“Il fantasma di Canterville” al Teatro San Carlo a Padova

La nostra storia comincia in Inghilterra, nel 1950. L'ambasciatore degli Stati Uniti Hiram Otis decide di comprare la tenuta di caccia dei Canterville in Inghilterra, anche se alcune antiche leggende lo danno come infestato da un perfido fantasma. Nonostante il proprietario, Lord Canterville, tenti di dissuaderlo dall'acquisto, Hiram si trasferisce con tutta la famiglia in blocco per le vacanze estive, portando con sé un numero spropositato di valigie e una buona dose di scetticismo. Ad accompagnare Hiram ci sono l'egocentrica moglie Lucrezia, il figlio maggiore Washington, la secondogenita Virginia e le due pestifere sorelline Stella e Cometa.
L'incontro con lo spettro, per nulla spettrale, si rivelerà esilarante. Il fantasma di sir Simon infatti non spaventa ormai più nessuno, ad eccezione forse della governante del castello, la signora Humney, che ancora crede alle storie di fantasmi e alle sue perfomance da attore sul viale del tramonto. Entrambi vivranno con profonda frustrazione l'arrivo della famiglia americana, capace di sconvolgere la loro routine.

Sarà questa la fine della trasecolare carriera di sir Simon?

Equivoci e colpi di scena fanno da cornice a una riscrittura per le scene di uno dei racconti classici di fantasmi più amati di sempre.

"Apparsa sulla rivista "Court and Society" nel febbraio del 1887, The Canterville Ghost è una short story umoristica che contribuisce a far conoscere lo stile dissacrante e ironico del dandy Oscar Wilde. In essa si mescolano abilmente realtà e invenzione, quotidianità e leggende, che in quel periodo avevano come protagoniste le storie gotiche di fantasmi e spiriti. Il genio dell'autore elabora una parodia di questi racconti imperniati sull'antitesi tra materia e spirito, condensandola in un "faccia a faccia" tra il culto del denaro della moderna società americana e la fede atavica nell'idealismo e nella tradizione del popolo inglese.Il racconto è stato definito un rebus per l'abilità di Wilde nell'inserire continui rimandi alla storia dei due Paesi, con date, nomi e fatti storici che raccontano, se pur in modo elementare, le differenze tra il vecchio e il nuovo Continente. Un racconto che, ancora oggi, rimane senza tempo."(Daniele Scalco)

Con: Alice Bacchin, Antonella Bazzolo, Chiara Santato, Cristina Altieri, Daniele Scalco, Giovanna Bullo, Giovanni Parolin, Luca Mistrello.

Lo spettacolo è diretto da Paolo Franciosi su adattamento di Daniele Scalco

Durata: circa 90 minuti con intervallo

Produzione: Teatro del Dodo

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Massimo Ranieri "Sogno e son desto 500 volte", concerto al Geox

    • 30 maggio 2021
    • Gran Teatro Geox
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Padova

    • dal 6 al 5 maggio 2021
    • Padova
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento