Riapre l'università di Padova, parola d'ordine: sicurezza, con nuovi test e software di monitoraggio

«Operiamo perché vogliamo tornare a essere l'Università delle persone: persone sicure» con queste parole il Magnifico Rettore Rosario Rizzuto spiega tutte le novità per tornare nelle aule accademiche in sicurezza

Tra pochi giorni l'Università di Padova ricomincerà a vivere la sua normalità. «Questa è l'dentità dell'Università: un luogo fisico di sapere e di persone che si incontrano, motivate dalla voglia di scienza e conoscenza. Per fare questo, in questo momento ci vuole sicurezza, perchè la pandemia non è terminata», afferma il rettore Unipd, Rosario Rizzuto, nell'annunciare il ritorno in aula di studentesse, studenti e personale.

Le soluzioni adottate

Nel periodo che precede l'inizio delle lezioni, l'Ateneo ha lavorato e sta lavorando perchè nei suoi spazi sia possibile il distanziamento fra le persone, i flussi siano regolati, ci siano mascherine e soluzioni igienizzanti. Ma non si è fermata qui: «Abbiamo anche voluto fare qualcosa di più. Abbiamo voluto implementare una sorveglianza attiva su tutto il personale universitario, riservandogli uno screening non invasivo molto preciso, perchè basato sulla diagnosi molecolare: è un tampone salivare che permetterà al nostro personale di essere verificato ogni 20 giorni, esattamente come il personale sanitario».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicurezza agli studenti 

L'attenzione però è massima anche nel monitorare studentesse e studenti, con una diversa modalità: «Abbiamo modificato il software di identificazione della presenza in aula, in maniera tale da identificare non solo la presenza a lezione ma anche la posizione nello spazio, così da poter identificare i contatti di un eventuale positivo e operare su questi la diagnosi molecolare» spiega il rettore.

Persone sicure

Quello di Unipd è quindi un grande sforzo, tutto basato sulla scienza, perchè le analisi sono state verificate nei laboratori dell'Ateneo e hanno un alto grado di precisione. «Operiamo perché vogliamo tornare a essere l'Università delle persone: persone sicure».

ApprofondimentiAll'Università di Padova test salivari molecolari per la diagnosi di Covid-19

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Info ulteriori qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come ordinare i libri per le scuole ed averli a casa in sole 24 ore

  • Il Ministro dell'istruzione Azzolina si commuove a Vo’: «Adesso alziamo la testa e guardiamo avanti»

  • Inaugurazione anno scolastico a Vo', le immagini della cerimonia

  • Mattarella apre l’anno scolastico: «Si riparte a pieno ritmo proprio come ha fatto Vo’»

  • L'assessora Cristina Piva: «Scuola, noi siamo pronti»

  • Università e Covid, il protocollo del Bo per riprendere a vivere convivendo con il virus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento