rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
ELEZIONI POLITICHE

Brugnaro: «Il Veneto a Roma non conta nulla. Serve l'autonomia subito»

Il leader di Coraggio Italia a Padova per presentare i due candidati del territorio, Francesco Peghin e Stefania Fochesato

«A Roma il Veneto non conta nulla - sostiene il leader di Coraggio Italia - ed è per questo che abbiamo scelto di candidare i nostri ognuno sul proprio territorio, non come fanno gli altri che piazzano persone a Pordenone o in Basilicata. L'autonomia è fondamentale per la nostra regione, perché solamente in questo modo otterremmo i risultati che ci chiedono i veneti». E' arriabbiato Luigi Brugnaro, che prima di essere sindaco di Venezia e leader di Coraggio Italia è imprenditore. E' arrabbiato perché le bollette salgono, mentre le imprese e le famiglie crollano. Oggi 7 settembre è stato a Padova per sostenere i candidati del suo movimento, Francesco Peghin e Stefania Fochesato: «Abbiamo candidato persone con un curriculum enorme. La sera tornano a dormire a Padova e quindi dovranno rispondere al loro territorio. Da qui deve ripartire l'economia, perché dobbiamo metterci nelle condizioni di aiutare le aziende energivore e le famiglie più fragili. Tutti i partiti smettano di litigare e decidano, perché le bollette vanno tagliate per decreto».

I candidati

Peghin ha appena perso le amministrative contro il sindaco uscente Sergio Giordani, ma è un imprenditore di successo e ora punta a Roma: «Il progetto di Brugnaro mi affascina, perché è molto in linea con il mio percorso e le mie idee - spiega Peghin - .Il nostro gruppo è un freno all'astensionismo, perché chi non si riconosce nei maggiori partiti adesso ha un'alternativa valida all'interno del centrodestra. Sono di tendenze liberali e civiche e non mi riconosco nei partiti - chiude - e le ho ritrovate nel progetto di Brugnaro. Un progetto che magari avrà un futuro anche attraverso il mio gruppo civico in consiglio comunale e, perché no, anche in Regione». «Il volontariato deve avere una voce importante di chi lo conosce veramente - evidenzia invece Fochesato - ed io che ci sto dentro da 25 anni posso farlo. Faccio parte di una realtà su cui in pochi avrebbero scommesso, eppure è diventata tra le più importanti di Padova. Voglio applicare lo stesso schema alla politica: se ognuno fa la sua parte si possono ottenere grandi risultati. Ci sono fragili, precari e adesso anche molte famiglie in difficoltà per via di inflazione e caro bollette. Dobbiamo portare queste voci a Roma. Io sono di questo territorio e quindi conosco perfettamente le esigenze di questa città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brugnaro: «Il Veneto a Roma non conta nulla. Serve l'autonomia subito»

PadovaOggi è in caricamento