rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Università

Emergenza studenti senza casa: 1 milione dall'Ateneo e contributo per l'Imu dal Comune

Il Bo ha stanziato un milione di euro per rimborsare le spese degli studenti che hanno dovuto alloggiare in albergo. Il Comune, invece, ha previsto un contributo sull'Imu per invogliare ad affittare a studenti

Un milione di euro. Questa la cifra messa in campo dall’Ateneo per rimborsare le spese di hotel e ostello agli studenti che in questi primi mesi non sono riusciti a trovare un alloggio. Anche il Comune ha fatto la sua parte con un contributo per pagare l’Imu a coloro che affitteranno agli studenti del Bo.

I contributi

Martedì 26 ottobre sono stati annunciati i provvedimenti emergenziali messi in campo dall’Università e dal Comune per aiutare gli studenti senza casa. Primi fra tutti quelli internazionali che devono avere la residenza per ottenere il permesso di soggiorno. «Abbiamo immatricolato 2.272 studenti stranieri e probabilmente il numero si alzerà – ha detto la rettrice Daniela Mapelli – È una soluzione di emergenza, poi agiremo sul lungo periodo. Il Cda ha deliberato lo stanziamento di un milione di euro per quegli studenti che in questo periodo hanno dovuto alloggiare in albergo. Dovranno documentare le spese sostenute e riceveranno un massimo di 500 euro». Il bando si chiude a dicembre e si può già inoltrare richiesta. «Noi daremo un contributo fino a 250 mila euro per il canone Imu a coloro che hanno appartamenti sfitti da più di 4 mesi e che affitteranno a studenti o famiglie che prenderanno la residenza – ha aggiunto il sindaco Sergio Giordani – Il contratto d’affitto dovrà essere a canone concordato». Sul tavolo del sindaco sono arrivate anche tre proposte da parte di privati che vorrebbero realizzare degli studentati di circa 300 posti ciascuno. Tutte e tre le proposte riguardano edifici in centro o comunque molto vicini alle sedi universitarie: sarebbero pronte nel giro di un paio d’anni. 

L’Udu

«La manovra approvata dall'Ateneo è certamente una prima risposta, ma non possiamo ritenerci soddisfatti – ha detto Virginia Libero, presidente di Studenti per Udu Padova -500€ a studente non saneranno il danno subito da chi, venuto a Padova per frequentare l'università, non ha trovato alloggi ed è stato costretto a trovare soluzioni di emergenza tra alberghi costosi, divani di amici e alle volte anche a dormire in macchina. La media di spesa affrontata dagli studenti che non hanno trovato casa è difatti ben più alta di 500€: da un sondaggio fatto dalla nostra associazione UDU Padova, si stima infatti una spesa media di 1000€ al mese. Dopo settimane di contrattazione con l'Ateneo per lo stanziamento dei fondi, quello che ci auguriamo è che il milione messo a bilancio per questa manovra venga esaurito per la stessa e non sia solo uno slogan. L'emergenza abitativa per altro continuerà a sussistere e bisogna trovare gli strumenti giusti per arrivare preparati al prossimo anno accademico, pretendendo dalla Regione un importante impegno per la costruzione di nuove residenze e studentati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza studenti senza casa: 1 milione dall'Ateneo e contributo per l'Imu dal Comune

PadovaOggi è in caricamento