Politica Battaglia Terme

«Rendere navigabili i canali fino a Pontelongo e Bovolenta»: la proposta di Elisa Venturini

Aggiunge la capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale: «Io penso che la cosa più adatta in questo momento sia avviare uno studio di fattibilità che preveda la progettazione degli interventi di pulizia e bonifica dalla conca di Battaglia Terme fino al Museo della Navigazione, e successivamente dal canale Vigenzone fino al Ponte di Cagnola»

«Ho presentato in Regione una mozione con la quale chiedo alla Regione stessa di attivarsi presso Infrastrutture Venete srl per mettere in campo una analisi progettuale che studi le azioni idonee a rendere fruibili per la navigazione i canali Rialto e Vigenzone da Battaglia Terme fino a Pontelongo e Bovolenta»: Elisa Venturini, capogruppo di Forza Italia in consiglio Regionale, avanza la proposta di fare passi avanti nel progetto che punta ad aumentare il tratto navigabile della rete fluviale veneta e padovana in particolare.

Canali navigabili

«Per molti secoli - ricorda Elisa Venturini - il materiale proveniente dai Colli è stato trasportato fino alla laguna di Venezia, al Po e all’Adige su enormi barconi, i burci (burchi), attraverso le vie fluviali, vere e proprie strade d’acqua. Fino a inizio ‘900, le merci trasportate, una volta giunte nel paese di Battaglia Terme, dovevano essere trasbordate da un barcone all’altro perché non esisteva una via di collegamento tra il canale Battaglia e il canale di Sotto (Sottobattaglia/Vigenzone). Vista la mole del traffico commerciale fluviale in continua crescita nell’Ottocento e la scomodità dei trasbordi che occupavano anche intere giornate, si sentì l’esigenza di costruire una conca di navigazione, una sorta di ascensore fluviale a disposizione dei barcari; nel 1900, con la soluzione trovata da una commissione ministeriale che propose la realizzazione di una triconca, cioè una conca con tre bacini e ben quattro ordini di porte. La Conca di Battaglia Terme vide transitare l’ultimo burcio verso la fine degli anni ’60 e che il trasporto per via acqua  è stato abbandonato fino al 1998 anno della seconda inaugurazione, dopo il restauro attuato dal Genio civile di Padova. Da allora però gli investimenti per la pulizia dei corsi d’acqua, in particolare il Rialto/Vigenzone scarseggiano e la navigazione in quei tratti non è più stata possibile».

Elisa Venturini

Aggiunge Elisa Venturini: «Il Parco dei Colli con una apposita delibera ha chiesto agli enti preposti di agire ed assumere iniziative adeguate, io penso che la cosa più adatta in questo momento sia avviare uno studio di fattibilità che preveda la progettazione degli interventi di pulizia e bonifica dalla conca di Battaglia Terme fino al Museo della Navigazione , e successivamente dal canale Vigenzone fino al Ponte di Cagnola (Cartura), individuando le azioni necessarie per consentire la navigazione, anche provvedendo a progettare interventi idraulici per  il sezionamento del canale e consentire la navigazione all’interno della sezione delimitata, cosa che sarebbe una alternativa ad un più complesso e costoso intervento di completo dragaggio dei canali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Rendere navigabili i canali fino a Pontelongo e Bovolenta»: la proposta di Elisa Venturini
PadovaOggi è in caricamento