menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento luminoso, università ed Arpav lanciano progetto per “salvare la notte”

Da diversi anni esperti dell'ateneo patavino si occupano degli effetti, del controllo di questo fenomeno e della razionalizzazione degli impianti

Oggi la maggior parte della popolazione in Italia non può usufruire della visione del cielo notturno. La Via Lattea  è ora visibile solo da pochi siti, lontani dai centri abitati. Da un recente report scientifico internazionale risulta che il problema è globale.

INQUINAMENTO. Il 60% della popolazione europea vive in regioni dove è preclusa l'osservazione della Via Lattea e l'Italia risulta la più inquinata assieme alla Corea del Sud, tra i paesi del G20.

SPRECHI. L'inquinamento luminoso si accompagna anche ad un inutile spreco energetico ed economico. In Italia gli impianti spesso sono irrazionali, a volte illuminano dove non è necessario, anche con un notevole eccesso di intensità, confondendo i reali punti sensibili.

UNIVERSITÀ. Da diversi anni esperti dell'università di Padova si occupano degli effetti, del controllo dell'inquinamento luminoso e della razionalizzazione degli impianti. Tra questi il professor Sergio Ortolani del dipartimento di Fisica e astronomia e il professor Pietro Fiorentin del dipartimento di Ingegneria industriale che fanno entrambi parte della commissione regionale (coordinata dall'Arpav) per il controllo dell’applicazione della legge regionale veneta del 2009 sull’inquinamento luminoso e risparmio energetico.

ASIAGO. Dal 2011 il dipartimento di fisica e astronomia di Padova, in collaborazione con l'Osservatorio astronomico dell'Istituto nazionale di astrofisica, ha iniziato misure continue della luminosità del cielo sull'Altopiano di Asiago e sta progettando un analogo sistema automatico per il controllo della luminosità del cielo a Padova. I primi risultati, che mostrano l'efficacia delle recenti misure di contenimento dell'inquinamento luminoso, sono stati presentati a congressi internazionali.

AUBÉ. Padova e Asiago ospitano in questi giorni Martin Aubé dell’università Cégep di Sherbrooke, Canada. È uno dei maggiori esperti internazionali in modelli di propagazione dell'inquinamento luminoso. Ha sviluppato un sofisticato modello utilizzato per studi specifici pubblicati numerosi articoli  in riviste internazionali. Lo scopo è la realizzazione di un modello di inquinamento luminoso per Asiago con lo scopo di identificare gli impianti più inquinanti e le strategie atte a diminuirne gli effetti, in modo da preservare la qualità del cielo all’Osservatorio astronomico di Asiago.

BUONE PRASSI. Quanto al risparmio energetico ed economico ottenibili con una corretta illuminazione, secondo i risultati del questionario rivolto ai comuni del Veneto ammonta nel solo periodo 2010-2013 ad oltre 4 milioni di euro, dall’altro un inquinamento luminoso che negli ultimi anni non pare aumentare in maniera importante ma che presenta margini di miglioramento, in particolare per gli impianti privati esistenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento