Meteo: dichiarato lo stato di allarme climatico per disagio fisico su tutta la pianura

Le previsioni indicano per lunedì condizioni di instabilità a partire dalle zone alpine con rovesci e temporali, in possibile successiva estensione verso la pedemontana

La Protezione Civile del Veneto, preso atto delle previsioni contenute nel Bollettino messo da Arpav, sulla base delle previsioni per i giorni 29 giugno 2020, 30 giugno e 1 luglio 2020, formulate in forma di tendenza, ha dichiarato lo stato di allarme climatico per disagio fisico per i giorni dal fino a mercoledì per le zone costiera e pianeggiante continentale del Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rischio temporali

Le previsioni indicano per lunedì 29, dalle ore centrali, crescenti condizioni di instabilità a partire dalle zone alpine con rovesci e temporali da locali a sparsi, in possibile successiva estensione verso la pedemontana centro-orientale e la vicina pianura nord-orientale. Non si escludono locali fenomeni intensi specie sulle Dolomiti e su prealpi/pedemontana orientali. Alla luce di tali previsioni il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile regionale ha, inoltre, dichiarato lo stato di attenzione per criticità idrogeologica (allerta gialla) e possibili fenomeni franosi superficiali nei bacini dell’Alto Piave e del Piave Pedemontano, nel caso di temporali forti, da oggi fino alle ore 8 di martedì 30 giugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento