Un albero per i nuovi nati: la festa delle famiglie

Doveva svolgersi, da programma, domenica 13 maggio, ma il maltempo ha costretto l’Amministrazione comunale di Vigodarzere a un rinvio. Sarà perciò domenica 27 maggio l’appuntamento per la consegna degli alberelli alle famiglie dei nuovi nati

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

145 nuovi nati – di cui 75 maschi e 70 femmine – a Vigodarzere nel 2011: un dato che, se confrontato con le medie nazionali, è in chiara controtendenza (a fronte del numero di decessi, pari a 97). Anche per il 2012 l’Amministrazione comunale di Vigodarzere ha programmato l’iniziativa “Un albero per ogni nato”: domenica 27 maggio alla fattoria didattica/maneggio Il Calesse di Saletto (via Marconi 45, dalle ore 10,30) saranno 138 le famiglie tuttora residenti a Vigodarzere che festeggeranno con il sindaco Francesco Vezzaro e il vicesindaco Moreno Boschello la recente nascita di un figlio.

«Come sempre consegneremo una piccola pianta autoctona, gentilmente offerta da Il Calesse, a tutti i genitori dei bambini nati nel 2011 e residenti a Vigodarzere – spiega Boschello – , da piantare possibilmente nel giardino di casa o in vaso, di modo che cresca pari passo con il bambino, nella speranza che appena diventato autosufficiente se ne prenda cura. Questa iniziativa ha ovviamente un grande valore simbolico. Ma coinvolgere i bambini nella piantumazione di piccole arborescenze ha anche l’obiettivo di stimolare la coscienza ambientale di tutti, l’amore nei confronti della natura, un bene collettivo da salvaguardare».

Contribuisce all’iniziativa anche la Banca di Credito Cooperativo dell’Alta Padovana che offrirà per ogni bambino una pergamena nominativa con l’elenco di tutti i nati del Comune nell’anno di riferimento e la Baby Card, tessera per gli acquisti agevolati presso i negozi di Vigodarzere.
In occasione della Festa della Mamma, a tutte le mamme verrà inoltre consegnato un piccolo omaggio offerto dalla Floricoltura Bertolin di Tavo.
«I genitori presenti che segnaleranno di non avere la possibilità di tenere la pianta, né in giardino né in vaso – aggiunge il vicesindaco – potranno comunque ritirarla e riceveranno le indicazioni di come e dove piantarla, fermo restando che la piantumazione, la cura e tutto quanto necessario per la sopravvivenza sarà a carico, inizialmente, dei genitori e in futuro dei bambini.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento