Mercato dell’auto in stallo, ma Padova è in controtendenza: +5,26% di vendite a marzo

Il dato di marzo ribadisce come Padova e la sua provincia rappresentino il mercato dell’auto più sviluppato del Veneto anche se come conferma Ghirando (Ascom Confcommercio): «Purtroppo la questione degli ecobonus non promette nulla di buono»

Fosse solo per il dato in se stesso si potrebbe anche festeggiare. «La verità, però, è che c’è gran confusione in ordine agli ecobonus e alle motorizzazioni (benzina, diesel, ibrido, elettrico puro) per cui non è peccare di pessimismo se sosteniamo che stiamo correndo verso uno stallo oggettivamente preoccupante». Il presidente dei concessionari auto dell’Ascom Confcommercio di Padova, Massimo Ghiraldo, consiglia di guardare con un pelino di sano scetticismo ai dati di marzo delle immatricolazioni.

I numeri

Dati che mentre evidenziano un -2,03% sul totale delle province venete nel raffronto marzo 2019 – marzo 2018, certificano per Padova un +5,26% che, peraltro, fa il paio con un +12,88% sul trimestre che quasi triplica il dato veneto fermo al +3,68%. Dunque, come si diceva, dati positivi che però potrebbero preludere ad un secondo trimestre più problematico. Sia come sia, il dato di marzo ribadisce come Padova e la sua provincia rappresentino il mercato dell’auto più sviluppato del Veneto con le sue 3.059 auto immatricolate a marzo a fronte delle 2.096 di un anno fa e con un complessivo di 9.100 vetture immatricolate tra gennaio e marzo contro le 8.062 del pari periodo del 2018.

Che macchine comprano i padovani

Se si guarda ai singoli marchi e prendendo in esame quelli che immatricolano più di 100 vetture, va rilevato come sia Volkswagen il marchio con le maggiori performance (330 vetture) comunque in calo (-4,35%) rispetto al marzo 2018. Segue Fiat con 298 ma in vistoso calo (-13,37%) rispetto al pari mese dello scorso anno mentre Ford, che si attesta a 221, migliora nettamente rispetto alle 181 di marzo 2018 (+22,10%).
Bene Toyota (189 contro 175 auto immatricolate, pari al +8%) e bene anche Opel (179 contro 150, con un aumento del +19,33%) mentre flette del 18,36% Peugeot che scende a quota 169 contro le 207 di un anno fa. Un’altra francese, Renault, registra un -28,81% (126 auto immatricolate contro le 177 del marzo 2018) mentre cresce, e sensibilmente, Dacia, che da un anno all’altro passa da 53 a 138 vetture con un balzo del +160,38% sul mese ed un +55,34% sul trimestre. Completano il quadro Citroen che con 137 vetture rispetto alle 80 di un anno prima, Lancia (129 contro 115) e Jeep che, dopo un lungo periodo di dati in crescita, a marzo flette del 19,85% passando dalle 136 vetture immatricolate nel marzo 2018 alle 109 del mese scorso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Curva ad alta velocità, auto sbanda e si rovescia di prima mattina: ferita una donna

Torna su
PadovaOggi è in caricamento