rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Politica

«I cartelloni di Giordani sono uno spreco di soldi pubblici a fini elettorali»: l'attacco dei deputati della Lega

Massimo Bitonci, Alberto Stefani, Arianna Lazzarini e Adolfo Zordan hanno annunciato di aver depositato una doppia interrogazione parlamentare «per promuovere una verifica da parte dei servizi ispettivi di finanza pubblica su un evidente danno erariale»

Anche questa è campagna elettorale: Massimo Bitonci, Alberto Stefani, Arianna Lazzarini e Adolfo Zordan, ovvero i deputati padovani della Lega, hanno annunciato di aver «depositato un'interrogazione ai ministri dell’Economia e dell'Interno per promuovere una verifica da parte dei servizi ispettivi di finanza pubblica su un evidente danno erariale, in seguito alla nota campagna di cartelloni e installazioni temporanee nel Comune di Padova».

Cartelloni pubblicitari

Nel mirino finiscono due diverse campagne, come specificano i deputati: «Una riguarda la presunta informativa promozionale volta a "dare grande visibilità alle opere, in essere e di prossima realizzazione", mentre l'altra si riferisce alla sensibilizzazione vaccinale: quest'ultima, da convinti sostenitori della vaccinazione, poteva essere effettuata almeno senza l'immagine del sindaco Giordani nell’anno di elezioni. Risulta evidente che entrambe le determine hanno mere finalità promozionali e nessuno scopo informativo, ampiamente esaurito con precedenti comunicazioni, e come tali rientranti nelle cosiddette spese di rappresentanza e quindi per noi illegittime con utilizzo di soldi pubblici dei Padovani. Una costosa campagna (mettendo a disposizione oltre 120mila euro) di pubblicità istituzionale, encomiastica, ripetitiva e indebita, con chiara finalità di propaganda e persuasione. E questo a pochi mesi dalle elezioni amministrative, che vedono la ricandidatura del sindaco in carica. Un sindaco e un'amministrazione che si riconfermano arroganti nell'uso del denaro pubblico, anche attraverso i contributi a pioggia ad associazioni varie, utilizzando i 37 milioni di euro recuperati grazie al ricorso sul Fondo Perequativo dell'amministrazione Bitonci nel 2015. Presenteremo un esposto alla Corte dei Conti per danno erariale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«I cartelloni di Giordani sono uno spreco di soldi pubblici a fini elettorali»: l'attacco dei deputati della Lega

PadovaOggi è in caricamento