Martedì, 21 Settembre 2021
Università Piazze / Via VIII Febbraio, 2

Compie 800 anni e pensa al futuro: al via i festeggiamenti dell’Università di Padova

La celebrazione dell’anniversario è un’occasione per comunicare i valori fondanti dell’Ateneo (la libertà di ricerca, l’apertura al mondo, la nascita del metodo scientifico e la sua applicazione quotidiana), come eredità del passato e guida per il futuro, che lasci anche un segno tangibile e permanente dopo il termine delle celebrazioni

Da sinistra: Annalisa Oboe, Rosario Rizzuto, Daniela Mapelli e Telmo Pievani

«Attraverso le celebrazioni vogliamo raccontare i valori e l’identità europea dell’Università», sono parole piene di orgoglio quelle del Magnifico Rettore Rosario Rizzuto, che continua: «Scienza e formazione sono la costante di questi primi otto secoli. Un impegno che non si è mai fermato, neppure nei momenti più difficili della storia».

800 anni dell'Universita? di Padova, scarica il libretto (fonte UniPD)

Il passaggio di consegne

A dare il via alle celebrazioni per gli 800 anni dell’Università di Padova sarà il passaggio di consegne tra il rettore Rosario Rizzuto e la rettrice Daniela Mapelli. Dal 30 settembre al primo ottobre, in Aula Magna, nell’incontro “New ideas for the future” con i rettori di alcuni degli atenei più antichi d’Europa, si andrà a parlare del futuro delle università, del loro ruolo durante la pandemia e delle possibilità di crescita nei prossimi anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per celebrare i valori identitari dell’università – continua Rosario Rizzuto - abbiamo voluto lanciare un grande progetto, un grande programma fatto di tre parti: la prima parte sono realizzazioni solide, quindi realizzazioni che da questo momento in poi resteranno nell’università di Padova la più grande la più importante è il Museo della Natura e dell'uomo, palazzo Cavalli. Un museo straordinario, con una collezione naturalistica unica e che va a ribadire la forza della conoscenza scientifica e che sarà un'eredità lasciata dalle celebrazioni, ma anche altri luoghi fisici come il campus Beato Pellegrino, pronto ad accogliere sempre più studenti. La seconda parte è lo studio, continuare a guardare indietro, guardare cos’è stata l’Università ricordando che noi abbiamo una grande storia europea (dal 1222), prima ancora che l’Europa fosse anche solo lontanamente immaginata. La terza sono le celebrazioni, quindi gli eventi, la comunicazione e quindi le freedom lectures, ecc. un programma costruito grazie alla forza delle diversità, dalla diversità dei saperi che si sostengono a vicenda. Questo programma di comunicazione, non è come un palazzo, non è come un libro, ma crea consapevolezza e cultura. Sì è effimero, ma lascia traccia, per poter rendere il nostri valori impressi».

Voglia di conoscere e vedere

C’è una grande voglia di tornare a vedere cosa si fa all’Università ed ecco che l’occasione sarà la Venetonight 800, la notte della ricerca, il 24 settembre, ma non solo, il cartellone dell’Ottocentenario propone eventi istituzionali, appuntamenti che vedono il coinvolgimento della comunità internazionale, inaugurazioni di musei, altri legati alla valorizzazione del patrimonio di Ateneo, conferenze di divulgazione scientifica, giornate di apertura e visite straordinarie con notturni d’arte e scienza, visite guidate tematiche, laboratori didattici, installazioni e video installazioni, manifestazioni come Risvegli 800, KIDS 800, Festival sostenibilità e ancora performance artistiche, conferenze spettacolo, concerti, eventi espositivi.

800 anni di Università trasmessi anche in Rai

«La Rai ha deciso di valorizzare l'evento - conferma Telmo Pievani, delegato del rettore per il progetto comunicazione istituzionale - con una puntata di 50 minuti dedicata all’Università di Padova del documentario "Magnifiche. Storia e storie di università italiane"».

Appuntamenti in città

Inaugurazione asilo nido Milla Baldo Ceolin
18 settembre 2021
Via Ognissanti 72 Padova
Inaugurazione dell’asilo aziendale dedicato al personale dell’Ateneo.

Presentazione restauro opera Kounellis – Resistenza e liberazione
21 settembre 2021
Palazzo Bo
Il monumento che Kounellis realizzò nel 1995 per l’università di Padova torna a nuova luce grazie a un elaborato restauro.

New data for the new challenges of population and society
23 settembre 2021
Online
Conferenza pubblica sulle diseguaglianze di reddito e di salute nella storia europea con protagonista Sir Michael Marmot, scienziato e docente di Epidemiologia e sanità pubblica di fama internazionale.

Wiki800Unipd. Gli 800 anni dell’Università di Padova sui progetti Wikimedia
24 settembre 2021, 30 ottobre 2021, 27 novembre 2021, 18 dicembre 2021
Online e in sedi varie
Workshop sul funzionamento e sulle azioni di modifica di Wikipedia: vari incontri di editathon, realizzati con la collaborazione di un esperto inviato da Wikimedia Italia e di docenti del Dipartimento DiSSGEA.

Venetonight 2021: ritorniamo in città. Insieme nei luoghi della ricerca e della cultura
24 settembre 2021
Cortile Antico, Beato Pellegrino, Piovego, Orto botanico, musei unipd
Appuntamento annuale che permette a ricercatrici e ricercatori di incontrare il grande pubblico e sperimentare i risultati della ricerca conseguiti in Università

Inaugurazione restauro Sala dei Quaranta
29 settembre 2021
Palazzo Bo
Presentazione ai donors del lavoro di restauro delle tele della Sala dei Quaranta, realizzato grazie al contributo di aziende, associazioni e singoli cittadini.

New ideas for the future
30 settembre 2021 – 01 ottobre 2021
Aula Magna
Incontro con i rettori di alcuni degli atenei più antichi d’Europa per parlare del futuro dell’università, del loro ruolo durante la pandemia e delle possibilità di crescita nei prossimi anni.
Iniziano ufficialmente le celebrazioni per gli 800 anni dell’Università di Padova e ha luogo il passaggio di consegne tra il rettore Rosario Rizzuto e la rettrice Daniela Mapelli.

Musica e parole di libertà
30 settembre 2021
Teatro Verdi
Concerto della compositrice Silvia Colasanti con l’intervento dell’attore e regista Elio De Capitani sul tema della libertà.

Apertura Museo della Goliardia
2 ottobre 2021
Palazzo Bo
Inaugura nella sede centrale dell’Università il nuovo museo dedicato alla storia e alle tradizioni della goliardia patavina.

How Nature works: i postnaturalia drawings di Kristof Kintera
dal 9 ottobre 2021 al 9 gennaio 2022
Orto botanico
Le serre ottocentesche sono la sede dell’esposizione dell’artista e scultore ceco Krištof Kintera. Le sue creazioni, realizzate con gli scarti della civiltà della civiltà (come parti di strumenti tecnologici, circuiti elettronici, cavi), propongono un viaggio di esplorazione che mette a confronto natura, scienza botanica e finzione artistica.

Padua Freedom Lecture con Elena Cattaneo
29 ottobre 2021
Sala Giganti
Incontro del più recente format del palinsesto UNIVERSA, nato in occasione delle Celebrazioni per gli 800 anni per sottolineare il valore fondativo della libertas. Ospite dell’appuntamento Elena Cattaneo, farmacologa, biologa, accademica e senatrice italiana.

Alumni around the world
Ottobre, novembre (date da definire)
Presentazione del viaggio virtuale intorno al mondo ricreato grazie alle testimonianze audio e video inviate da alumnae e alumni, naturali ambasciatori dei valori dell’Università di Padova. Iniziativa promossa d’intesa con l’Ateneo dalle Associazioni Alumni e Amici.

Patavina Libertas
Ottobre e novembre (date da definire)
Presentazione di due nuovi volumi di Patavina libertas. Una storia europea dell’Università di Padova, la collana di alta divulgazione pubblicata in coedizione Donzelli Editore e Padova University Press.

Esplorazioni e scoperte: gli studiosi padovani e l’avvio della ricerca scientifica
11 novembre 2021
Orto botanico
Prima conferenza del ciclo Dall’Oltremare al sud globale in cui viene ripercorsa la storia di botanici, geologi, scienziati della terra, filosofi e studiosi che hanno avviato studi e riflettuto sull’essere umano e sulle sue strutture politiche e sociali. Al centro di quest’incontro Giambattista Brocchi, la cui vita è stata fortemente intrecciata a quella dell’Ateneo patavino.

Celebrazioni patavine del centenario della nascita di Andrea Zanzotto
12 novembre 2021 Beato Pellegrino
13 novembre 2021 Sala Anziani di Palazzo Moroni
Reading e interventi di autori e studiosi vari sulla figura di Andrea Zanzotto, noto poeta italiano della seconda metà del Novecento.

Opera Libera
20 novembre 2021
Teatro Verdi
Primo concerto del ciclo Opera Libera realizzato dal Centro d’Arte in collaborazione con l’Ateneo. Protagonista della serata la Fire! Orchestra.

Uscita del documentario Magnifiche
Novembre (date da definire)
Presentazione della puntata dedicata all’Università di Padova del documentario Magnifiche. Storia e storie di università italiane in programmazione sui canali Rai

UniCity
9 dicembre 2021
Aula Nievo
Presentazione delle ricerche del laboratorio UniCity (triennio 2019-2021) sulle relazioni tra Università e Città di Padova e prima presentazione dei risultati della ricerca BIRD sull’impatto del COVID sulla città universitaria.

Giornata mondiale dei diritti umani e 40 anni del Centro diritti umani unipd
10 dicembre 2021
Orto botanico
Conferenza di avvio delle celebrazioni dei 40 anni del Centro in occasione della giornata mondiale dei diritti umani

Celebrazioni patavine del centenario della nascita di Rigoni Stern
17 dicembre 2021 Beato Pellegrino
18 dicembre 2021 Sala Anziani di Palazzo Moroni
Reading e interventi di autori e studiosi vari sulla figura di Mario Rigoni Stern, militare e pluripremiato scrittore italiano.

Concerto OPV per unipd
Dicembre (date da definire)
Sala dei Giganti
L’Orchestra di Padova e del Veneto chiude l’anno 2021 con il tradizionale concerto dedicato all’Università di Padova.

Installazione temporanea Natale
Dicembre
Palazzo Bo
Nel periodo natalizio il Cortile Antico di palazzo Bo viene rivestito di valore con un’originale installazione artistica.

Padua freedom lectures

Universa Universis Patavina Libertas: il concetto di libertà è così radicato nella storia dell’Università degli Studi di Padova da essere impresso nel motto che da quasi 8 secoli ne accompagna la storia. Perché il significato di questa parola non sbiadisca, né il suo valore venga dato per scontato, in occasione delle Celebrazioni per gli 800 anni dell’Ateneo e nell’ambito del programma di eventi Universa, è nato il format delle Padua Freedom Lectures.

Momento cardine nella vita della comunità universitaria patavina, le Lectures offrono l’opportunità di riunire docenti, ricercatori, studiosi, studenti, ex alumni italiani e stranieri, cittadini e cittadine intorno alle riflessioni di protagonisti di altissimo rilievo, di volta in volta invitati a confrontarsi con aspetti e declinazioni dell’idea e dell’esercizio della libertà. Dalla cultura all’economia, dalla filosofia alla politica, un percorso in dieci appuntamenti iniziato nel 2020 che proseguirà fino al 2022. Di seguito l’elenco degli incontri già svolti e da svolgere; ulteriori altri appuntamenti sono in corso di definizione.

Le lectures

  • 21 maggio 2020
    Per liberare la libertà, con Jean-Luc Nancy. Incontro trasmesso in streaming sul sito e i canali social dell’Ateneo. Partendo dall’attualità, il filosofo e accademico francese ha contestualizzato l’idea della libertà: cosa abbiamo imparato dall’esperienza delle restrizioni personali durante la quarantena? In cosa consiste l’esercizio della libertà e in che senso una persona è, può dirsi o può, diventare autenticamente libera?
  • 4 giugno 2021
    Freeedom is Pace is Freedom, con Tawakkol Karman. Premio Nobel per la pace nel 2011, la yemenita Tawakkol Karman ha raccontato, in diretta streaming, in che modo la libertà sia l’ingrediente fondamentale per costruire la pace, e viceversa, partendo dal proprio impegno sociale e politico in difesa dei diritti umani.
  • 16 giugno 2021
    Arco della parità. Come le donne stanno costruendo un futuro finalmente inclusivo, con Rula Jebreal. In presenza e in live streaming, la pluripremiata giornalista, scrittrice e docente universitaria Rula Jebreal ha fornito un’importante testimonianza e un manifesto in difesa della parità di genere e della liberazione delle donne.
  • 29 ottobre 2021
    con Elena Cattaneo, Senatrice a vita dall’agosto 2013. Biologa e farmacologa italiana, il suo incontro verterà sul valore della libertà nella scienza, intesa sia come assenza di vincoli e coercizioni, sia come possibilità di indagine pura, svincolata da specifici obiettivi o oggetti di indagine. Progresso, tecnica ed etica, dunque, in una riflessione a partire dal suo ultimo libro, Armati di Scienza (Raffaello Cortina editore).
  • Ottobre 2021
    con Achille Mbembe, intellettuale camerunese cosmopolita, considerato una delle voci più autorevoli del continente africano da un punto di vista storico-filosofico e politico, in particolare per la sua provocatoria rilettura critica dei rapporti fra Nord e Sud del mondo. I cambiamenti nella percezione del concetto di libertà in relazione ai possibili scenari che potremmo trovarci ad affrontare saranno il cuore dell’appuntamento che lo vede protagonista.
  • Marzo 2022
    con Homi K. Bhabha, filosofo indiano naturalizzato statunitense, tra i principali teorici del postcolonialismo. Il suo particolare ambito di ricerca sarà il punto di partenza per un più ampio discorso sulle multiformi espressioni del concetto di libertà in rapporto con le diverse specificità culturali che caratterizzano il genere umano, con un’attenzione speciale al ruolo fondamentale delle discipline umanistiche in proposito.
  • Ottobre 2022
    con Mary Beard, accademica e scrittrice britannica, docente di studi classici presso l’Università di Cambridge. Centro della sua lecture sarà l’evoluzione del significato di libertà nei secoli, indagato da una specifica prospettiva: attraverso l’analisi del suo legame con il potere, un rapporto cruciale per lo sviluppo presente, passato e futuro della nostra società.

Venetonight 2021 – La notte della ricerca – 24 settembre ore 17-24

Ricercatrici e ricercatori dell’Università incontrano di nuovo i cittadini, Venetonight torna in presenza dopo l’edizione online di novembre 2020 che è stata seguita da 34mila utenti sul sito Venetonightpadova.it ottenendo 24mila visualizzazioni video, oltre alla partecipazione di migliaia di persone a webinar e meeting online.

L’Ateneo sceglie di tornare “in città” e di aumentare i luoghi all’aperto destinati agli incontri: accanto alla presenza dei ricercatori a Palazzo Bo viene aperto il Complesso Beato Pellegrino, realizzato rigenerando gli spazi del vecchio ospedale geriatrico secondo un progetto di Paolo Portoghesi e restituito alla città poco prima dell’inizio della pandemia.

Nella cornice del viale lungo il Piovego, la manifestazione propone inoltre a curiosi di ogni età laboratori inventati da ricercatrici e ricercatori dell’Ateneo, animando per una notte il viale con dimostrazioni ed esperimenti.

Non mancano gli appuntamenti con i racconti di scienza degli Speakers’ Corner, che animeranno il cortile nuovo di Palazzo Bo e uno dei chiostri del Beato Pellegrino.

Ambiente, storia, ingegneria, psicologia, medicina e tutte le scienze tornano protagoniste di una presenza in città che vuole essere sempre più visibile durante la celebrazione di 800 anni di storia, grazie anche alle aperture straordinarie dell’Orto botanico con la mostra Planet Book e dei musei universitari.

L’evento, giunto all’undicesima edizione, viene quest’anno completamente riorganizzato per renderne possibile lo svolgimento nel corso della pandemia, con accorgimenti come lo svolgimento interamente all’aperto.

Accanto alle proposte delle attività in presenza su prenotazione e per le quali si prevede la partecipazione di circa 4mila persone, si svolgeranno come ormai consueto attività di divulgazione online, con 35 appuntamenti da seguire in diretta e la pubblicazione di nuovi video divulgativi. Il programma completo sarà disponibile sul sito https://www.venetonightpadova.it/ a partire dal 16 settembre.

La manifestazione è resa possibile grazie al contributo di Fondazione Cariparo, con il supporto di Amici dell’Università, con il patrocinio del Comune di Padova e di Alumni dell’Università di Padova e la partecipazione dei più importanti enti di ricerca con sede a Padova.

  • 86 laboratori e giochi
  • 17 appuntamenti negli Speakers’ Corner
  • 5 attività a ciclo continuo
  • 73 webinar e video online

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compie 800 anni e pensa al futuro: al via i festeggiamenti dell’Università di Padova

PadovaOggi è in caricamento