menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Antenne 5G: Montegrotto dice no

«Siamo preoccupati - spiega il sindaco Mortandello - per il fatto che sulle radiofrequenze del 5G mancano studi sulla valutazione del rischio sanitario e per l’ecosistema derivante dall’installazione di nuove antenne che andrebbero a sommarsi alle stazioni radio di base ancora operativi per gli standard tecnologici 2G, 3G, 4G»

Il sindaco di Montegrotto Terme Riccardo Mortandello, come massima autorità sanitaria locale, ha deciso di emettere un’ordinanza per impedire l’installazione in territorio sampietrino di antenne per la telefonia ultraveloce a 5G, a radiofrequenze più alte rispetto ai precedenti standard (3G e 4G).

Montegrotto dice no

«Non siamo pregiudizialmente contrari alle nuove tecnologie, ma siamo preoccupati per il fatto che sulle radiofrequenze del 5G mancano al momento studi sulla valutazione del rischio sanitario e per l’ecosistema derivante dall’installazione di nuove antenne che andrebbero a sommarsi alle stazioni radio di base ancora operativi per gli standard tecnologici 2G, 3G, 4G oltre a tutti i ripetitori Wi-fi attivi», spiega Mortandello. «Al momento - conclude il sindaco - preferiamo garantire la tutela dalla salute pubblica ai canoni piuttosto che giovarci dei canoni di affitto delle antenne: Se in seguito i dati sugli effetti dell’irradiazione elettromagnetica per la popolazione per 24 ore al giorno dovessero essere confortanti, ne riparleremo».

E Abano?

L'amministrazione di Abano Terme, di cui erroneamene abbiamo riportato che avrebbe l'intenzione di installarle, smentisce questa ipotesi con toni molto decisi. Nonostante le rassicurazioni del sindaco però un gruppo di cttadini ha fatto pervenire, tramite l'avvocato Giorgio Destro, un esposto,  che fanno parte del comitato "Associazione delle tutela e la valorizzazione di Abano". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento