rotate-mobile
Motori

Mercato auto in picchiata: il mese di giugno da dimenticare

A Padova si registra una perdita di immatricolazioni del 22,65 %: un dato ben più alto della media nazionale. Il parere di Massimo Ghiraldo di Ascom Confcommercio

Nonostante gli incentivi, la voglia di ritornare alla vita dopo la pandemia, il mondo delle automobili sta vivendo una crisi senza precedenti. Il mercato dell'auto non decolla. Il problema è generalizzato su scala nazionale, ma a Padova il quadro è più che mai allarmante. Se in Italia la flessione nel mese di giugno è stata del 15 %, a Padova raggiunge il 22,65 %, assestandosi addirittura al 24,97 % nel Veneto. Massimo Ghiraldo, presidente dei concessionari auto dell'Ascom Confcommercio di Padova, oggi 15 luglio 2022, ha riferito: «Diciamo subito che l'apertura della piattaforma per la prenotazione degli incentivi del 25 maggio, non ha generato una vera inversione di tendenza. D'altra parte sarebbe stato sorprendente il contrario, visto che si è agito solo sulle pronte consegne che sono poi una fetta molto limitata del mercato». Sul fronte dei singoli marchi, in forte ascesa a giugno c'è Dacia che immatricola a Padova 134 auto contro le 71 dello stesso mese del 2021, guadagnando l'88,73 %. In ascesa anche il marchio Peugeot con 133 immatricolazioni contro le 83 di un anno fa e un'impennata nelle vendite del 60,24 %. Supera le 100 immatricolazioni nel mese di giugno anche Toyota che passa dalle 135 di un anno fa alle attuali 144 con un aumento del 6,67 %.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato auto in picchiata: il mese di giugno da dimenticare

PadovaOggi è in caricamento