L'imposta comunale sulla pubblicità nel comune di Padova

Informazioni e modalità di pagamento dell'imposta

Il comune di Padova fa due distinzioni: pubblicità temporanea o pubblicità permanente. Vediamo nel dettaglio come fare richiesta per avere uno spazio.

Pubblicità temporanea

Informazioni e modalità di pagamento sull'imposta

IN EVIDENZA: a seguito delle misure adottate per il contenimento del Coronavirus sono previste nuove modalità di accesso all'ufficio - approfondimento.

Descrizione

Per pubblicità temporanea si intende quella realizzata mediante cartelli o qualsiasi altro mezzo pubblicitario che presenti caratteristiche di temporaneità in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che sia percepibile da questi luoghi, la cui installazione deve essere AUTORIZZATA o SEGNALATA all'Amministrazione comunale.

Procedimento

AUTORIZZAZIONE
L'installazione di qualsiasi mezzo pubblicitario, all'interno delle mura cinquecentesche e/o su fabbricati/aree vincolati o per i quali sia necessario il rilascio della concessione di occupazione di suolo pubblico, è soggetta ad autorizzazione (art.23 c. 4 del Dlgs 30/4/1992 n. 285 e ss.mm).

NUOVE INSTALLAZIONI ALL'INTERNO DELLE MURA O SU FABBRICATO/AREA VINCOLATI O SU SUOLO PUBBLICO
Vedere allegato alla parte A del Regolamento comunale per l'imposta pubblicità

Gli interessati devono presentare domanda di autorizzazione per esposizione pubblicitaria temporanea tramite il portale portale impresainungiorno.gov.it ​(attestazione versamento dei diritti di istruttoria come da tabella)- si prega di porre la massima attenzione alle seguenti casistiche nella compilazione della domanda:

  1. fabbricato/area assoggettati a vincolo culturale;
  2. installazione pubblicitaria in zona soggetta ad autorizzazione paesaggistica;
  3. mezzo pubblicitario superiore ai 6mq illuminato da luce diretta, non retro illuminata, per il quale dovrà essere allegato il progetto illuminotecnico.

La domanda per esposizione pubblicitaria temporanea deve essere presentata anche se la pubblicità è esente dall'imposta di pubblicità di cui al D. Lgs. 507/1993, Capo I.
L’Ufficio pubblicità e affissioni, valutata l’istanza, provvede al rilascio dell’autorizzazione o all’eventuale rigetto entro il termine stabilito dalla normativa vigente (90 giorni ai sensi della deliberazione Giunta comunale n. 417 del 14/09/2010), dandone comunicazione all'interessato tramite portale impresainungiorno.gov.it, invitandolo al ritiro dell’autorizzazione.
Successivamente all’invito al ritiro dell'autorizzazione, il contribuente dovrà prenotare un appuntamento sul sito web cup - prenotazioni online presso l'Ufficio pubblicità e affissioni per procedere al calcolo dell'imposta di pubblicità ed alla sottoscrizione della dichiarazione fiscale (Art.8 D.Lgs 507/1993). L’Ufficio procederà in seguito, tramite impresainungiorno, all’invio dell’autorizzazione.

SEGNALAZIONE TRAMITE SCIA
L'installazione, invece, di qualsiasi mezzo pubblicitario, fuori dalle mura cinquecentesche, su fabbricati/aree non vincolati e per i quali non sia necessario il rilascio di concessione di occupazione di suolo pubblico, deve essere segnalata all'Amministrazione mediante la Scia - Segnalazione certificata inizio attività (art. 19 della Legge 241/90 e ss.mm.).

NUOVE INSTALLAZIONI FUORI DALLE MURA, SU FABBRICATO/AREA NON VINCOLATI E SENZA OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO
Nel caso in cui le esposizioni pubblicitarie temporanee vengano installate su un fabbricato collocato fuori dalle mura cinquecentesche, privo di vincoli in materia di beni culturali o ambientali e senza occupazione di suolo pubblico, gli interessati devono presentare Scia tramite il portale impresainungiorno.gov.it (attestazione versamento dei diritti di istruttoria come da tabella), scegliendo l'opzione. ESEMPIO

Il periodo di esposizione dei mezzi pubblicitari dovrà essere indicato nella scheda di compilazione online denominata "oggetto della pratica". ESEMPIO

La Scia deve essere presentata anche se la pubblicità è esente dall'imposta di cui al D. Lgs. 507/1993, Capo I.

L'interessato deve aver ottenuto, prima di inviare la Scia, previo appuntamento sul sito cup - prenotazioni online presso l' Ufficio pubblicità e affissioni o tramite pec, il calcolo dell’imposta in modo tale da poter allegare alla Scia, la dichiarazione e l’attestazione di avvenuto pagamento, se dovuto; in questo caso il calcolo non esclude, a completamento dell’istruttoria, l’eventuale divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa che sarà comunicato tramite il portale impresainungiorno.gov.it.

Come ottenere il calcolo dell'imposta

  • tramite appuntamento:
  1. il contribuente può prenotare l’appuntamento sul sito cup - prenotazioni online;
  2. all’appuntamento ci si deve presentare con il modello per il precalcolo dell'imposta debitamente compilato, la documentazione fotografica e i bozzetti con le dimensioni espresse in metri relativi all’esposizione pubblicitaria;
  3. ottenuto il conteggio dell’imposta riepilogato nella dichiarazione, il contribuente dovrà allegare alla Scia la dichiarazione firmata digitalmente, con copia dell’eventuale versamento effettuato;
  • tramite richiesta via pec:
    in alternativa all’appuntamento il contribuente può inviare via pec (tributi@pec.comune.padova.it), almeno 15 giorni prima della presentazione della Scia, il modello per il precalcolo dell'imposta debitamente compilato, la documentazione fotografica e i bozzetti con le dimensioni espresse in metri relativi all’esposizione pubblicitaria (l’Ufficio procederà ad inviare dichiarazione e importo da versare tramite pec – successivamente il contribuente presenterà, tramite il portale impresainungiorno.gov.it, la Scia, allegando la dichiarazione firmata digitalmente e copia dell’eventuale versamento effettuato).

Info web

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento