menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allerta meteo, prolungato lo stato di attenzione: rovesci intensi fino a martedì

Dal pomeriggio di lunedì alla mattinata di martedì sono previste piogge la fasci alpina e prealpina del veneto, la pianura centro-orientale e in particolare l’area costiera

Prosegue l’ondata di  maltempo che sta interessando il Veneto dal weekend. Il centro funzionale della Protezione civile regionale ha prolungato lo stato di pre-allarme sino martedì 12 settembre, alle ore 18. Forti piogge e rovesci, frequenti e intensi, interesseranno la fasci alpina e prealpina del veneto, la pianura centro-orientale e in particolare l’area costiera, sino a metà della giornata di martedì. Nel pomeriggio-sera i piovaschi risulteranno in attenuazione. Il limite delle precipitazioni nevose si abbassa dai 2500 ai 2000 metri.

BACINI A RISCHIO.

L’allerta del sistema di Protezione civile (codice arancione, vale a dire ‘preallarme’) coinvolge in particolare la rete idraulica secondaria (sistema fognario e canali) delle aree dei bacini dell’Alto Piave e Piave Pedemontano, Alto Bacchiglione, Brenta e Alpone, Alto Garda e Monti Lessini. Basso Piave, Sile e bacino scolante nella laguna, Livenza, Lemene Tagliamento. Sono possibili anche frane e smottamenti. Codice giallo (cioè stato di attenzione) per il basso Brenta e Bacchiglione, nonchè per il sistema fluviale del Po,  Fissero, Tartaro e CanalBianco e del basso Adige.

LE PREVISIONI.

Nel pomeriggio/sera di lunedì 11 saranno probabili precipitazioni locali/a tratti sparse, anche a carattere di rovescio e temporale soprattutto in pianura. Martedì 12 fino al primo pomeriggio le precipitazioni saranno più diffuse, anche a carattere di rovescio e temporale con possibilità di fenomeni localmente intensi. Saranno possibili accumuli localmente anche abbondanti specie in occasione di rovesci intensi e frequenti, che saranno più probabili sulle zone centro orientali e in particolare in prossimità della costa. Nel corso del pomeriggio/sera di martedì i fenomeni tenderanno a diradarsi e ad attenuarsi a partire dalle zone montane. Limite della neve in abbassamento martedì da 2500 a 2000 m circa in corrispondenza dei rovesci più intensi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento