menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rostellato in carcere: "Grave, non c'è neppure acqua calda per tutti"

La deputata di Alternativa Libera, lunedì mattina, ha visitato la struttura penitenziaria Due Palazzi di Padova: "Personale sottodimensionato costretto agli straordinari, muffa e mancanza di igiene per i detenuti"

Lunedì mattina, Gessica Rostellato, deputata di Alternativa Libera, dopo le dimissioni dal Movimento 5 Stelle, ha visitato il carcere Due Palazzi di Padova. Al termine del "sopralluogo", in cui ha avuto modo di parlare con esponenti del sindacato di polizia penitenziaria, la Rostellato ha definito "molto grave" la situzione della casa di reclusione padovana.

PERSONALE SOTTODIMENSIONATO. "Ci è stata ribadita la mancanza di penitenziari. Attualmente sono 280 invece dei 340 previsti, e calcolati però su 350 detenuti (attualmente i detenuti sono circa 750) - ha illustrato Gessica Rostellato - inoltre ci è stato fatto presente che a seguito degli arresti e degli allontanamenti degli agenti coinvolti nella operazione denominata 'Apache', il personale penitenziario non è stato sostituito. Tutti gli agenti, in una situazione già difficile, sono costretti ad effettuare ogni mese parecchie ore di straordinari. Non vi sono risorse economiche per la manutenzione delle carceri e quindi spesso ci si trova a non poter avere tutti i sistemi di sicurezza previsti e funzionanti”.

MANCA ACQUA CALDA. La diminuzione del numero di ingressi, grazie agli ultimi provvedimenti in materie di carcere, "ha ridotto anche i disagi dovuti alla convivenza di troppi detenuti in spazi ristretti quindi ci si sta via via adeguando alle disposizioni previste di 3 metri quadri per detenuto - continua - ma non essendoci risorse per la manutenzione ordinaria non è possibile ripristinare o cambiare il sistema di riscaldamento che non funziona, l’acqua calda non è sufficiente per tutti i detenuti, i locali delle docce sono pieni di muffa e mancano i sistemi di aspirazione. Questo porta anche a malattie di molti detenuti e a mancanza di igiene e di certo - conclude - non aiuta il mantenimento del quieto vivere all’interno della struttura”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento