Giovedì, 5 Agosto 2021
Politica

Giordani: «Chi va contro le regole va punito ma niente criminalizzazioni»

«Non vi è stato alcun liberi tutti bensì stiamo attraversando una delicatissima fase di passaggio perchè tutti vogliamo tonrare a vivere una nuova normalità ma per farlo in questi gionri serve massima prudenza e testa sulle spalle»

Ha voluto farsi sentire il sindaco Sergio Giordani, dopo che un esercente delle piazze è stato multato per non aver rispettato il DPCM: «La mia e nostra linea - spiega il primo cittadino - è quella della responsabilizzazione collettiva e della fiducia nei padovani che infatti si stanno comportando ottimamente nella sostanziale totalità dei casi, l'unico modo efficace per evitare il rinfocolarsi del contagio sul medio periodo è infatti promuovere comportamenti sicuri e virtuosi. E' anche evidente che le regole ci sono e vanno rispettate perchè non vi è stato alcun liberi tutti bensì stiamo attraversando una delicatissima fase di passaggio perchè tutti vogliamo tonrare a vivere una nuova normalità ma per farlo in questi gionri serve massima prudenza e testa sulle spalle. Con gli esercenti come con i cittadini abbiamo svolto in questi giorni un'accurata attività di prevenzione e informazione e la grandissima maggioranza di chi ha attività di somministrazione, persone che vogliono solo tornare a lavorare appena sarà possibile e in sicurezza, hanno capito perfettamente lo spirirto. I controlli sono costanti e  purtroppo Piazza dei Signori è uno dei pochi casi in cui la polizia locale ha già diffidato e ammonito due esercizi su oltre venti presenti e quindi dico chiaramente che anche nell'interesse di tutti quelli che lavorano in sicurezza e seguendo le regole vale e varrà il prinicio che chi sbaglia ed esagera paga. Abbiamo fatto un grande sforzo collettivo ora tuteliamolo tutti senza criminalizzazioni ma con buon senso e rispettando le norme con scrupolo».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giordani: «Chi va contro le regole va punito ma niente criminalizzazioni»

PadovaOggi è in caricamento