Wora Wora Washington e Giudah in concerto al laboratorio I'M di Abano

Venerdì 3 febbraio l'associazione culturale Khorakhanè e il Laboratorio Culturale I'M presentano Wora Wora Washington (Indie Wave // Evocative Wave) e Giudah (Electro Wave).

Apertura dalle ore 20. Inizio live alle ore 22.

Wora Wora Washington è un progetto elettronico che fa base a Venezia, Nord Italia.
Raccontandoli brevemente, sono attivi dal 2009, hanno già prodotto due dischi distribuiti in tutto il mondo, hanno tenuto più di cento concerti in Italia e in Europa, sono stati ospiti in alcuni dei più importanti festival indipendenti italiani, vantano la collaborazione e la stima di diversi dj e remixer italiani e stranieri.
"Mirror", il loro terzo disco, con questa ennesima brusca virata, si propone come un disco dal sound definitivo e attuale, attingendo a piene mani dalle suggestioni di un certo linguaggio wave, nobile ed evocativo, migliorandolo con eleganti reminescenze kraut.
La scrittura, personale e riconoscibile, aiuta ad accettare di buon grado l'invito a esplorare l'universo di cui è composto. "Mirror" è specchio dell'anima e della civiltà in divenire, è lo sguardo che continuamente si allontana e si avvicina, è un'altalena costante di introspezione ed estroversione.
Le canzoni che lo compongono sono abitate da personaggi che nella quotidianità scoprono l'immagine di una sapienza futura, di un altro mondo: acrobati, cosmonauti, clubber e pendolari che con passo incerto vanno verso la loro destinazione, guerrieri di lande polverose che finalmente percepiscono la fine della paura.

Giudah è un insieme di tre musicisti della zona di Treviso con passati in band post-rock, metal ed hardcore.
Giudah! è il loro approccio all'elettronica, senza preconcetti o cliché. Giudah! è lasciare tutto alle spalle, tradire i propri passati, tradire le proprie conoscenze compositive, formali ed estetiche, tradire il proprio strumento, tradire se stessi e provare qualcosa mai fatto prima.
Nelle nove tracce del nuovo album, post-rock, metal e hardcore si trasfigurano in un'elettronica inedita, compatta come un pugno nello stomaco.
Il sound ha la potenza della musica hardcore ma è costruito su un'impalcatura serrata di drum machines, linee di synth, sferzate di basso e chitarra elettrica.
Sul tessuto di pulsazioni e campionamenti spicca sempre la melodia, rendendo i brani diretti, e l'intera operazione un nuovo esempio di sincretismo pop.

INFORMAZIONI

Contributo responsabile 3 euro. Ingresso con tessera associazione culturale Khorakhanè (5 euro).
Comunicazione riservata ai soci.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • James Blunt in concerto alla Kioene arena

    • 24 marzo 2021
    • Kioene Arena
  • PFM canta De André – Anniversary, concerto al Gran teatro Geox

    • 13 marzo 2021
    • Gran Teatro Geox
  • Subsonica "Microchip temporale club tour" all'Hall di Padova

    • 4 marzo 2021
    • Hall

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • James Blunt in concerto alla Kioene arena

    • 24 marzo 2021
    • Kioene Arena
  • “FAI un giro in villa”, ecco come partecipare al festival per conoscere le ville venete

    • dal 20 al 28 febbraio 2021
    • Online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento