menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli attivisti di Casetta Berta a un anno dallo sgombero: «L'Ater non ha mantenuto le promesse»

L'ATER aveva annunciato l'intenzione di destinare quei terreni alla realizzazione di un residenze per persone affette dalla sindrome di Down: «Ad oggi gli spazi rimangono in stato di abbandono e degrado crescente»

Casetta Berta aveva sede, fino a un fa in uno stabile abbandonato di proprietà dell'Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale, che l'aveva destinato alla vendita e che per questo decise di sgomberarlo. Di fronte a quello stabile è stata indetta nella mattinata del 2 marzo una conferenza stampa da parte di chi a quello spazio aveva ridato vita. 

Ater

Giusto un anno fa, appena prima dell'inizio della pandemia, il presidente dell'ATER di Padova, Gianluca Zaramella, aveva annunciato l'intenzione di non vendere più lo stabile di Via Callegari 5 e di destinare quei terreni alla realizzazione di residenze per persone affette dalla sindrome di Down. «Come animatori e animatrici dell'esperienza di Casetta Berta, abbiamo salutato positivamente quell'annuncio, ritenendolo un frutto della battaglia nostra e degli abitanti dell'Arcella per la restituzione di quello spazio al quartiere e alla città». Dopo un anno è tutto fermo, abbandonato: «Ad oggi, però, dobbiamo constatare che alle parole di Zaramella non sono seguiti i fatti e che gli spazi di Via Callegari 5 rimangono in uno stato di abbandono e degrado crescente. Quelle finestre murate e quelle erbacce che crescono sono un simbolo di come gli enti preposti si curano del patrimonio pubblico e di cosa accade quando si sgomberano gli spazi sociali».

photo_2021-03-02_12-58-47-2

Si è scelta questa data per la conferenza stampa , il 2 marzo 2021, perché ricorre l'anniversario dalla morte di Berta Cáceres Flores, alla quale era stato dedicato lo spazio. Una vita spesa a difesa dei diritti umani, l'attivista femminista e ambientalista è stata assassinata proprio perché con l'organizzazione politica indigena dell'Honduras difendeva il territorio da ulteriori saccheggi e distruzioni. Proprio all'attivista honduregna, vincitrice del premio Goldman per l'ambiente nel 2015, era dedicata la Casa del Popolo "Berta", lo  spazio di solidarietà, condivisione e organizzazione che dal 1° maggio 2019 al settembre successivo ha avuto sede in Via Callegari 5, all'Arcella. Un'esperienza ricordata con grande affetto dagli abitanti del rione, per via delle numerose attività sociali che l'hanno animata: doposcuola per bambini, corsi di italiano e di arte, pranzi popolari, uno sportello di ascolto psicologico e di prevenzione medica, e molto ancora.

photo_2021-03-02_12-58-55-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento