mobilità Santo / Via San Francesco

La spesa in bicicletta, 150 cittadini ciclisti "comprano" nei piccoli negozi di Padova

L'iniziativa, voluta da Legambiente, è partita alle 11 da piazza Antenore, proseguendo lungo via San Francesco, via Facciolati, via Sografi e piazza Portello: "Premiamo i negozi che hanno a cuore la due ruote"

Un'immagine della "spesa in bicicletta" scattata in via San Francesco

Circa 150 persone, sabato, per la "spesa in bicicletta", organizzata da Legambiente ed altre associazioni per il diritto alla sicurezza stradale e per l’agibilità dei ciclisti e la difesa delle piste ciclabili.

LA "SPESA IN BICICLETTA". "Circa 150 normalissimi cittadini in bicicletta sono partiti alle 11 – racconta Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova - da piazza Antenore. Prima tappa In via San Francesco alla 'Libreria Minerva', dove sono state acquistate decine di libri; seconda tappa  a 'Biciclette ed Accessori', al civico 121, dove sono stati acquistati led per biciclette. In via Facciolati, acquisto a man bassa di frutta 'da Luca' per finire, attraverso via Sografi, alle 12, in pazza Portello, con un ricco aperitivo/antipasto all’'Antico Desiderio', durante il quale è stato presentato il libro 'Saluti e bici', donato dalla case editrice 'Becco Giallo', scritto dai padovani Lise e Talami. Crediamo così di aver dato una dimostrazione concreta che anche i ciclisti sono motore del commercio, tanto quanto, se non  più delle auto".

CONTENUTO POLITICO. Il contenuto politico della manifestazione lo spiega Andrea Ragona, presidente di Legambiente Padova. "Sono 140mila gli spostamenti in bici che avvengono ogni giorno a Padova. Persone che si muovono per lavorare, studiare o fare acquisti, e fanno vivere molti esercizi di prossimità o del centro storico.  Eppure la mobilità ciclabile, ed in generale la mobilità sostenibile, sono sotto schiaffo. Con la nuova amministrazione abbiamo assistito a tagli alla corsie preferenziali degli autobus, alle piste ciclabili, alle aree pedonali (vedi Portello). Non solo, sono recenti le dichiarazioni dell’assessore alla Mobilità, Stefano Grigoletto, di voler aprire alle auto la zona a traffico limitato, costruendoci attorno quattro autosilos".

PICCOLI NEGOZI "AMICI DELLE DUE RUOTE". "Cercare di favorire le automobili per rivitalizzare il commercio - continua - è un'idea fuori dalla storia: tutti gli studi condotti dimostrano come gli unici a guadagnare dalla promozione del traffico automobilistico sono i grossi centri commerciali, non certo i piccoli negozi. Questi i motivi della iniziativa di oggi di fare la spesa in bicicletta in alcuni negozi che si sono dimostrati amici delle due ruote. Il nostro messaggio vuole essere chiaro - conclude - invitiamo i ciclisti a premiare i negozi che hanno a cuore le biciclette. I soldi che non spenderemo in benzina li spenderemo in pane, frutta e verdura per sostenere i commercianti che hanno capito che una città a misura di bici è una città meno inquinata, più sicura e più bella".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La spesa in bicicletta, 150 cittadini ciclisti "comprano" nei piccoli negozi di Padova

PadovaOggi è in caricamento