Università-Impresa: al via bando da 495mila euro per sette dottorati di ricerca in azienda

Sette borse di dottorato a tema vincolato per migliorare la realtà produttiva e la competitività, con ricadute positive sullo sviluppo sociale ed economico dei territori di Padova, Rovigo e Treviso e la creazione di sbocchi occupazionali di alta professionalità

Dopo il successo dell’edizione 2019, anche quest’anno Università degli Studi di Padova, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Assindustria Venetocentro e UniSMART - Fondazione Università degli Studi di Padova collaborano alla promozione del bando per il co-finanziamento di sette borse di dottorato di ricerca in azienda a tema vincolato.

Il bando

Il bando, per un importo complessivo pari a 495.000 euro, vede il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per un valore di 250.000 euro, mentre ad ogni azienda di cui verrà selezionato il progetto di ricerca, verrà richiesto un contributo di 35.000 euro (pari al 50% del valore totale della borsa) in qualità di co-finanziamento. Sette borse per lo sviluppo di altrettante tematiche di ricerca e innovazione a forte ricaduta economica e sociale sui territori interessati, con l’obiettivo comune di costruire e rafforzare quel “ponte” sempre più imprescindibile tra ricerca applicata e produzione, potenziando così i benefici per entrambe.

Le dichiarazioni

Afferma Fabrizio Dughiero, Prorettore al Trasferimento Tecnologico ed ai Rapporti con le Imprese dell’Università degli Studi di Padova: «Anche quest’anno ringraziamo la Fondazione Cariparo che ha contribuito all’erogazione di sette borse di studio di dottorato industriale. Queste borse saranno rivolte alle imprese che vorranno intraprendere dei percorsi virtuosi di ricerca e innovazione in diverse aree di applicazione e che vedranno lavorare gli studenti di dottorato in stretta collaborazione con i laboratori di ricerca di afferenza da un lato e con le aziende del territorio dall’altro. Questa è un’iniziativa alla quale l’Università di Padova tiene particolarmente e si inserisce in un più ampio percorso di avvicinamento tra il mondo dell’impresa e quello della ricerca universitaria, soprattutto in un settore della formazione che non è molto conosciuto come quello del dottorato di ricerca». Aggiunge Gilberto Muraro, Presidente della Fondazione Cariparo: «Questo bando è pensato per appianare i gap che affliggono il passaggio dal mondo della formazione al mondo del lavoro, creando importanti occasioni per sbocchi occupazionali di elevato standing professionale. Esso è coerente con l’impegno della Fondazione volto a sostenere e incentivare la ricerca scientifica e il suo trasferimento all’impresa, creando sinergia con le istituzioni preposte». Conclude Massimo Finco, Presidente Vicario di Assindustria Venetocentro: «Nell’economia globale fondata sulla conoscenza, capitale umano di qualità, formazione e ricerca sono i fattori abilitanti, come vediamo anche in questi giorni. Il nostro territorio ha le caratteristiche per svilupparli ma occorre continuamente alimentare la circolarità della conoscenza. Da qui la nostra determinazione a svolgere un ruolo di “cerniera” tra mondo produttivo e della ricerca, favorito in questo caso dal sostegno di Fondazione Cariparo. L’obiettivo è diffondere la consapevolezza del valore di investire in conoscenza, rendere i4.0 una frontiera alla portata, creare opportunità di valore per trattenere e attrarre qui, nel nostro territorio una nuova generazione di talenti. È il senso di questo bando nell’ambito della più ampia sinergia con l’Università di Padova. Più competenze e più eccellenza scientifica dentro l’industria significano competitività e occupabilità, sviluppo e attrattività».

Recruiting

Dunque non solo ricerca ma anche una grande opportunità per fare recruiting: il bando si configura infatti come strumento per stimolare l’individuazione di talenti ad altissima professionalità, figure essenziali e abilitanti per quelle aziende che fanno dell’innovazione di prodotto, di servizio o di processo, la propria mission per affrontare la competitività dei mercati. Proprio in quest’ottica UniSMART, la Fondazione dell’Università degli Studi di Padova dedicata al trasferimento tecnologico e delle competenze, assegnerà ad ogni progetto di dottorato avviato un proprio Project Manager a sostegno dello studente di dottorato nella relazione con l’azienda e a supporto della buona riuscita del progetto. A testimonianza dell’interesse suscitato dall’iniziativa nella scorsa edizione, nelle sole due settimane di apertura del bando, ben 20 aziende hanno presentato i loro progetti stimolando la candidatura di oltre 80 studenti ambiziosi di cimentarsi con progetti di ricerca di reale interesse aziendale nei più diversi ambiti di applicazione: dall’Ingegneria dell’Informazione alla Medicina Molecolare, dall’Ingegneria Civile all’Animal & Food Science, dall’Economia e Management alla Brain-Mind & Computer Science.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Info

Il bando, reperibile alla pagina www.unismart.it/borsephd2020, è rivolto ad aziende aventi sede legale e/o amministrativa e/o operativa nelle province di Padova, Rovigo e Treviso, o gruppi di aziende partner coordinate da un leader di progetto. La data ultima per la presentazione delle proposte è mercoledì 18 marzo 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sempre più in alto: Unipd sale di 2 posizioni nella classifica mondiale Best Global Universities

  • Il Digitalmeet presentato in Senato: c'è anche il padovano Deangeli e il suo record di quattro lauree

  • Docenti e genitori in piazza: «No didattica a distanza, potenziamo i test e il trasporto pubblico»

  • Medicina, inaugurato a Treviso il corso di laurea di Medicina dell'Università di Padova

  • Remote working e donne nell’era digital, il Covid non ferma la formazione di Fòrema

  • Al via la II edizione del premio di studio “Luca Ometto” in ricordo dell’imprenditore visionario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento