menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento da Pfas anche a Montagnana

Il fenomeno legato ai perfluoroalchilici, sostanze chimiche cancerogene che viaggiano nell'acqua dei fiumi provenienti dalle concerie del Vicentino

C'è anche il comune padovano di Montagnana, fra i siti veneti toccati dal fenomeno dell'inquinamento da Pfas.

I RISULTATI DELLE ANALISI

I RISULTATI DELLE ANALISI. Sono stati presentati mercoledì i primi risultati derivanti dallo studio di biomonitoraggio che la Regione ha realizzato con l’Istituto Superiore di Sanità relativamente all’inquinamento da sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) rilevato in alcune aree del territorio. I risultati preliminari, sotto forma di analisi statistiche aggregate, confermano la presenza di tali sostanze nell’organismo dei soggetti dell’area di maggiore esposizione, identificata con l’Ulss 5 di Arzignano e, in misura minore, con l’Ulss 6 di Vicenza, in quantità statisticamente significative rispetto all’area di controllo (parte dell’Ulss 6 di Vicenza non interessata, Ulss 8 di Asolo, Ulss 9 di Treviso, Ulss 15 Alta padovana e Ulss 22 di Bussolengo).

MONTAGNANA. Come riportano i quotidiani locali, nelle mappe regionali figura anche Montagnana. Tuttavia, il sindaco Loredana Borghesan ha chiarito come il comune della Bassa Padovana sia cinserito in una fascia non a rischio, toccata solo marginalmente dal fenomeno. Venerdì sera, ad Este, si terrà un incontro sul tema organizzato dal Movimento 5 Stelle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento