Mercato dell’auto in flessione in Italia ma in aumento nel Veneto e nel padovano

+6,3% nel mese di giugno e +7,63% nel primo semestre 2019, Ghiraldo (Ascom Confcommercio Padova): «Siamo in una fase di transizione»

«Siamo di fronte ad un periodo di transizione, nel senso che si affacciano nuove forme di immatricolazione e, soprattutto, cambiano le preferenze degli automobilisti in ordine alle motorizzazioni con i diesel che cedono il 22% nel semestre (ma addirittura il 41,7% a giugno), il metano che lascia sul campo il 28,7% e, per contro, l’aumento del benzina (+27,4%), dell’ibrido (+19,4%), del gpl (+2,6%) e dell’elettrico (+231,4%)».
Massimo Ghiraldo è il presidente dei concessionari auto dell’Ascom Confcommercio di Padova che – dice – “stanno valutando con grande attenzione un mercato che, in Italia, è sceso del 2% a giugno e del 3,5% nel primo semestre del 2019, mentre in provincia di Padova registra un +6,3% nel mese e addirittura un +7,63% nel semestre”.

Veneto isola felice?

Un dato che, in qualche misura, si riverbera anche nel contesto regionale dove il mese di giugno si chiude al +4,87% ed il semestre al +3,5%.
Dunque, Veneto isola felice? «Non possiamo dirlo – continua Ghiraldo – perché sarà soprattutto il secondo semestre quello che dirà con maggiore precisione ciò che ci si prospetta da qui in avanti e comunque va sempre sottolineato come le grandi concessionarie, operando su più province, spostino le immatricolazioni da una provincia all’altra a seconda delle esigenze e, soprattutto, sui dati pesi la politica delle case in ordine alle vetture immatricolate alle società».

Il mercato a Padova

In attesa di conoscere il futuro, il presente, per ciò che riguarda Padova ed alcuni marchi, è comunque positivo. Se infatti analizziamo le immatricolazioni del semestre per i marchi che hanno superato le 500 unità, vediamo che la palma del miglior aumento percentuale spetta a Land Rover che con le sue 535 auto nei primi sei mesi contro le 288 dello stesso periodo del 2018, segna un notevole +85,76%. Bene anche Dacia (+57,49% e addirittura +75,36% nel mese di giugno), Citroen (+54,19%) e Lancia (+28,98) mentre flettono Jeep (-27,85% nel semestre ma soprattutto -46,36% a giugno) e Renault (-27,32% nel semestre ma solo -2,76% nel mese di giugno). In termini assoluti si assiste al sorpasso di Volkswagen su Fiat: 1.804 le vetture immatricolate dal marchio di Wolfsburg (comunque -1,31% primo semestre 2019 contro primo semestre 2018) con Fiat che si attesta a 1.787 vetture contro le 1.851 dell’analogo periodo di un anno fa (-3,46% e -5,05 a giugno). Oltre mille anche Ford (1.070 contro 894 con un guadagno netto del +19,69%) e Peugeot (1.024 nel semestre contro 1.124 di un anno fa, quindi con un calo del -8,9%). Per chiudere le consuete curiosità: aumenta del 3800% (leggasi: tremilaottocentopercento) DS che da 1 vettura immatricolata nel primo semestre 2018 passa a 39, una vettura in più di Tesla, l’auto elettrica che solo a giugno ne immatricola 15 con percentuali di crescita che variano dal 200% del mese al 216,67% del semestre.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento