premio Eleonora Duse 1996. È stata Donna Rosita Nubile di Federico Garcia Lorca con la regia di Cesare Lievi, Cassandra nell'Agamennone di Eschilo con la regia del M^ Roberto De Simone al Teatro Greco di Siracusa. Ha interpretato Gertrude in Amleto, diretta da Antonio Calenda.

In Ivanov di Checov diretto da Eimuntas Nekrosius per il Teatro Stabile di Roma è stata Marta Babakina. Nel 2007 ha fondato il gruppo teatrale Mitipretese, debuttando anche nella regia con Roma ore 11 da Elio Petri, che vince il premio ETI- Gli Olimpici del Teatro come migliore spettacolo di innovazione.

È stata Silia Gala ne Il giuoco delle parti di Luigi Pirandello al fianco di Umberto Orsini. Per la sua ultima interpretazione ne Il Prezzo di Arthur Miller, ha vinto il premio £Le Maschere del Teatro£ come migliore attrice non protagonista 2016.

Alessandro Haber

Alessandro Haber è nato a Bologna il 19 gennaio 1947. Fin da ragazzino il suo sogno è la recitazione, appena ventenne riesce a ottenere una parte in La Cina è vicina, pellicola di Marco Bellocchio e successivamente a lavorare con registi come i Taviani, Fellini, Bertolucci, Damiani, Maselli, Salvatores,  sempre in piccole parti.

Nella sua lunga filmografia, negli anni 70 e 80 compaiono i titoli più disparati anche in ruoli secondari che gli permetterà di farsi le ossa e di raggiungere una maturità espressiva decisamente rara. Nel 1986 Pupi Avati lo sceglie per il suo Regalo di Natale e sarà la svolta.

Con Avati tornerà a recitare in Storia di ragazzi e di ragazze nel 1989 e ne La rivincita di Natale nel 2003,  ma dall'86 i suoi anni diventeranno densissimi di impegni lavorando con quasi tutti i registi italiani, in particolare Mario Monicelli, Maurizio Nichetti (Palla di neve), Sergio Rubini  (Prestazione straordinaria), Ermanno Olmi, Giovanni Veronesi Per amore solo per amore, Leonardo Pieraccioni, Marco Risi, Giorgio Capitani, Michele Placido, Nanni Moretti, Enzo Monteleone La vera vita di Antonio H; Francesco Nuti Willy Signori e vengo da lontano. 

Nella seconda metà degli anni Novanta si misura con ruoli sempre diversi, come nei tre film di Leonardo Pieraccioni (I laureati, Il ciclone, Fuochi d'artificio), nel 2003 Il paradiso all’improvviso  Mario Monicelli  lo dirige in  Parenti Serpenti nel 1991, Panni sporchi nel 2003 e nel suo ultimo film Le rose del deserto nel 2006.

Nel 2003, affronta la sua prima prova dietro la macchina da presa  dirigendo Scacco Pazzo, trasposizione cinematografica della piece teatrale omonima di Vittorio Franceschi, messa in scena nel 1990 da Nanni Loy. Nel 2006  con Giuseppe Tornatore (La sconosciuta).

Nel 2011, è diretto dal regista Ermanno Olmi nel drammatico Il villaggio di cartone, nel quale recita accanto a Michael Lonsdale e Rutger Hauer.

Il 2012 lo vede interprete di  un ruolo di un affascinante pittore, ispirato a Schifani, ne L’ultima ruota del carro di Giovanni Veronesi .

Negli ultimi anni ha preso parte a vari film di registi esordienti, anche in piccoli ruoli ma di grande spessore artistico. Nel 2018 escono 5 film che lo vedono protagonista o coprotagonista, in particolare “IN VIAGGIO CON ADELE” regia del giovane Alessandro Capitani che riscuote grande personale successo di critica. Anche a teatro dal 1968 ha lavorato con i più importanti registi italiani e non, a partire da Luigi Squarzina, Mario Missiroli, Nanni Loy, Carmelo Bene, Lorenzo Salveti, Jerome Savary, Nanni Garella, Andreè Ruth Shammah, Giampiero Solari.

 La sua recitazione dirompente e versatile ottiene sempre unanimi consensi di critica pubblico, ricordiamo le più recenti stagioni teatrali - dal 2014 al 2016 - dove ha interpretato “Freud” nello spettacolo “IL VISITATORE” di E.E. Schmitt, regia di Valerio Binasco con Alessio Boni e nelle stagioni teatrali 2016/2017/2018/2019 ne “IL PADRE” di Florian Zeller, regia Piero Maccarinelli.

Negli ultimi anni ha rivelato un altro grande talento anche come cantante, dimostrando di essere sempre un interprete sicuro e raffinato.Ha vinto 5 Nastri D’argento, 1 David di Donatello, Premio  la Stampa Estera  per il Cinema; Premio Idi e Premio Gassman in teatro.

Leo Muscato

Regista e drammaturgo, nato e cresciuto a Martina Franca (TA). Nel 1992 si trasferisce a Roma per studiare Lettere e Filosofia a La Sapienza. Durante gli anni di Università entra a far parte della compagnia di Luigi De Filippo e recita negli spettacoli Non è vero ma ci credo, Quaranta ma non li dimostra, e La lettera di Mammà. 

Nel 1997 si trasferisce a Milano per studiare regia alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi”. In quegli anni mette in scena i suoi primi spettacoli, orientando i suoi interessi verso la drammaturgia contemporanea. Dal 2005 al 2008 è Direttore Artistico della Compagnia LeArt’-Teatro di Grottammare (AP), con la quale realizza il progetto “Ri-scritture”, tre drammaturgie originali da Cechov, Ibsen e Shakespeare. L’intero progetto totalizza oltre 500 repliche.

Nel 2007 l’Associazione Nazionale dei Critici Teatrali gli assegna il premio della critica come miglior regista di prosa.Nel 2013 l'Associazione Nazionale dei Critici Musicali gli assegna il premio Abbiati come miglior regista d'opera della stagione 2012.

Nel 2016 la Fondazione Verona per l’Arena gli assegna l’International Opera Awards – Opera Star (Oscar della Lirica) come Miglior Regista. Parallelamente al lavoro di regista svolge attività di pedagogia teatrale. Conduce Master Class di recitazione e drammaturgia per attori, registi, drammaturghi e cantanti lirici. Da qualche anno è impegnato in una ricerca sulle diverse possibilità espressive dei quattro principali registri interpretativi: Tragico, Drammatico, Commedia e Comicità. Il suo lavoro è stato oggetto di Tesi di Laurea (Università di  Cremona, Urbino, Chieti e Macerata, Rome Tre). Nel 2018 gira il suo primo lungometraggio, La rivincita, prodotto da Altre Storie, Rai Cinema e Apulia Film Commission.

https://www.leomuscato.com/about

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Al Teatro Palladio di Fontaniva lo spettacolo "Sister act - Il musical"

    • 24 ottobre 2020
    • Teatro Palladio
  • CambiScena, “Distanze” improvvisazione teatrale al teatro ai Colli

    • 24 ottobre 2020
    • Teatro ai Colli
  • Festival nazionale del teatro per i ragazzi, “Coccole” al teatro Don Bosco

    • dal 24 al 25 ottobre 2020
    • Piccolo Teatro Don Bosco

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Tutti gli eventi di ottobre a Cittadella

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Cittadella
  • Tour in bicicletta al Castello del Catajo

    • dal 30 maggio al 31 ottobre 2020
    • Radisson Blu Resort
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PadovaOggi è in caricamento