Martedì, 21 Settembre 2021
Eventi

Torna in piazza Capitaniato il festival del commercio equo e solidale "Tuttaunaltracosa"

Lungo l’ultimo weekend d’estate, dal 17 al 19 settembre, si incontreranno botteghe e centrali d’importazione, operatori di finanza solidale e associazioni collettive, pubblico fedele e semplici curiosi, enti di cooperazione e istituzioni pubbliche

La vechia edizione pre Covid

Per il 2021 il Festival nazionale del Commercio Equo e Solidale ha scelto di tornare in quella Piazza Capitaniato che l’aveva già ospitato con successo in precedenza. Per la sua ventisettesima edizione 'Tuttaunaltracosa' conferma Padova come crocevia per i vari attori dell’equo e solidale italiano: al Comune sarà conferito il titolo di “Territorio Equosolidale” per l’impegno nella promozione dei valori e pratiche di equità e solidarietà. Lungo l’ultimo weekend d’estate, dal 17 al 19 settembre, in Piazza Capitaniato si incontreranno botteghe e centrali d’importazione, operatori di finanza solidale e associazioni collettive, pubblico fedele e semplici curiosi, enti di cooperazione e istituzioni pubbliche. Gli stand esibiranno una fantasmagoria di colori, aromi, stili e modelli in arrivo da ogni angolo del pianeta e dai diversi territori del nostro Paese: ben 26 espositori in oltre 10 categorie merceologiche, a rappresentare la vitalità di un settore che non smette di rappresentare un modello altro nell’economia contemporanea.

Il mercato

Del resto 'Tuttaunaltracosa' è molto più di un mercato stimolante, ponendosi come occasione per promuovere lo sviluppo sostenibile a partire da temi come “la cura, la comunità e il welfare di territorio”: per questo è decisiva la presenza di varie economie solidali, riunite a progettare la transizione verso un nuovo modello di sviluppo. Il percorso è guidato dall’Associazione Botteghe del Mondo (www.assobdm.it), storica rete nazionale delle botteghe italiane di commercio equo e solidale che da 27 anni organizza il Festival. Come spiega il presidente di Associazione Botteghe del Mondo – Massimo Renno – “dare voci alle comunità di cura del territorio a livello locale e internazionale significa rimotivare i cittadini e le istituzioni a un welfare di territorio che sia anche uno stile di vita; per le comunità solidali è un’opportunità di tessere relazioni eque e solidali offrendo un’occasione di giustizia sociale e innovazione sui territori”.

Benciolini

Francesca Benciolini assessora alla cooperazione internazionale e pace: "Un evento che realizza l’obiettivo del commercio equo e solidale, che nasce proprio nel contesto della cooperazione internazionale con l’idea che chi fa cooperazione non è “buono”, ma è “giusto”, per immettere nei sistemi economici il tema della solidarietà ma soprattutto della dignità dei lavoratori e della tutela ambientale. Il fatto di essere qui oggi con l’assessore alle attività produttive Antonio Bressa, significa che le istanze di un’economia che si basi su regole che creano benefici per tutte tutti si stanno facendo strada anche nella nostra economia, come paradigmi che influenzano le nostre scelte. L’idea del commercio equo riguarda anche le aziende e i commercianti del nostro territorio, e deve essere il motore trainante di un’economia prima di tutto giusta".

Bressa

Antonio Bressa assessore al commercio e alle attività produttive: "Siamo orgogliosi di ospitare questa terza edizione di TUTTAUNALTRACOSA in città. E’ un evento cui siamo particolarmente affezionati perché è arrivato con questa amministrazione e in questi anni abbiamo costruito un legame profondo con gli organizzatori, instaurando una positiva collaborazione. E’ un appuntamento che si consolida nel calendario degli appuntamenti cittadini, molto apprezzato dal pubblico, che porta vivacità in centro storico. La cosa più importante però sono proprio i temi al centro dell’iniziativa: uno dei nostri obiettivi è quello di lavorare su eventi capaci di stimolare un consumo consapevole, perchè sappiamo quale è il potere che le persone hanno quando scelgono i loro acquisti. Far comprendere l’attenzione che si deve avere rispetto all’intera filiera che sta alle spalle del prodotti, in termini di attenzione alla dignità umana e alla tutela ambientale, è ciò su cui ci impegniamo quotidianamente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna in piazza Capitaniato il festival del commercio equo e solidale "Tuttaunaltracosa"

PadovaOggi è in caricamento