rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica

Sulla Fiera l'attacco di Bitonci a Giordani: "Fondamentale accertamento Corte dei Conti"

L'ex primo cittadino anche il giorno dopo la sua interrogazione in consiglio comunale non cambia idea e anzi non risparmia stoccate sia a Giordani che al suo vice Lorenzoni

“Sono proprio curioso di vedere cosa succederà dopo le elezioni del 4 marzo. Vuoi vedere che sono capaci di spostare il consiglio dal lunedì a un altro giorno per mettermi in difficoltà, visto che dal martedì per tutta la settimana, sarò impegnato a Roma?”. Scherza ma non troppo, l'ex primo cittadino. Non gli è andata proprio giù la risposta del sindaco Giordani interrogato da lui in consiglio sulla querelle che riguarda la Fiera di Padova. 

Giordani in consiglio

Giordani in consiglio ha spiegato che non essendo raggiunto l’accordo definitivo e che una delle parti, quella francese, essendo quotata in borsa, ha richiesto massima riservatezza e quindi non è il momento per parlare di un accordo non ancora stipulato: “La Fiera è una risorsa per Padova - ha detto in consiglio Giordani – in un mese e mezzo tutto sarà definito. I soci francesi hanno imposto riservatezza e noi stiamo agli accordi. Tecnici e avvocati stanno lavorando per fare le cose al meglio”.

La gestione della Fiera

“Ci sono troppo cose non chiare, non c’è un documento, nulla di scritto, mentre sarebbe importante vedere le carte. La cosa grave è stata innnazi tutto aver rinunciato a Fiera Immobiliare e farla uscire da Fiera spa. Non aver sottoscritto l’aumento di capitale – prosegue Bitonci - non effettuato da Fiera Immobiliare nei confronti di Fiera Spa, non è forse stato un errore grave? E aver depauperato il patrimonio sia in capo al comune che a Fiera immobiliare stessa? ”.

Lorenzoni risponde all'interrogazione di Bitonci

“Bitonci sulla fiera ha delle informazioni parziali, ritiene di avere dei numeri da giocare per poterci attaccare ma non è così”. E’ il commento del vice sindaco Lorenzoni quando gli si chiede un parere su quanto espresso nell’interrogazione fatta dall’ex sindaco Massimo Bitonci in consiglio comunale. Questione diretta al primo cittadino Giordani, per capire come la giunta si sta muovendo per risolvere il problema della Fiera di Padova.  Anche Lorenzoni è dello stesso avviso del sindaco. Lo incontriamo sulle scale di Palazzo Moroni e gli chiediamo cosa ne pensa della risposta di Giordani: “Una spiegazione ci sarà quando tutta la partita sarà sistemata. Una volta che tutto sarà a posto si potrà chiarire tutto, ma non c’è nessun mistero, niente da nascondere. Bisogna solo salvare il comparto fiera, e basta. Con tutto l’indotto che porta, evidentemente”.

La risposta di Giordani che Bitonci non ha gradito

Inutile dire che la risposta di Giordani in consiglio non è stata affatto gradita dal leader leghista, che cerchiamo al telefono per sapere se il giorno dopo è ancora dello stesso avviso. “Ho chiesto dei chiarimenti per capire cosa sta accadendo, mi sembra lecito visto considerato di cosa stiamo parlando”. Quando gli facciamo notare che a Palazzo Moroni, in particolare il vice di Giordani, Lorenzoni, sono tutti dello stesso avviso del primo cittadino, Bitonci risponde così: “Io non parlo con il non eletto, io parlo col sindaco. Non rispondo a Lorenzoni. E’ a Giordani che ho rivolto l’interrogazione, è lui che deve dare una spiegazione. E non mi è piaciuto affatto quello che ho sentito da lui”. Che cosa in particolare, non ha gradito? “C’è un problema grave perché un ente pubblico non può parlare di riservatezza, che vale tra privati, non tra pubblico e privati. È obbligo del presidente della camera di commercio e della provincia rendere pubbliche le trattative. Non si può rispondere in quel modo in consiglio comunale”.

La Corte dei Conti

A  questo in particolare, Bitonci, risponde anche ai nostri microfoni come ha fatto in consiglio : “Un accertamento della Corte dei Conti è fondamentale. La situazione è complicata, io in un anno e mezzo ho trovato la soluzione con dei padovani e non dei francesi. La riduzione dell’affitto, i 6 milioni che ho messo sul piatto, la riparazione delle strutture sono state fatte sotto la mia amministrazione, mentre delle promesse fatte fino a oggi non si è visto nulla. Io alla Fiera ho sempre creduto, per questo ho fatto di tutto per tenerla aperta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla Fiera l'attacco di Bitonci a Giordani: "Fondamentale accertamento Corte dei Conti"

PadovaOggi è in caricamento