L'assessore Colasio: «Servivano provvedimenti differenziati, qui non siamo a Napoli»

Una frase che farà certo discutere quella dell'assessore alla cultura di Padova: «Qui non siamo a Napoli, qui c'è senso civico. Non ha senso chiudere tutto senza distinguo»

«Teatri, musei potrebbero essere riaperti, personalmente sono convinto che anche i ristoratori dovevano avere la possibilità di essere aperti».

Napoli e Alto Adige

Non è convinto della decisione di chiudere tutto indiscriminatamente, l’assessore alla cultura del comune di Padova, Andrea Colasio. E la frase che utilizza per mettere l’accento sul concetto siamo certi, farà discutere: «Mi permetto di dire che qui non siamo a Napoli, esiste una cultura civica molto forte, un senso di comunità e l’idea che la salute è un bene comune molto forte».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assessore fa l’esempio dell’Alto Adige e di come nella provincia di Bolzano vadano invece avanti senza blocchi. «Anche in Veneto avremmo in alcune sue aree potuto differenziare gli effetti del Dpcm. Aver fatto di tutta l’erba un fascio secondo me è una scelta sbagliata anche se nessuno deve sottovalutare il fattore rischio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento