menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

5G ad Abano, lettera aperta al sindaco Barbierato

Giorgio Bassan si occupa di problematiche legate all’elettrosmog in alcune città del comprensorio euganeo da più di dieci anni ed ha protocollato e spedito una missiva al sindaco, che replica: «Ad Abano non ci sono e non ci saranno antenne»

Una lettera aperta al Sindaco del Comune di Abano Terme, Federico Barbierato. A spedirgliela, dopo averla protocollata, Giorgio Bassan, che si occupa di problematiche legate all’elettrosmog in alcune città del comprensorio euganeo da più di dieci anni. Ecco il testo della lettera.

La lettera

«Dalle cronache giornalistiche odierne apprendo che l’amministrazione Comunale di Abano Terme smentisce categoricamente che ad Abano ci sia o sia previsto il 5G. Chi scrive è una persona che si occupa di problematiche legate all’elettrosmog in alcune città del comprensorio euganeo da più di dieci anni. Scrivo questa nota perché volevo sottolineare innanzitutto che personalmente non oso assolutamente mettere in dubbio quanto il mio Sindaco comunica, credo però che per rassicurare me e i nostri concittadini un’amministrazione pubblica debba procedere con degli atti formali amministrativi nei confronti delle società di telefonia e non con semplici comunicati stampa. Mi permetto altresì di evidenziare che le nuove tecnologie (5G) utilizzeranno apparati trasmissivi con forme geometriche chiaramente differenti da quelli utilizzati per gli attuali collegamenti radio (GSM, UMTS, LTE) e le due nuove installazioni piazzate recentemente da un nuovo operatore in Abano (zona Giarre e Orti Sociali) presentano evidenti moduli trasmissivi in linea con le nuove tecnologie 5G. Allego foto delle nuove installazioni. Volevo altresì ricordare al capo dell’amministrazione aponense che ormai un anno fa (luglio 2018) il Comune di Abano Terme ha approvato l’installazione, oltre alle 4 nuove antenne e le 10 implementazioni tecnologiche sulle torri trasmissive già in essere, da parte di INWIT del gruppo TIM di 15 microcelle in zona parco urbano che secondo quanto dichiara il costruttore sono torri funzionali ad ospitare apparati trasmissivi con qualunque tecnologia esistente o futura. Ergo questa azienda può introdurre le nuove tecnologie, quindi anche il 5G visto le autorizzazioni già concesse, sin da domani mattina. Signor Sindaco siamo o non siamo la prima stagione di Cura e Soggiorno d’Europa? Credo che questo fatto debba rafforzare la tutela che Lei deve garantire ai propri concittadini e agli ospiti della nostra città anche in qualità di primo responsabile penale, civile e amministrativo della salute pubblica, emettendo un atto amministrativo, in linea con quanto stanno già facendo molti comuni italiani, che ordini  la sospensione immediata della sperimentazione o diffusione del 5G sul territorio comunale anche in considerazione dei recenti piani comunicati alla stampa dai maggiori operatori telefonici italiani che prevedono di terminare i roll out tecnologi in ottica 5G (TIM, Vodafone, Illiad) in tutta la nazione entro la fine del 2021». 

Il sindaco

La lettera è firmata a nome di Bassan, che però parla anche in rappresentanza di alcuni comitati denominati “Abano dice no 5G”.  Da parte sua, il primo cittadino, Federico Barbierato, ha smentito ancora una volta che ad Abano esistano o ci sia l'intenzione di installare questo tipo di tecnologia. «Stiamo approfondendo - spiega Barbierato - la questione con i nostri legali. C’è un 658 del codice di procedura penale che provvede a tutelarci, visto che non si scherza con i procurati allarmi. Non nei confronti di chi questa battaglia la fa, come Bassan, che l fa da dieci anni e sono certo che lo fa a fin di bene, ma per chi genera allarmismo. E perché lo fa? Chiaramente per convenienza politica, mi sembra anche inutile sottolinearlo». Poi sottolinea, il primo cittadino di Abano: «Per tornare al tema, confermo che non c’è nessuna installazione. E comunque, il lavoro sulla tecnologia 5G lo fa sta facendo il governo, non i comuni. Ribadisco, ancora una volta, ad Abano non ci sono e non ci saranno».

                                                                                     

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento