La tre giorni live della stagione Promovies

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

La rassegna estiva di musica e teatro della Promovies che festeggia il 27° anno di attività della sua Stagione Teatrale e Musicale propone per la fine del mese di agosto tre serate live da non perdere organizzate una dietro l'altra, giovedì, venerdì e sabato prossimi, a Palazzo Zuckermann di Padova (entrata da Corso Garibaldi, 33).

Tra musica d'avanguardia, anteprime teatrali e concerti rock-blues una tre giorni di spettacoli dedicata alle nuove compagnie, dove non manca la arts e video art, la ricerca di nuovi linguaggi espressivi, dell'equilibrio tra significante e significato, dell'asimmetria tra immagine e suono. Al riguardo è particolarmente significativo il primo appuntamento di giovedì 28 agosto alle ore 21,15 con "DOYOUDaDA in "KONZeRT", concerto-spettacolo di musica contemporanea che mescola le sonorità classiche barocche con i suoni elettronici del nuovo millennio. In scena la compagnia francese-italiana Doyoudada con protagonisti Juliette Fabre al violoncello e voce, Lorenzo Danesin alla chitarra elettrica.

Si prosegue venerdì 29 agosto alle ore 21.15 con lo spettacolo teatrale presentato in anteprima "Ballata per Venezia - dialogo armato tra una donna e un violoncello". La drammaturgia e regia sono di Giulio Boato. E' una produzione realizzata in collaborazione con Alliance Française de Venise, Fucina del Corago, Teatro della Murata. "Ballata per Venezia" è un omaggio, andato in scena finora soltanto a Bordeaux e a Venezia. Un omaggio alla tradizione orale e fiabesca, un omaggio al suono e alla musica, un grido d'amore per una città che muore. In poco meno di un'ora, una giovane donna racconta Venezia: ripete il suo nome, declinandolo in lingue diverse, per scoprire cosa si nasconde "sotto il peso del tempo / sopra l'acqua e le alghe / tra le pieghe dei palazzi e gli ori delle chiese".

La giovane donna non è sola: dialoga con un violoncello, arco settecentesco d'origini italiane, alter-ego ligneo di forme femminili. Le vocali e le corde si avvinghiano come colonne tortili, in cerca di una città sommersa. Tra la donna e il violoncello - quasi sull'orlo dello scontro fisico - veglia un angelo immateriale: un'anima digitale avvolge il suono, conciliando l'umano e l'inanimato, riportando in vita rime e rumori di un presente musicale che scorre. Le parole e le persone grondano acqua, in questa corsa contro Venezia. Una laguna di versi in prosa sale alta, una fiaba dopo l'altra, dietro le palpebre della donna.

Sabato 30 agosto alle ore 21,15 torna la musica con il concerto blues-rock del gruppo Slowband. Uno spettacolo musicale che si propone come un tributo ai grandi della musica internazionale. La band è formata da Piero Belloni (tastiere), Armando Montanari (batteria), Adriano Gastaldello (chitarra elettrica), Claudio Taddei (basso), Massimo De Mari (voce solista, chitarra acustica), Sara Moschin (voce solista).

Il nome del gruppo richiama il soprannome con cui è noto Eric Clapton "slowhand" di cui verranno riproposti molti brani celeberrimi, da "Layla" a "Bad love" a "Bell Bottom Blues". La band presenta inoltre brani di altri gruppi che hanno fatto la storia del rock come i Rolling Stones, Crosby, Still, Nash and Young e gli stessi Beatles. Una serata elettrizzante, carica di energia e di buona musica. I biglietti a posto unico costano tutti € 8 e sono acquistabili direttamente alla cassa di Palazzo Zuckermann prima dell'inizio degli spettacoli. Sono acquistabili anche in prevendita a Padova da Coin Ticketstore in via Altinate, Gabbia Dischi in via Dante, Cartoleria Ruggero in via Armistizio e Cartoleria C'era una volta in via Asolo a Paltana. Info: www.promovies.it; info@promovies.it

I più letti
Torna su
PadovaOggi è in caricamento