L'assessora Benciolini: "Ecco come cambiano i cimiteri"

Conclusosi il lavoro sperimentale nel cimitero di Granze, un piano per rivoluzionare la gestione e la fruizione di questi luoghi. L'elemento ghiaia una delle novità

L’assessora Francesca Benciolini ha presentato alla stampa non solo il lavoro compiuto al cimitero di Granze, ma anche il piano di lavoro pensato per intervenire allo stesso modo in tutti i cimiteri della città.

Granze

Sostituire la terra con la ghiaia negli spazi destinati alle tombe, prato dove lo spazio è libero. Questo in estrema sintesi l’intervento fatto al cimitero di Granze e portato a termine proprio in questi giorni: “Abbiamo scelto - spiega l’assessora Francesca Benciolini - di cominciare da uno piccolo e in periferia. Il cimitero di Granze è rimasto schiacciato da due grosse arterie che servono la zona industriale, è anche difficile trovarlo. Chi lo frequenta, chi lì ha i propri cari, ha diritto a un luogo che non sia solo dignitoso e pulito, ma quanto più possibile bello. Anche la bellezza genera sicurezza. Sono l’abbandono, la precarietà che innescano fenomeni di degrado”.

Piano

Il piano prevede immediatamente lo stesso tipo già nei prossimi mesi è quello di intervenire in questo sesso modo in quattro piccoli cimiteri l’anno e in quattro campi dell’immenso Maggiore. “In questi mesi ho viaggiato per vedere come facevano negli altri comuni, anche in altri Paesi d’Europa. Ho notato ovunque le stesse problematiche, l’erba che cresce tra le tombe crea disordine, non aiuta chi si deve muovere per raggiungere una in particolare. Invece così è tutto più ordinato, l’accesso è facilitato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arte e cultura

Tra le molte novità annunciate nell’ambito dei cimiteri cittadini, oltre alla collocazione di personale volontario all’interno e continuare la collaborazione con le cooperative che ospitano migranti, anche l’opportunità di organizzare eventi culturali all’interno di questi spazi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Biennio

Entro il 2018 sarà stesa la ghiaia nei cimiteri di Terranegra, Voltabrusegana e Montà e in tre campi del Cimitero Maggiore. Nel 2019 toccherà ad Altichiero, Voltabarozzo Vecchio, Salboro e Torre e ad altri otto campi del Maggiorem, quindi anche per il biennio successivo quattro cimiteri urbani e otto campi del Maggiore all’anno. Complessivamente è previsto un ulteriore investimento di 31 mila euro per il 2018, di 85 mila euro nel 2019 e di 196 mila nel 2020 e 2021. L’investimento complessivo nel triennio 2019-2021 sarà di 967.460 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento