I candidati padovani di Articolo Uno ne Il Veneto che vogliamo

Odette Mbuyi e Alessandro Tognon, lei dipendente della Safilo di origine congolese, lui tuta blu, sono i candidati di Articolo Uno nella lista provinciale del Veneto che Vogliamo di Padova

«Cosa ha fatto Zaia per quelli come noi? Un bel niente. Quindi ci candidiamo». Odette Mbuyi e Alessandro Tognon, lei dipendente della Safilo di origine congolese, lui tuta blu, sono i candidati di Articolo Uno nella lista provinciale del Veneto che Vogliamo di Padova.

Veneto

«Con le nostre storie rappresentiamo donne e uomini con degli interessi ben precisi, mentre Zaia ha in mente solo quelli dei più ricchi», dichiarano i due rappresentanti della sinistra, che in tasca oltre alla tessera di Articolo Uno hanno quella del principale sindacato italiano. E spiegano: «Il Veneto "tax free" esiste solo nelle favole, l'addizionale Irpef Zaia l'ha tolta a se stesso, perché noi lavoratori già non la pagavamo. Quelle risorse sono state sottratte alla sanità pubblica e al sociale. Cos'hanno fatto i vari Zaia e Galan in venticinque anni di governo, per la sicurezza nei luoghi di lavoro? Per la tutela della salute? E per la difesa dell'ambiente? Nulla, il Veneto merita di più e per questo ci mettiamo in gioco. Conosciamo i problemi dei veneti che lavorano, sono i nostri».

Zaia

«Abbiamo letto che Zaia è stato presente al 2,35% delle votazioni in consiglio regionale. È un lusso che nel nostro lavoro non possiamo permetterci, con questa percentuale di presenze saremmo subito licenziati», commentano i due candidati. Alessandro Tognon, segretario provinciale di Articolo Uno. Nato e residente a Padova, sposato, ha due figli. Fa l'operaio ed è iscritto all'ANPI: «l'antifascismo è un valore, un requisito fondamentale per poter fare politica». Odette Mbuyi, lavoratrice dipendente della Safilo dove è stata eletta Rsu e rappresentante per la salute la sicurezza dei lavoratori. Le sue radici sono in Congo, in Italia ha costruito vita, lavoro e famiglia. Ha una figlia che ama la musica. Da tempo segue percorsi di conoscenza reciproca e integrazione tra italiani e stranieri, attualmente svolge anche un servizio volontario allo sportello immigrazione della Cgil: «il mio impegno è per la costruzione di una comunità più aperta, giusta, solidale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

  • Mancato utilizzo della mascherina: chiusi per 5 giorni cinque bar della città

  • Zaia, nuova ordinanza: «Tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero in Veneto»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento