L'ingegneria in ambiente virtuale si studia anche da casa: nasce il progetto "Taliercio 2020"

Dalle lezioni online ai laboratori virtuali, fino alle esercitazioni: il progetto offre agli studenti un nuovo ambiente virtuale con tutti i software e i tool necessari per l'apprendimento

Dalle lezioni online ai laboratori virtuali, fino alle esercitazioni: il progetto Taliercio 2020 (T.2020) è un nuovo sistema di digital learning che permetterà a studentesse e studenti della Scuola di Ingegneria dell'Università di Padova di seguire dal proprio PC molte attività connesse alla didattica immergendosi in un nuovo ambiente virtuale che offre tutti i software e i tool necessari per l'apprendimento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto

All'interno dells Scuola di Ingegneria il numero di corsi che fa uso del computer è in costante aumento e con essi, quindi, anche il numero di studenti e studentesse. Per migliorare il servizio, il progetto T.2020 prevede di estendere le aule informatiche sia spazialmente - consentendone l'uso da remoto - che temporalmente, ossia al di fuori degli orari di apertura canonici della storica aula informatica Taliercio. Questo progetto 2020 non mira dunque a sostituire le aule informatiche, ma ad estenderne l'utilizzo. Il progetto T.2020 rende tutti gli spazi didattici un grande “sistema” informatico virtuale, favorendo una didattica multimediale e inclusiva, che favorisce il miglioramento della vita universitaria e la diminuzione del drop-out. Per accedere all'ambiente virtuale si può usare infatti il proprio computer, secondo il principio Byod (Bring Your Own Device); chi però non ne avesse uno con prestazioni adatte al collegamento con l'ambiente virtuale, potrà richiedere all'Ateneo un computer in comodato d'uso, pagando una caparra di 100 euro; il computer dovrà poi essere restituito al termine del corso di studi. Il PC di uno studente non eseguirà i software, ma visualizzerà la sessione remota. L'ambiente remoto offrirà quindi potenza di calcolo e un ambiente già installato e personalizzato, in funzione del corso di studi. Con questo progetto, la Scuola di Ingegneria è pronta ad affrontare i prossimi anni alla luce dei cambiamenti che la didattica universitaria sicuramente subirà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

  • Riceve per sbaglio oltre 5.000 euro, e non li restituisce: denunciato per appropriazione indebita

Torna su
PadovaOggi è in caricamento