Scuola

Suona la campanella per migliaia di studenti, la lettera del sindaco: «Siate responsabili»

Regole anti Covid, mascherine, Green Pass, ingressi scaglionati e 100 corse in più di autobus a disposizione di migliaia di ragazzi pronti per il ritorno in classe in presenza

Si torna a scuola. Oggi 13 settembre suona la prima campanella per gli studenti di elementari, medie e superiori, dopo quella degli asili della prima settimana di settembre. Regole anti Covid, mascherine, ingressi scaglionati e 100 corse in più di autobus a disposizione di migliaia di studenti pronti per il ritorno in classe in presenza. Ad augurare buon anno il sindaco Sergio Giordani e l'assessora alle politiche scolastiche Cristina Piva, in una lunga lettera che pubblichiamo integralmente

La lettera

Care ragazze e cari ragazzi,

come di consueto, all’inizio di ogni anno scolastico, ci rivolgiamo a voi per augurarvi un sereno inizio di attività.

Innanzitutto un saluto particolare a voi piccoli che oggi iniziate questo cammino insieme. Di sicuro state provando molta curiosità, forse con un po’ di paura, ma presto scoprirete che sarete capaci di fare cose nuove e importanti.

E’ questo un momento della vita di tutti voi, grandi e piccoli, in cui potrete imparare a essere membri consapevoli della società, non solo della comunità di appartenenza, ma anche di quelle comunità di paesi lontani che dobbiamo sentire sempre più prossime al nostro mondo.

Non viviamo infatti in universi isolati, ogni nostra azione, ogni nostra scelta può cambiare e decidere le condizioni di vita di altri abitanti della Terra, ma decidere anche il nostro futuro e la qualità di vita di tutta l’umanità.

E’ importante perciò essere preparati e informati come cittadini per agire responsabilmente. E’ bene imparare a fare scelte che tengano presenti le necessità degli altri e progredire nella scienza e nello sviluppo tecnologico nel rispetto dei diritti di tutti.

I temi del cibo, dell’acqua bene comune, delle risorse non illimitate del nostro pianeta, ci devono far riflettere, come quello recente della pandemia che ha colpito tutto il pianeta e che ci ha fatto comprendere come tutte le nostre esistenze siano legate le une alle altre e che nessuno può salvarsi da solo.

Non solo le vite contemporanee sono legate tra loro ma anche le esistenze di uomini e donne del passato, che ci hanno lasciato testimonianze di conoscenza, di cultura e di arte attraverso cui ci parlano dei passi dell’uomo nel tempo e nella storia. Padova nei mesi scorsi è stata nominata Patrimonio Unesco per i suoi siti e i suoi affreschi trecenteschi.

Questo ci deve far sentire orgogliosi della nostra storia e desiderosi di conoscere queste meraviglie che raccontano la possibilità dell’uomo di parlarci attraverso l’arte, ma tocca a ciascuno di noi impegnarci per proteggerle e preservarle.

Un pensiero e un augurio anche a voi dirigenti, insegnanti, personale della scuola che ogni giorno sapete rendere l’esperienza scolastica originale, produttiva e interessante e che, soprattutto in questo periodo, siete impegnati a fare in modo che la scuola ritorni ad essere il luogo dell’autentica relazione e della vera socialità, che tanto sono mancate negli anni precedenti e attraverso cui passa l’apprendimento; siamo certi che la vostra professionalità vi aiuterà ad ottenere i risultati sperati.

Sentiteci vicini nel vostro impegno e a tutti voi un buon e sereno anno scolastico.


Il Sindaco, Sergio Giordani

L’Assessora alle Politiche Educative e Scolastiche, Cristina Piva

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suona la campanella per migliaia di studenti, la lettera del sindaco: «Siate responsabili»

PadovaOggi è in caricamento