La pennichella estiva? Quella perfetta dura 20 minuti: è scientificamente testato

Uno studio scientifico ha spiegato che il riposino ideale è di venti minuti. E a migliorare la qualità del sonno anche una corretta idratazione

Chi in estate non cede al fascino della pennichella pomeridiana? Secondo quanto spiega il magazine In a Bottle (www.inabottle.it),  i ricercatori dell'American College of Cardiology hanno condotto uno studio sulle abitudini delle persone, analizzando il collegamento tra la lunghezza dei riposini pomeridiani e il loro stato di salute. La ricerca ha analizzato un campione di 300mila persone in tutto il mondo, dividendole tra chi dorme per lungo tempo, chi si riposa solo per qualche minuto e chi si ferma mai. E i risultati sono sorprendenti.

DORMIGLIONI. Secondo quanto scoperto dal team del dottor Tomohide, nelle persone che dormono per più di 40 minuti nel corso del pomeriggio si è riscontrato un aumento del rischio di incorrere in colesterolo alto, pressione alta e aumento di massa grassa intorno alla vita. In particolare, poi, quelli che dormono per più di 90 minuti hanno il 50% in più di possibilità di contrarre il diabete di tipo 2. Questo non significa, in assoluto, che fare una pennica al pomeriggio faccia male. Anzi. I ricercatori hanno dimostrato che anche dormire troppo poco e accumulare stanchezza durante la giornata può essere dannoso per l'organismo e aumentare, anche in questo caso, il rischio di sviluppare sindrome metabolica.

DURATA IDEALE. Come spesso succede, la soluzione ideale è quella intermedia. Sempre secondo lo studio, i soggetti che si accontentavano di meno di 40 minuti di riposo non hanno mostrato rischi come invece accaduto agli altri, anzi. In alcuni casi è emerso anche un miglioramento delle condizioni generali, specie nelle persone che dormivano meno di mezz'ora. Un riposino ogni tanto è necessario per ricaricarsi. Per recuperare le energie, hanno rilevato gli esperti, sarebbe ideale dormire per circa 20 minuti, in modo da consentire al cervello di staccare la spina e al corpo di rilassarsi per poi svegliarsi tonificati, rinvigoriti e senza incorrere in nessun rischio per l'organismo.

ACQUA. Il sonno è il mezzo più importante per consentire all’organismo di rigenerarsi. Una corretta idratazione durante le ore notturne favorisce uno stato di benessere importante per l’organismo, attivo anche quando noi dormiamo. Approfondite ricerche della McGill University di Montreal sottolineano come prevenire la disidratazione durante la notte, mentre uno studio pubblicato sul Behavioral Medicine Journal, dimostra l’importanza del giusto apporto idrico per l’equilibrio psico-fisico.

Potrebbe interessarti

  • Tre concorsi pubblici per 100 nuove assunzioni: ecco come iscriversi

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Pfas, prosegue il piano di screening: quasi 52.000 persone invitate e più di 31.000 visitate

  • Consigli e suggerimenti per avere la lavastoviglie pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Frontale tra due auto, una finisce nel fosso. Due feriti, donna elitrasportata

  • Impatto fatale sul guardrail tra i monti del Trentino: muore motociclista 33enne di Rubano

  • Si schiantano su un campo dopo lo scontro in autostrada: sei feriti di cui due gravi

  • Deraglia il Tram al capolinea della Guizza: ferito l'autista, contusi i passeggeri

  • Donna rapinata sui Colli: con il marito insegue il bandito, lui li minaccia con un mattone

  • Arresto cardiaco durante l'inaugurazione del "Pride Village": ricovero d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento