Politica

Superciclabile Padova-Vicenza, firmato l’accordo per uno studio che trasformi il progetto in realtà

Un accordo per avviare il progetto di una pista superciclabile tra Padova e Vicenza, un’autostrada della mobilità sostenibile che collegherà la due aree con benefici in termini ambientali, turistici ed economici

Un accordo per avviare il progetto di una pista superciclabile tra Padova e Vicenza, un’autostrada della mobilità sostenibile che collegherà la due aree con benefici in termini ambientali, turistici ed economici. L’intesa è stata firmata a Grisignano di Zocco dai presidenti delle Province di Padova Fabio Bui e di Vicenza Francesco Rucco insieme ai sindaci di Padova, Rubano, Mestrino, Veggiano, Grisignano di Zocco, Grumolo delle Abbadesse, Torri di Quartesolo e Vicenza.

Protocollo

Il protocollo servirà ad avviare le procedure per uno studio che restituisca un’analisi puntuale delle potenzialità, degli sviluppi e dei risvolti economici e sociali che interesseranno i relativi territori, nel rispetto della tutela ambientale. Spiega Fabio Bui, presidente della Provincia di Padova: «Come Provincia siamo da sempre i sostenitori e gli attuatori della mobilità debole e di itinerari dedicati alle due ruote gli investimenti sulle piste ciclabili sono sotto gli occhi di tutti e si chiamano Anello dei Colli Euganei, Treviso-Ostiglia, Anello delle città murate e tante altre ciclovie che offrono la possibilità di raggiungere le montagne e il mare partendo da Padova. Le opportunità in termini di turismo sono ormai evidenti, ma esiste una forte richiesta di servizi anche per chi predilige mezzi a basso impatto ambientale come la bicicletta e la bicicletta elettrica per spostarsi sia in ambito urbano che extraurbano. Vicenza è uno sbocco naturale per il territorio padovano quindi credo siano maturi i tempi per realizzare questa superciclabile che collegherà due delle aree più produttive del Veneto».

Incentivi

Gli incentivi alla mobilità elettrica hanno interessato anche le due ruote e stanno facendo registrare un aumento di questi mezzi che gravano sulla rete stradale esistente, diminuendone la capacità, la sicurezza e i livelli di servizio. È necessario quindi lavorare tra territori con una visione complessiva e coordinata così da garantire la mobilità di lavoratori e studenti tramite soluzioni alternative al trasporto pubblico tradizionale o all’utilizzo di auto private con benefici sull’ambiente e la salute pubblica. L’impegno delle due Province e dei Comuni interessati al progetto è rivolto, quindi, ad elaborare congiuntamente questo studio così da definire le potenzialità trasportistiche, sociali ed economiche della nuova Superciclabile Padova-Vicenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superciclabile Padova-Vicenza, firmato l’accordo per uno studio che trasformi il progetto in realtà

PadovaOggi è in caricamento