Il silenzio delle innocenti

Nella sala dei Giganti a Padova l’attrice Nicoletta Maragno in “Ma-l’amore!”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Nel 2011 in Italia sono state novantasette le donne uccise dai partner, mariti, compagni e congiunti. Nei primi quindici giorni del 2012 erano già dodici e i numeri sono costantemente in crescita (Secondo alcuni dati riportati da SNOQ, Se Non Ora Quando?). “Lo dico anche nel mio spettacolo. Il silenzio è proprio il peggior nemico delle donne. Le donne si vergognano perché in qualche modo pensano che un po’ se lo meritano.

Dopo due millenni di sottomissione, il motivo delle crescenti violenze sulle donne in questo periodo è che pian piano le donne si stanno riappropriando delle loro coscienze. È il compito di tutte le donne quello di riappropriarsi della loro coscienza e quando si trovano in situazioni di violenza devono avere il coraggio di andarsene. Il Movimento Femminista, che ha avuto grandi risultati, è stato negli anni motivo di grande contrapposizione tra questi due generi. Credo sia  arrivato il momento in cui questi due generi debbano fare la pace.

La mia performance non vuole essere solo ‘far baccano’. Il mio spettacolo vuole portare le donne a non vergognarsi, a non stare in silenzio.
È chi picchia che deve vergognarsi, non chi viene picchiato. E non solo, queste donne devono avere la forza di ascoltarsi veramente!”. Così Nicoletta Maragno disse a Nicola Argesi il 31 novembre 2011, ospite della sua trasmissione “O bianco o nero” dedicata al tema della “Violenza sulle donne”.
In Italia negli ultimi dodici  mesi, un milione di donne ha subito violenza, fisica o sessuale. Per le più giovani, ancora oggi, la violenza è la prima causa di morte. Tutto questo avviene quasi sempre nel silenzio: il silenzio è il peggior nemico delle donne. È nel silenzio che si perpetuano molte violenze.
È proprio per questo motivo che anche Nicoletta Maragno, attraverso il suo teatro, ha deciso di rompere questa omertà. L’attrice vuole fare sentire a queste donne che possono “farcela”, possono ricostruirsi una vita “normale”, possono inserirsi in ambiti lavorativi e ricostruirsi con successo una vita affettiva.
 
Sabato 9 giugno alle ore 10.00 nella Sala dei Giganti di Palazzo Liviano, Piazza Capitaniato 7 a Padova, Nicoletta Maragno racconterà il suo “Ma-l’Amore!” nell’ambito della seconda edizione del percorso formativo sulla storia e la cultura delle donne “Tra differenza e identità”. L’attrice, che interpreta storie vere di donne che hanno testimoniato le fatiche del maltrattamento e della violenza, terrà una lezione sul tema. Il percorso, giunto alla sua conclusione, è organizzato e promosso dal Forum d’Ateneo per le politiche e gli studi di genere, in collaborazione con il Comune di Padova. La coordinatrice dell'iniziativa è Saveria Chemotti, docente e delegata per la cultura e gli studi di genere dell’Università di Padova.

I più letti
Torna su
PadovaOggi è in caricamento