rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Politica Vigonza

Visita al magazzino della multinazionale a Vigonza, Bersani "Amazon sì, ma non così"

I candidati di Liberi e Uguali si sono recati sul posto per verificare le condizioni dei lavoratori

Sono stati a visitare il magazzino di Amazon a Vigonza, i candidati in Veneto della lista Liberi e Uguali. Bersani, Zanonato e Miazzi sono andati alla sede della multinazionael con l'intento di appurare quelle che sono le condizioni dei lavoratori impiegati nel magazzino. "L'attività umana - evidenzia Bersani - non è il pezzo di una tecnologia. Il lavoro non è solo il mezzo per mantentere una famiglia, è anche dignità. Bisogna mettere un alt a dei sistemi che non vanno. E non c'è solo Amazon, basti pensare al settore della logistica. Si arriva a dei livelli di abbruttimento e di disgregazione del lavoro. Le tecnologie stanno cambiando il lavoro che è ricattato e questo è inaccettabile. Ci vogliono delle norme chiare. Limitare la politica del subappalto, delle finte cooperative o s.r.l.. Bisogna ridiscutere tutto. Vogliamo considerare che ci deve essere un limite a questo?".

Niente insegna

Anche Flavio Zanonato concorda sul fatto che le condizioni dei lavoratori sono peggiorate in maniera tremenda in questi ultimi dieci anni. "I lavoratori impiegati a Vigonza, non so se per una direttiva imposta dalla dirigenza o se per scelta, hanno paura a parlare della loro condizione. Ci si dimentica che esistono anche i diritti dei lavoratori". Anche Miazzi è sulla stessa lunghezza d'onda. "Quando parliamo di salute ci riferiamo anche a questo. Ha detto bene Bersani, non si può pensare che lavorare in queste condizioni non gravi poi sulle persone. In maniera negativa, si intende". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visita al magazzino della multinazionale a Vigonza, Bersani "Amazon sì, ma non così"

PadovaOggi è in caricamento