Este diventa il primo Comune veneto "Amico delle Api"

«Diventare un “Comune amico delle api” permette ad Este di entrare in prima linea nella difesa e nella tutela dell’ambiente, ma anche di sostenere l’emancipazione economica e sociale dell’apicoltura»

Este sarà il primo Comune veneto ad essere "Amico delle Api" grazie alla delibera di adesione alla Campagna “CooBEEration - Apicoltura Bene Comune”.

Campagna CooBEEration

La Campagna CooBEEration fa parte di un ampio progetto europeo, promosso da Felcos Umbria e Apimed grazie a un finanziamento dell’Unione Europea. L’obiettivo è quello di creare una rete per la salvaguardia dell’apicoltura, della biodiversità e della sicurezza alimentare e interessa tutti i paesi del Mediterraneo. Il punto di partenza della campagna è quello di scoprire l’importanza strategica dell’apicoltura, presente nel territorio del Mediterraneo fin dall’antichità come attività economica e culturale. La zona geografica interessata, inoltre, gode di un’importanza unica per la sua biodiversità ed è di fondamentale importanza proteggere e preservare il territorio con azioni concrete, prima fra tutte la salvaguardia delle api. È un dato di fatto preoccupante, quello che proviene dalla ricerca: se sparissero le api, l’intero mondo arriverebbe all’estinzione. Basti pensare che ben il 75% della produzione alimentare mondiale dipende dal ruolo di impollinazione svolto dalle api. I repentini cambiamenti climatici stanno contribuendo ad una costante scomparsa di insetti impollinatori ed è fondamentale, ad oggi, tutelare e rafforzare l’apicoltura in quanto attività portatrice di interessi comuni globali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Este "Comune amico delle Api"

Spiega Roberta Gallana, sindaco di Este: «La difesa dell’ambiente e della biodiversità e un problema che interessa tutti è nostro compito tutelare lo sviluppo dell’apicoltura è valorizzarne l’importante ruolo che gioca nel territorio del Mediterraneo. Dobbiamo avere una visione a lungo termine e pensare al futuro, puntando a migliorare le condizioni di vita di tutti, in un ambiente protetto». Diventare un “Comune amico delle api” permette ad Este di entrare in prima linea nella difesa e nella tutela dell’ambiente, ma anche di sostenere l’emancipazione economica e sociale dell’apicoltura. Ad Este ha già preso il via un corso cittadino sull’apicoltura durante il mese di marzo, che proseguirà non appena possibile. È stato individuato un terreno nei pressi degli impianti di SESA dove poter collocare il primo apiario. «L’obiettivo è di inserire Este in una rete di apicoltori, inserendola di diritto in un progetto articolato di forte valenza ambientale» afferma il Consigliere Comunale Carlo Zaramella, promotore dell’iniziativa. La Campagna CooBEEration prevede un forte impegno da parte dell’Amministrazione nel sostenere lo sviluppo delle attività apistiche sul territorio, incrementando nella pianificazione del verde pubblico la coltivazione di piante e fiori graditi alle api. Inoltre, verrà posta molta attenzione all’utilizzo di erbicidi e ai trattamenti sulle alberate cittadine, che non verranno evitati in fioritura e in presenza di melata. Saranno promosse inoltre iniziative ed eventi a sostegno dell’apicoltura. Conclude Zaramella: «Puntiamo a realizzare azioni concrete e simboliche per sensibilizzare la cittadinanza, come la realizzazione di un "Giardino delle api", di percorsi didattico-formativi e di progetti di riqualificazione urbana che utilizzino le api come tema artistico e decorativo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento