rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Casa

Emergenza abitativa, Catai: «Circa 700 sfratti esecutivi pronti e troppi immobili sfitti»

Prosegue il percorso politico per una Padova futura, ecologica e solidale: il terzo dei cinque dibattiti e confronti cittadini dedicati ciascuno ad un tema fondamentale per il futuro di Padova ha affrontato il tema della casa

Prosegue il percorso politico per una Padova futura, ecologica e solidale: il terzo dei cinque dibattiti e confronti cittadini promossi dallo spazio Catai e dedicati ciascuno ad un tema fondamentale per il futuro di Padova ha affrontato ieri sera 23 novembre il tema della casa. Una sessantina i partecipanti, molti dei quali costretti a seguire l’incontro dall’esterno della sala polivalente del Parco Piacentino per via dei posti a sedere contingentati. Il laboratorio ha stabilito la necessità di un intervento politico a più livelli per garantire, senza discriminazioni, un diritto fondamentale come quello all’abitare.

Laboratorio

A partire da prospettive, competenze ed esperienze differenti, il laboratorio ha fornito una lettura complessiva della questione abitativa a Padova, considerando i problemi cittadini sullo sfondo dei processi di carattere nazionale che delineano una generale erosione dei diritti sociali (tra cui il diritto all’abitare) a partire dalla metà degli anni ‘90. In particolare, Giovanna Osti (già presidente dell’Ordine degli Architetti di Padova) ha fotografato la specificità della situazione padovana e illustrato gli strumenti attualmente messi in campo dal Comune; Tiziano Peracchi (coop. Il Sestante) si è concentrato sulle misure istituzionali dedicate alla fragilità abitativa illustrando il progetto ‘Next To Me’; Giuseppe La Biunda (coop. Coralli) ha raccontato l’esperienza – unica nel suo genere in regione, ma ben più diffusa in città come Bologna – della costruzione di condomini a proprietà indivisa tra tutti coloro che vi abitano; infine, Giulia Stringhini (Asia-USB Bologna) ha fornito un quadro sull’assenza pluridecennale di reali politiche abitative in favore delle fasce meno abbienti della popolazione e sottolineato il ruolo delle lotte sociali all’interno di questo scenario, a partire dall’esperienza bolognese che anche di recente ha rilanciato la pratica delle occupazioni abitative.

Lendaro

Negli ultimi tempi trovare un alloggio in affitto a Padova è un incubo, una missione impossibile che sta rendendo la vita ancora più difficile a migliaia di soggetti (studenti fuori sede o stranieri, lavoratori e lavoratrici precari/e, persone immigrate) che già hanno alle spalle una condizione economica spesso molto fragile. «Questo non è che un singolo aspetto di un problema, l’emergenza abitativa, che vede su un altro versante l’incombere di circa 700 sfratti esecutivi nella sola provincia di Padova e, paradossalmente, la presenza di innumerevoli immobili sfitti nella nostra città - sostiene Luca Lendaro, portavoce dello spazio Catai - com’è possibile che una città come Padova, che ha nella popolazione studentesca uno dei propri punti di forza tanto economici quanto culturali, si sia accorta soltanto a corsi universitari già iniziati che gli alloggi pubblici e privati disponibili non erano sufficienti a coprire la domanda di stanze e appartamenti? Questo dato la dice lunga sullo stato delle politiche abitative e sull’attenzione ai bisogni reali della nostra città da parte delle istituzioni preposte».

Riassegnazione

«Si può e si deve fare molto di più!” continua Lendaro. “A partire dall’immediata riassegnazione degli alloggi di proprietà pubblica che risultano sfitti; dall’approvazione da parte del Comune, dell’ATER e delle associazioni di inquilini e proprietari del protocollo d’intesa ‘Zero Sfratti’; dall’investimento strutturale e non episodico nell’edilizia residenziale pubblica, i cui numeri vanno aumentati affinché il mercato privato – con le sue speculazioni e discriminazioni – non sia l’unico luogo al quale rivolgersi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza abitativa, Catai: «Circa 700 sfratti esecutivi pronti e troppi immobili sfitti»

PadovaOggi è in caricamento