rotate-mobile
Università

Due studenti del Bo alle universiadi invernali 2023 negli Stati Uniti

Nei prossimi dieci giorni tutti gli occhi saranno puntati sui giovani sciatori Beatrice Costato ed Elia De Zanna. Sono loro che terranno alta la bandiera dell’ateneo patavino a Lake Placid

Anche due studenti dell’Università di Padova saranno in gara alle Universiadi Invernali al via domani 12 gennaio a Lake Placid negli Stati Uniti. Il Bo si conferma ai massimi livelli mondiali anche per quanto riguarda lo sport e così nei prossimi dieci giorni tutti gli occhi saranno puntati sui giovani sciatori Beatrice Costato ed Elia De Zanna.

Dove

Sono loro che terranno alta la bandiera dell’Ateneo patavino ai giochi olimpici Universitari, che tornano dopo quattro lunghi anni di assenza a causa del rinvio per pandemia dell’edizione 2021. A Lake Placid, cittadina dello stato di New York non lontana dal confine con il Canada, sono già sbarcati oltre 2.500 atleti e tecnici in rappresentanza di 50 nazioni diverse, pronte a sfidarsi su 13 discipline. La squadra italiana porterà in gara 34 atleti, tra i quali appunto i due studenti dell’Università di Padova, entrambi all’esordio nella manifestazione.

Chi sono

Beatrice Costato arriva all’appuntamento forte del titolo italiano universitario conquistato nel 2022 nello slalom gigante. Classe 2000, originaria di Rovigo, vive a Padova per motivi di studio anche se nella stagione invernale, da diversi anni, è di stanza a Cortina d’Ampezzo per gare e allenamenti. A Lake Placid sarà impegnata addirittura in quattro specialità: Super-G, combinata, gigante e slalom. «Sono entusiasta di vivere questa esperienza», sorride Beatrice. «Avrei potuto partecipare anche nel 2019 ma rinunciai per concentrarmi sui campionati italiani e a posteriori mi sono un po’ pentita della scelta. Gareggiare all’Universiade è l’obiettivo che mi ero posta nelle ultime stagioni e sono molto felice di averlo conquistato. Per questo voglio godermi il momento, senza particolari ansie da prestazione. Il livello dei partecipanti è alto ma sono pronta a dare il massimo in ogni gara. Questo per me è un anno molto particolare, mi sto concentrando sullo studio e sul diploma da maestra da sci che sto per conseguire. In futuro, infatti, vorrei trasmettere a tanti altri giovani atleti la passione per questa disciplina».